Garufi, Bianca

Ondine

Logopedista nei sogni
L'attività di Bianca Garufi occupa un posto importante nel campo della letteratura (traduzioni e scrittura propria) però anche nell'ambito della psicologia, in particolare nella psicoanalisi junghiana. La Garufi è la prima a dedicarsi in Italia a questo ramo della psicoanalisi.
Oltre all'attività di psicoanalista fa parte del gruppo della resistenza antifascista e lavora per Einaudi dove conosce Cesare Pavese e diventa la donna che ispira lo scrittore a scrivere I Dialoghi con Leucò.

Io ho letto il romanzo Fuoco grande scritto dall'autrice insieme a Cesare Pavese e le parti scritte da lei richiamano molto i temi psicoanalitici e ho intravisto una personalità forte e indipendente, tanto è vero che la collaborazione con Cesare Pavese si interromperà per discordanza di vedute sulla scrittura a quattro mani, dove Bianca fatica a scendere a compromessi stilistici suggeriti invece da Cesare.
Ora invece sto leggendo il carteggio tra lei e lo scrittore dove si legge che a legarli, oltre che una collaborazione letteraria, è anche un rapporto sentimentale piuttosto squilibrato, nel senso che la parte innamorata è Cesare.
 

elisa

Motherator
Membro dello Staff
bianca-garufi-cesare-pavese.jpg


Cesare Pavese con Tina Pizzardo
 
Ultima modifica:

Ondine

Logopedista nei sogni
Scusami elisa ma la donna in foto non è Bianca Garufi ma Tina Pizzardo (la donna dalla voce rauca).
 

Ondine

Logopedista nei sogni
Bianca è una persona difficile nel rapporto umano, che non nasconde le proprie debolezze e fragilità, preoccupata di continuo dalle difficoltà finanziarie, pur provenendo da una famiglia agiata dell'aristocrazia siciliana, assillata di continuo da malattie in parte psicosomatiche (sinovite che la immobilizza nel soggiorno alla Casa della salute di Uscio, orticaria di origine nervosa, sinusite, depressione ricorrente), incostante nell’impegno professionale e per questo più volte rimproverata da Cesare.
 

qweedy

Active member
Ora invece sto leggendo il carteggio tra lei e lo scrittore dove si legge che a legarli, oltre che una collaborazione letteraria, è anche un rapporto sentimentale piuttosto squilibrato, nel senso che la parte innamorata è Cesare.

Ecco dove ha preso l'ispirazione per i due protagonisti di Fuoco grande!
 

Minerva6

Monkey *MOD*
Membro dello Staff
Grazie ad Ondine ho avuto modo di leggere ben tre opere di Bianca, la prima è stata Fuoco grande in MG, poi il suo seguito, Il fossile e infine Libro postumo, il suo primo romanzo.
Leggerò anche io il carteggio con Pavese e forse altro se riuscirò a reperirlo in e-book perché l'ho messa come secondo autore adottato per quest'anno :wink:.
Finora credo che il mio preferito sia proprio quello che ho trovato meno facile da seguire, Libro postumo, perché mi è sembrato comunque quello scritto con maggiore intensità e spazia in diversi campi.
 
Alto