Paasilinna, Arto - Il romanzo umoristico - ecologico

elisa

Motherator
Membro dello Staff
ARTO PAASILINNA

Paasilinna.jpg


Nato nel 1942 a Kittilà, in Lapponia, è autore-culto in Finlandia, dove ogni suo libro supera sempre le 100.000 copie, e uno dei pochi scrittori finlandesi che vive unicamente della sua penna. Ex guardaboschi, ex giornalista, ex poeta, ha cominciato nel 1975 la sua folgorante carriera di scrittore. Molto amato all'estero per il suo humour travolgente, quella capacità tutta finlandese di raccontare ridendo anche le storie più tragiche, ha pubblicato finora più di trenta romanzi, oltre a pièces teatrali e sceneggiature. Nel 1994 gli è stato conferito in Italia il Premio Acerbi per L'anno della lepre, romanzo che ha superato le 70.000 copie. Vive alternando alla Lapponia e a Helsinki le sue sempre più frequenti tappe nei paesi più assolati del Sud, spesso anche in Italia.

Leggetelo ne rimarrete folgorati :D
Io ho letto:
L'anno della lepre
Il Bosco delle volpi (trama nella Piccola Biblioteca)
Il Figlio del Dio Tuono
Lo smemorato di Tapiola
 
Ultima modifica:

bludemon

New member
ehila.. sai ke mi stuzzica molto????? cercherò in libreria.... così poi ti dirò.. :)
 
Ultima modifica di un moderatore:

elisa

Motherator
Membro dello Staff
I romanzi di Paasilinna si possono leggere a livelli diversi: sono storie on the road, storie di avventure che piacciono anche ai giovanissimi, ma contengono anche dei temi molto impegnativi, come la fine del mondo, la morte, la vita dopo la morte, il suicidio, la malattia mentale.
 

elisa

Motherator
Membro dello Staff
Mito, fantasia e ironia caratterizzano la scrittura di questo autore finlandese, diventato famoso in Italia, vero scrittore di culto per molti lettori che proprio dai suoi libri hanno iniziato a conoscere il mondo fiabesco e sognante, lo stretto rapporto con la natura e il divino di un paese di boschi e misteri.
 

Cristina

New member
Lo sai Elisa, che volevo presentare anch'io questo autore? Mi hai preceduto....ma mi fa piacere che l'hai introdotto ai nostri amici lettori.
Lo consiglio vivamente anch'io, i suoi libri si divorano.
Di lui ho anche letto
- Piccoli suicidi tra amici (non lasciatevi ingannare dal titolo)
- Il mugnaio urlante

Leggetelo!
 

elisa

Motherator
Membro dello Staff
Riporto uno stralcio da un'intervista a Paasilinna in cui parla delle sue abitudini di scrittore:

Sono abbastanza disciplinato, quasi come un funzionario. Comincio alle dieci del mattino, dopo la colazione e dopo aver letto i giornali, e lavoro fino all'ora di pranzo, riuscendo a scrivere quattro o cinque pagine: così per cinque giorni alla settimana. Se per qualche motivo non riesco a tenere questo ritmo, la settimana seguente lavoro di più. I tempi devono essere questi, perchè normalmente scrivo un romanzo all'anno. Comincio la stesura di un nuovo romanzo all'inizio di settembre e nell'arco dell'autunno cerco di avere una prima bozza, che consegno all'editore. La prima stesura rimane in casa editrice per circa un mese, in attesa di eventuali suggerimenti da parte dell'editore. Poi riprendo a scrivere in primavera, così all'inizio dell'estate sono libero di fare una vacanza di tre mesi
 
Ultima modifica:

zaratia

Sideshow
elisa ha scritto:
Aggiungo anche la trama de "Il mugnaio urlante"

Nessuno sa da dove venga Gunnar Huttunen. Un metro e novanta di statura, capelli ispidi e volto affilato, un giorno arriva in uno sperduto villaggio lappone e compra un vecchio mulino in disuso. Nonostante lo scherno di compaesani, l'impresa gli riesce. Così i contadini dovranno trovare un altro pretesto per dichiarare folle quel giovanotto pieno di vita, capace di intrattenere i ragazzi con le sue imitazioni e di mettere scompiglio nel sonnacchioso equilibrio della piccola comunità. E il pretesto che lo porterà in manicomio sarà la sua abitudine, nei momenti di tristezza, di affacciarsi alla finestra del mulino e ululare, anche nel cuore della notte.

beh, perchè non metterlo nella piccola biblioteca? più ce n'è meglio è!
 
Ultima modifica di un moderatore:

libraia978

New member
Una voce fuori dal coro, in questo caso mi trovo in disaccordo, è un autore che non mi piace, lo trovo noioso e eccessivamente fuori dalle righe.
 

Clik

New member
che mi consigliate per cominciare con questo autore?

Il Mugniaio Urlante o L'anno della Lepre.

Uno più bello dell'altro.
I suoi romanzi sono tutti editi in Italia dalla casa editrice Iperborea.

Ci tengo comunque a dire che la letteratura nordica è molto bella e consiglio a tutti di leggere anche altri autori
oltre a Paasilinna, che comunque è straordinario, semplice e immediato, con storie solo all'apparenza frivole.:wink:
 

Cold Deep

Vukodlak Mod
Il Mugniaio Urlante o L'anno della Lepre.

Uno più bello dell'altro.
I suoi romanzi sono tutti editi in Italia dalla casa editrice Iperborea.

Ci tengo comunque a dire che la letteratura nordica è molto bella e consiglio a tutti di leggere anche altri autori
oltre a Paasilinna, che comunque è straordinario, semplice e immediato, con storie solo all'apparenza frivole.:wink:

grazie per il consiglio ;)

che altri autori consigli?
 

elesupertramp

New member
io ho letto L'anno della lepre e Piccoli suicidi tra amici: molto carini tutti e due.
Mi piace molto questo autore ed ho intenzione di leggere anche gli altri suoi libri.
 

Aglaja

New member
Ho letto quasi tutti i suoi romanzi pubblicati da Iperborea, mi manca solo "Le dieci donne del cavaliere", credo. Se non si fosse capito amo molto Paasilinna, ho iniziato a conoscerlo alle scuole medie quando una professoressa illuminata ci ha fatto comprare "L'anno della lepre". Il mio preferito è "Il migliore amico dell'orso", ma sono tutti deliziosi, profondamente ironici e umoristici, nella cornice di una Finlandia selvaggia e accogliente al tempo stesso. Paasilinna usa lo humour per trattare in modo delicato temi seri e profondi: la vita, la morte, il rapporto dell'uomo con se stesso,con la natura, con la divinità.
Da leggere!
 

Nefertari

New member
Io di questo scrittore ho letto soltanto "Prigionieri del paradiso" e devo dire che mi è piaciuto. Dai commenti del forum credo che leggerò anche altri suoi libri.
 

Jessamine

New member
Io ho appena iniziato, ed abbandonato dopo sole sessanta pagine, I veleni della dolce Linnea.
Non mi trasmetteva assolutamente nulla, e devo dire che ci sono un po' rimasta male, perché da quel che avevo letto su di lui come autore pensavo mi avrebbe interessato.
Dite che dovrei provare magari con un altro titolo?
 
Alto