Berest, Claire - Nulla è nero

estersable88

dreamer member
Tutto è allegria, tutto è politica. Tutto abbatte i pudori e i tabù alle serate mondane di Tina Modotti.
Frida l’ha conosciuta quando, liberatasi del busto ortopedico in cui, dopo l’Incidente, era racchiusa come una crisalide, ha cominciato a bazzicare la sede del PCM, il partito comunista messicano. Con il suo naso italiano, il suo petto scultoreo, il ritmo ciarliero del suo eloquio staccato, Tina ha aperto subito una breccia nel suo cuore.
A una serata particolarmente festosa della fotografa italiana, dove si beve, si sbraita, si canta, e si ride più del solito, Frida vede per la prima volta Diego Rivera, el gran pintor del Messico, l’artista che, con Orozco e Siqueiros, ha portato la pittura fuori dai salotti borghesi, ha ritrovato la vocazione del colore e della smisuratezza, ha dipinto meravigliosi affreschi in cui uomini e donne si ergono, fieri, a tre metri di altezza.
È un pachiderma o, meglio, una piovra dai tentacoli ammalianti, un uomo elefantesco dall’agilità contro natura, un ammasso di carne rosea che suscita, tuttavia, un sapore immediato e irresistibile di proibito. È, soprattutto,una figura irresistibile per Frida, che non esita, nei giornisuccessivi, a presentarsi alsuo cospetto da sola, senza soggezione. Lei, lameticcia di Coyoacán che ha vent’anni di meno, la colonnaspezzata, le gambe arrugginite, al cospetto del grande pittore.
La passione esplode immediata. Frida non ha timore a concedersi a quell’uomo, un gigantesco totem che ha dieci vite di vantaggio su di lei. Gli racconta della sua esistenza, del tragico Incidente dello schianto dell’autobus e del suo corpo. Gli mostra le sue opere. Diego comprende subito che una forza inusitata anima quella piccola meticcia di Coyoacán, un’ostinazione a vivere e ad amare al di là di ogni capriccio del destino.
Nulla è nero è un romanzo che narra la storia d’amore tra due figure iconiche del Novecento. È dunque il racconto di una tumultuosa, turbolenta passione e, insieme, di un secolo di furori, speranze, ideali e disillusioni. Un secolo in cui l’intensità della vita valeva più della vita stessa.

Su Frida, personaggio che amo profondamente, è stato scritto ed ho letto tanto. Si potrebbe quindi pensare che un romanzo come questo sia superfluo o che dica cose già sentite… non è così, o meglio, non proprio. Nulla è nero racconta la vita, le vicissitudini, la personalità di Frida Kahlo, il suo amore per Diego Rivera, la sua arte e le sue mille risorse in modo spigliato, caliente, vivace, colorato. Proprio i colori sono la chiave di lettura di quest'opera: il blu, rosso, giallo… grigio. Ma ciò che rende innovativo il modo di raccontare una storia in fono conosciuta ai più è proprio la scrittura: frenetica, guizzante, vivida, quasi che l'autrice (e il bravo traduttore è riuscito a rendere a pieno questa sfumatura) abbia voluto rappresentare anche attraverso il linguaggio e la forma espositiva la personalità e l'anima di Frida. Un altro romanzo, un altro tassello su quest'icona di passione, resistenza, entusiasmo, vita. Non solo una pittrice, ma una donna forte, tenace, passionale, sagace e fragile, capace di gioie smodate e grandi dolori, un esempio di forza e vitalità oltre ogni avversità.
 
Alto