Cebeni, Valentina - La ricetta segreta per un sogno

estersable88

dreamer member
Il primo profumo che Elettra ricorda è quello del pane appena sfornato e dei biscotti speziati. Nella panetteria in cui è cresciuta ha imparato da sua madre che il cibo è il modo più semplice per raggiungere il cuore delle persone. Ma adesso che lei non può più occuparsi del negozio e ha lasciato tutto nelle mani di Elettra, i dolci non hanno più questo potere, e tutte le domande rimaste in sospeso tra loro non hanno una risposta, domande su un passato che la donna non ha rivelato a nessuno. Elettra non ha altro in mano che una collanina con inciso il nome di un'isola misteriosa, l'isola del Titano, un pezzo di terra sperduto nel Mediterraneo la cui storia si perde in mille leggende. Tocca a lei affrontare il viaggio per scoprire come mai il vento dell'isola porta con sé gli stessi sapori della cucina di sua madre, perché solo così potrà ritrovare sé stessa.

Questo libro è rimasto chiuso, in attesa, nella mia libreria virtuale per molto tempo: sono sempre titubante quando si tratta di affrontare una storia come questa, incerta davanti al rischio di incappare nella solita storia rosa uguale a mille altre. In effetti "La ricetta segreta per un sogno" non brilla per originalità, la trama risulta anzi piuttosto prevedibile: una ragazza in crisi lavorativa e familiare che, in cerca di risposte sul suo passato, si mette in viaggio seguendo la scia lasciatale dalla madre in fin di vita. Ed è quello che succede ad Elettra che, in preda ai dubbi e all'incertezza, si mette in viaggio per l'isola del titano, in cerca di un convento dove presumibilmente sua madre, Edda, che ora è in coma, ha vissuto. Tuttavia c'è un qualcosa di "magico" che pervade molti eventi in queste pagine, la magia di alcuni luoghi, di alcuni odori e sapori, la magia di anime che si incontrano e si riconoscono. C'è qualcosa in questo racconto che lo rende speciale, diverso da tanti altri e meritevole di essere letto: è qualcosa che va al di là della razionalità, è la forza dell'unione, della solidarietà, dell'amicizia, del ritrovarsi e del dividere con altri i propri fardelli che non per questo scompaiono, ma sono di certo più sopportabili. Anche solo per questo, "La ricetta segreta per un sogno" val bene una lettura. E poi si parla di cibo… volete mettere?
 
Alto