Coe, Jonathan - Questa notte mi ha aperto gli occhi

alisa

Amelia Member
Jonathan Coe ha scritto questo romanzo nel 1990, si tratta quindi di un'opera 'giovanile': lo si vede, secondo me, dalla trama, che sembra perdersi verso il finale. Per il resto: umorismo sempre molto British, scrittura fluida e divertente... non ai massimi, ma pur sempre Coe!

"William ha poco più di vent'anni e le frustrazioni di tanti giovani: odia il suo lavoro (commesso in un negozio di dischi), la città in cui vive (Londra), e la ragazza con cui sta è molto restia a concedersi. Candido e complicato come il giovane Holden, gran tiratardi nel capire le cose del mondo, ha solo un paio di amici e divide la casa con una tipa che non incontra mai e che comunica con lui attraverso bigliettini. Il suo unico conforto è fare musica ma, pur aspirando a diventare pianista di jazz, suona la tastiera in una rock band di sfigati che si ostina a storpiare le sue composizioni. In realtà il suo vero talento sembra essere un altro: perdere gli autobus, essere ignorato dai camerieri, dire sempre la cosa sbagliata al momento sbagliato. Una sera, infatti, assiste involontariamente a un delitto commesso - a lui pare - da due nani. La caccia agli assassini lo porterà a una sorprendente scoperta, ma gli consentirà anche di ripensare alle proprie scelte di vita e di aprire finalmente gli occhi!"
 
Ultima modifica:

sara.nz

New member
eccomi

eccomi, dopo essermi presentata non potevo certo saltare questo post, ho iniziato a leggere questo libro, e solo l'inizio mi è sembrato uno spettacolo! era come se fossi li con lui al buio e vedevo la sagoma di Paisley e dei suoi aguzzini!
Un genere nuovo per me..veramente entusismante la descrizione e la riflessione sulla propria vita! appena finito lo pubblico sul mio blog http://ceraunavolta-unre.blogspot.com/

sara
 
Ultima modifica:

stellonzola

foolish member
Non lo ritengo il migliore di Coe, non è all'altezza degli altri.
Non è riuscito a coinvolgermi come faceva negli altri romanzi. Non lo consiglierei a chi legge per la prima volta Coe, secondo me rende il massimo nella casa del sonno o nella banda dei brocchi. Questo invece non lascia il segno, scorrevole, piacevole, ma non colpisce.
 

Holly Golightly

New member
E' carino, niente di eccezionale ma "si è fatto leggere". Coe comunque è in grado di fare di meglio.
Ho - a distanza di un anno - ancora delle perplessità sull'ultimo capitolo :?
 

madeline88

New member
E' il mio primo libro di Coe e sinceramente le aspettative erano un tantino più alte.
Molto scorrevole e divertente in alcuni punti; carino il personaggio, la cui indecisione in tutti gli aspetti della propria vita, rispecchia un pò quella di molti giovani. Il finale è sembrato anche a me un pò strano.....:??
Tutto sommato il mio voto è 3!

Sicuramente più in là proverò con qualcos'altro di Coe, magari andrà meglio!:wink:
 
Alto