Benvenuti nel forumlibri
la community dei lettori italiani cultura e letteratura


Benvenuti nella community degli amanti dei libri, della letteratura e cultura. In forumlibri si discute di:
 » libri, arte, cultura, letteratura e Bellezza
 » cinema: recensioni di film e registi;
 » salotto letterario: letteratura, case editrici, nuovi autori, etc;
 » sociale: trova nuovi amici e nuovi contatti.

iscriviti R E G I S T R A T I al forumlibri

Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni del forumlibri e la navigazione sarà più veloce. Per comunicazioni, commenti o altro: info@forumlibri.com

    Buona navigazione!

copertina libro

- La ballata di Adam Henry

Mostra risultati da 1 a 3 di 3

Discussione: McEwan, Ian - La ballata di Adam Henry

  1. #1
    dreamer member
    Data registrazione
    Dec 2014
    Località
    Provincia di Lecce
    Messaggi
    2444
    Inserimenti nel blog
    44
    Thanks Thanks Given 
    1701
    Thanks Thanks Received 
    1471
    Thanked in
    902 Posts

    Predefinito McEwan, Ian - La ballata di Adam Henry

    «Divino distacco, diabolica perspicacia»: cosí si mormora negli ambienti giudiziari londinesi a proposito di Fiona Maye, giudice dell'Alta Corte britannica in servizio presso la litigiosa Sezione Famiglia. Sposata da trentacinque anni con lo stesso uomo e senza figli, il giudice Maye ha dedicato tutta la sua carriera alla composizione di dissidi sanguinosi spesso giocati nella carne di chi un tempo si è amato. Battaglie feroci per l'affidamento di figli non piú condivisi, baruffe patrimoniali, esplosioni d'irrazionalità cui il giudice Maye oppone un paziente esercizio di misura e sobrietà nella convinzione di «poter restituire ragionevolezza a situazioni senza speranza». I casi su cui è chiamata a pronunciarsi popolano i giorni e ossessionano le notti di Fiona, calcandone la coscienza. Forse la rendono piú sfuggente, distratta. Sarà dunque a questo che si deve l'oltraggiosa richiesta di suo marito Jack? «Ho bisogno di una bella storia passionale», un «ultimo giro» extraconiugale con la ventottenne Melanie, esperta di statistica. Umiliata, ferita, «abbandonata agli albori della vecchiaia», Fiona cerca rifugio, come d'abitudine, nel caso successivo. È quello di Adam Henry, violinista dilettante, poeta in erba, diciassette anni e nove mesi, troppo pochi per decidere autonomamente della propria vita o della propria morte. Adam è affetto da una forma aggressiva di leucemia che richiede trattamento immediato. I genitori del ragazzo e il minore stesso, Testimoni di Geova, si oppongono alla trasfusione di sangue che lo salverebbe. Del suo futuro deve decidere la corte, il giudice Maye, che, in deroga all'ortodossia, sceglie di stabilire un contatto diretto. E incontrando il ragazzo reale che si cela dietro il nome Adam Henry, scopre un essere sul ciglio dell'abisso e però sorprendentemente appassionato della vita.

    Mi è piaciuto molto. E' un romanzo ben scritto, che affronta più fasi della vita che definirei borderline: quel momento dell'adolescenza in cui non si è più tanto piccoli da doversi affidare ciecamente alle convinzioni e decisioni altrui, né tanto grandi da essere perfettamente consci della strada che vogliamo far prendere alla nostra vita; e la "quasi vecchiaia", se così la possiamo definire, cioè quel momento dell'età adulta in cui ci si accorge che il tempo a nostra disposizione per fare ciò che abbiamo sempre voluto fare ci sta inesorabilmente passando davanti e che non si può più rimandare: o si coglie l'ultima occasione oppure si rischia di abbandonarsi ai rimpianti.
    In entrambe le età si è facili prede dei colpi di testa, delle decisioni improvvise, magari impulsive ed azzardate che però rischiano di compromettere irrimediabilmente il corso della nostra vita. Questo libro percorre a passi cauti ma fermi questi due momenti da due prospettive diametralmente opposte: quella dei coniugi benestanti, entrambi cinquantanovenni, che guardano indietro con rimpianti e recriminazioni e avanti con sguardo mesto, e quello del quasi diciottenne intelligente ai limiti della saccenza, apparentemente radicato ad idee che crede giuste, ma che in realtà sono un retaggio dell'ambiente in cui è cresciuto e che sono destinate ad essere spazzate dal primo colpo di vento inatteso.
    Un bel libro che aiuta a riflettere.
    Ultima modifica di elisa; 03-16-2019 alle 12:04 PM. Motivo: format titolo

  2. 1.5 ADS
    ADV Bot
    Esperto banner avatar promo
    Data registrazione
    Da Sempre

  • #2
    Senior Member
    Data registrazione
    Jan 2014
    Località
    Cerro Maggiore
    Messaggi
    207
    Thanks Thanks Given 
    7
    Thanks Thanks Received 
    15
    Thanked in
    10 Posts

    Predefinito Trasposizione di un reality

    Più che un romanzo sembra la trasposizione letteraria di un reality televisivo sui giudici dell’Alta Corte Britannica. Le loro giornate lavorative, ma anche le loro vite private e come queste s’intrecciano tra loro, o come nel particolare caso di quest’opera, come la vita di una giudice della sezione del diritto di famiglia, s’intreccia con quella di uno dei ragazzi su cui è chiamata a decidere.
    Il breve intreccio si svolge appunto tutto in presa diretta: non c’è mai un ritorno a qualche antefatto precedente l’inizio della narrazione, nessuna rielaborazione dei pensieri o dei gesti dei personaggi del romanzo, se non quello che fanno loro stessi, col loro particolare punto di vista. E lo stesso vale per la valutazione delle eventuali conseguenze dei loro gesti nel futuro. Tutto si consuma in un sincopatico dispiegarsi delle emozioni e dei sentimenti in una sorta di assoluto presente, senza cause e senza effetti. Questo per certi versi conduce innegabilmente a una profonda caratterizzazione dei personaggi, e non di meno la mancanza di qualunque prospettiva temporale li fa apparire come cristalizzati in una sorta di fermo immagine di trottole che vorticano velocissime. Non c’è niente prima o dopo.
    Resta il merito di una prosa colta e assolutamente scorrevole, con pregevoli digressioni nel campo della giustizia ovviamente, della morale e dell’etica da cui la giustizia, ci ricorda appunto l’autore, per sua natura discende, o dovrebbe discendere.

  • #3
    Logopedista nei sogni
    Data registrazione
    Mar 2017
    Località
    In riva al mare
    Messaggi
    2230
    Thanks Thanks Given 
    2053
    Thanks Thanks Received 
    1684
    Thanked in
    1067 Posts

    Predefinito

    Lo scrittore fa incontrare e sfiorare due mondi e due persone diversissime tra loro eppure accomunate dallo stesso bisogno d'amore, dalla stessa solitudine, e sembra per un attimo che qualcosa di assolutamente inimmaginabile debba accadere, una speranza di salvazione per entrambi.
    Fino ad un certo punto la lettura sembrava dovesse portare a qualcosa di rivoluzionario, c'era un'atmosfera sospesa e all'improvviso la caduta finale, forse dolorosamente inevitabile.
    Adam è uno dei personaggi più puri che mi sia capitato di leggere.
    Fiona dal momento in cui non risponde alle lettere del ragazzo mi è apparsa diversa e incapace di comprendere la richiesta di aiuto del ragazzo.
    Quello che lo scrittore fa è una analisi razionale dell'impossibilità tra due mondi troppo diversi di aiutarsi reciprocamente.
    La scrittura è asciutta con dei picchi di emotività improvvisi e assolutamente autentici, non c'è un momento di scrittura in cui l'autore indugia troppo, tutto è misurato a ciò che vuole trasmettere.


  • Discussioni simili

    1. McEwan, Ian - Espiazione
      Da Dorylis nel forum Piccola biblioteca
      Risposte: 42
      Ultimo messaggio: 12-28-2017, 11:37 AM
    2. McEwan, Ian - Lettera a Berlino
      Da elisa nel forum Piccola biblioteca
      Risposte: 5
      Ultimo messaggio: 05-12-2017, 09:25 AM
    3. McEwan, Ian - Miele
      Da velmez nel forum Piccola biblioteca
      Risposte: 1
      Ultimo messaggio: 05-19-2015, 03:55 PM
    4. McEwan, Ian - Sabato
      Da elisa nel forum Piccola biblioteca
      Risposte: 2
      Ultimo messaggio: 07-17-2014, 12:05 PM
    5. McEwan, Ian - Solar
      Da Lollina nel forum Piccola biblioteca
      Risposte: 2
      Ultimo messaggio: 03-27-2013, 10:22 AM

    Regole di scrittura

    • Tu non puoi inviare nuove discussioni
    • Tu non puoi inviare risposte
    • Tu non puoi inviare allegati
    • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
    •