Basso, Alice - Nascita di una ghostwriter

estersable88

dreamer member
Capelli corvini e abiti rigorosamente neri che le danno un'aria misteriosa e impenetrabile: è il biglietto da visita di Silvana Sarca, meglio nota come Vani, nel giorno del suo affrancamento. Da oggi ha un lavoro vero. Uno di quelli con cui potrà finalmente mettere a tacere le continue lamentele della madre sul suo modo di vestirsi e comportarsi. È la nuova ghostwriter delle Edizioni L'Erica, la casa editrice più illustre e antica di Torino. Qui ha il delicato compito di redigere i libri degli altri restando sempre nell'ombra: le bastano un'idea e pochi materiali da studiare per calarsi nei panni dell'autore e scrivere esattamente come avrebbe fatto lui. E ci riesce benissimo grazie al suo intuito infallibile e a uno spirito di osservazione senza eguali. Doti che non tardano a vincere le riserve dell'irrequieto direttore editoriale e a rassicurarlo che non poteva fare scelta migliore. Perché Vani non è una semplice ghostwriter, è molto di più. È la candidata perfetta per un lavoro che richiede massima discrezione e riservatezza.

Il primo giorno di lavoro di Vani Sarca, la ghostwriter punk che noi fan di Alice Basso conosciamo così bene. Un raccontino breve e godibile di non più di cinquanta pagine in cui veniamo a conoscenza del primo contatto di Vani con quelli che saranno i personaggi principali della serie. Un buon modo per rinfrescarsi le idee in attesa dell'uscita imminente del prossimo (ultimo) libro.
 

Nefertari

Active member
Io adoro Vani!!! Ho già letto i primi due libri della serie che la vede protagonista e ora questo racconto che è un vero gioiellino!!! Leggerò anche gli altri. Mi piacciono molto il suo modo di fare e il suo sarcasmo, le sue capacità empatiche e non da ultimo il suo lavoro!!
 
Alto