Grisham, John - Innocente. Una storia vera

bosch

New member
Ron Williamson lascia il natio Oklahoma nel 1971, poco più di un ragazzo, inseguendo il sogno di diventare un campione di baseball. Dopo sei anni nel campionato minore un incidente mette fine alle sue speranze di gloria. Torna a casa, cerca un lavoro stabile, ma un crescente disagio psichico ne farà presto un malato di mente. Qualche anno dopo, la tranquilla cittadina di Ron è scossa da un terribile evento: la giovane Debbie Carter viene stuprata e uccisa in circostanze poco chiare che vedono Williamson tra i principali sospetti. Comincia per Ron un'odissea che lo vedrà dapprima incriminato del delitto e poi condannato a morte. Dodici anni nel braccio della morte in cui continua a dichiararsi innocente. Ma quando mancano ormai cinque giorni all'esecuzione, l'estrema speranza di salvezza è rappresentata da un esame del DNA che non arriva mai. Il caso di Ron Williamson ha ossessionato John Grisham per anni, da quando il maestro del legal thriller ha letto incidentalmente la sua vicenda su un giornale locale, decidendo di raccontare per la prima volta un fatto realmente accaduto. Il risultato è una storia pervasa da una forte tensione morale che arriva a mettere in discussione il sistema legale americano.

Devo dire che a me è piaciuto molto...
Non è un vero e proprio romanzo, ma un resoconto (molto ben scritto come sempre) delle vicende umane e giudiziarie di Ron Williamson...

io consiglio di leggerlo anche solo per curiosità, vi stupirete di come le persone a volte non vogliono vedere più al di là del loro naso!!!
 
Ultima modifica di un moderatore:

mado84

New member
sono pienamente d'accordo. questo libro fa riflettere sul sistema legae americano e la pena di morte. mostra aspetti del loro sistema che nessuno conosce, forse perchè non vogliono farli conoscere. anch'io lo consiglio a tutti

ciao
 

Hoya

Duck Member
L'ho letto anche io recentemente e mi è piaciuto! Storia interessante che mette a nudo le numerose pecche del sistema giudiziario americano :roll:
 

anjo

Senior member
Ho letto che Grisham è uno tra i più letti autori americani eppure in questo forum
compare molto poco.
Lo avevo abbandonato perchè era scaduto dai tempi del "il socio" ed "il momento di uccidere" antesignani e veri capolavori del legal thriller.
Qualcuno di voi mi può relazionare (in qualità) questi ultimi con l'innocente.
Grazie
 
Ultima modifica di un moderatore:
io ne ho letti molti di libri di questo autore, il più bello trovo che sia IL SOCIO. Ti dico che INNOCENTE è l'unico che non sono riuscita a leggere tutto, non l'ho trovato coinvolgente
 

mado84

New member
per piacere, questo libro non deve essere preso come qualsiasi altro thriller, perchè, secondo me, no lo è. se vi aspettate di leggere un romanzo smetterete dopo poche pagine.
 

Hoya

Duck Member
Già.... ha poco o nulla in comune con i soliti libri di Grisham, ma a me è piaciuto comunque :)
Quoto Mado84 :wink:
 
Ultima modifica di un moderatore:
mado84 ha scritto:
per piacere, questo libro non deve essere preso come qualsiasi altro thriller, perchè, secondo me, no lo è. se vi aspettate di leggere un romanzo smetterete dopo poche pagine.

lo so che non è un thriller, ma non per questo mi deve piacere per forza. I thriller sono il genere che io preferisco ma leggo anche altri generi e questo non l'ho trovato di mio gradimento
 

ROSEMARY

***Chef Member***
Un libro molto intressante, certo che la storia di Ronald Keith Williamson fa riflettere sulla pena di morte... specialmente quando ingiustamente applicata, che sia negli stati uniti o in qualsiasi altra parte del mondo!!!
dello stesso autore vi consiglio "IL BROKER" e "L'ULTIMO GIURATO"
 

Palmaria

Summer Member
Sì, dopo innumerevoli anni di prigionia e peripezie giudiziarie si è salvato, ma la sua vita ed il suo stato di salute ne sono stati irrimediabilmente compromessi.
Comunque concordo con il fatto che questo non è un romanzo, ma un libro denuncia del sistema giudiziario americano, quindi non può essere paragonato ai legal - thriller che hanno reso famoso Grisham!
Detto questo, sicuramente può non coinvolgere e non piacere! Io forse sono aiutata dalla mia pratica con il legalese! :wink:
 
Ultima modifica di un moderatore:

libraia978

New member
A me sinceramente questo proprio non è piaciuto. è appunto un resoconto, quindi piuttosto noioso...fa riflettere, ma è anche difficile da finire.
 

evey

avv.
Questo libro secondo me è interessante...è vero che è un pò distante dagli altri libri di Grisham me comunque ti coinvolge e ti urta facendoti capire quanto alcune persone non riescono a ricoscere quando sbagliano...
 

kikko

free member
Il fatto che sia una storia vera per me è uno stimolo in più per leggere un libro (o vedere un film ) poter pensare "cavolo ma com'è possibile che sia successo veramente ? " Certo ,i temi sono importanti e fanno riflettere non è un romanzo spensierato ,ma a me è piaciuto molto , il resoconto dei fatti e esposto in termini e modi semplici e comprensibili
 
Alto