Benvenuti nel forumlibri
la community dei lettori italiani cultura e letteratura


Benvenuti nella community degli amanti dei libri, della letteratura e cultura. In forumlibri si discute di:
 » libri, arte, cultura, letteratura e Bellezza
 » cinema: recensioni di film e registi;
 » salotto letterario: letteratura, case editrici, nuovi autori, etc;
 » sociale: trova nuovi amici e nuovi contatti.

iscriviti R E G I S T R A T I al forumlibri

Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni del forumlibri e la navigazione sarà più veloce. Per comunicazioni, commenti o altro: info@forumlibri.com

    Buona navigazione!

Mostra risultati da 1 a 6 di 6

Discussione: 240° MG - Il principe della nebbia di Carlos Ruiz Zafón

  1. #1
    Senior Member
    Data registrazione
    Sep 2017
    Messaggi
    2059
    Thanks Thanks Given 
    4050
    Thanks Thanks Received 
    2030
    Thanked in
    1223 Posts

    Predefinito 240° MG - Il principe della nebbia di Carlos Ruiz Zafón

    Oggi parte questo minigruppo, Kira e qweedy, chi vuole unirsi è il benvenuto.

    "1943: il padre di Max decide di trasferire la famiglia sulla costa spagnola per proteggerla dalla guerra. La nuova casa sembra tranquilla ma, appena arrivato, Max scopre un giardino disseminato di statue inquietanti e non tarda a sapere della misteriosa scomparsa del figlio dei precedenti proprietari. Insieme alla sorella Alicia e all'amico Roland, Max comincia a indagare sulla storia di un oscuro naufragio e di un'ombra luciferina che emerge nel cuore della notte per scomparire con le prime nebbie dell'alba.."



    «Sarebbero dovuti passare molti anni prima che Max potesse dimenticare l'estate in cui, quasi per caso, scoprì la magia»

    Zafón nella nota introduttiva al libro, ci avverte che questa è stata la sua prima opera, pubblicata nel 1993, e rivolta ad un pubblico molto giovane.



    Carlos Ruiz Zafón (Barcellona 1964) è conosciuto soprattutto per la tetralogia dedicata al Cimitero dei libri dimenticati: "L'ombra del vento", "Il gioco dell'angelo", "Il prigioniero del cielo" e "Il labirinto degli spiriti".
    Ultima modifica di qweedy; 07-18-2019 alle 11:30 PM.

  2. The Following User Says Thank You to qweedy For This Useful Post:


  3. 1.5 ADS
    ADV Bot
    Esperto banner avatar promo
    Data registrazione
    Da Sempre

  • #2
    Senior Member
    Data registrazione
    Dec 2016
    Località
    Piemonte
    Messaggi
    398
    Thanks Thanks Given 
    102
    Thanks Thanks Received 
    123
    Thanked in
    93 Posts

    Predefinito

    Sono alle prime pagine quindi è presto per dare giudizi sulla storia. Posso però già dire che la scrittura di Zafon mi piace è molto scorrevole, la trovo ricercata ma non pesante. Anche se è un libro indirizzato a ragazzi non trovo la classica scrittura di libri per ragazzi.
    Impressione iniziale positiva

  • The Following User Says Thank You to Kira990 For This Useful Post:


  • #3
    Senior Member
    Data registrazione
    Sep 2017
    Messaggi
    2059
    Thanks Thanks Given 
    4050
    Thanks Thanks Received 
    2030
    Thanked in
    1223 Posts

    Predefinito

    Questo è l'esordio letterario di Zafon, scritto per un target di adolescenti, però contiene già tutti i tratti salienti, solo più acerbi, dei suoi successivi e più famosi libri. Le atmosfere gotiche e spettrali, la magia e il mistero inondano già le pagine di questo suo primo romanzo, davvero molto scorrevole, avvincente e delicato.

    Io sto leggendo la Trilogia della nebbia in un unico e-book, che riunisce oltre al Principe della nebbia, anche Il palazzo della mezzanotte e Le luci di settembre, tre romanzi brevi accumunati sia dai protagonisti adolescenti, dalla nebbia che spunta all'improvviso per avvolgere le scene più "fantasy", e anche dal desiderio dell'autore di una pubblicazione unica che riunisse questi libri destinati a un pubblico di ragazzi. Peraltro godibilissimi come lettura non impegnativa anche dagli adulti.

    Non so Kira se sei già arrivata ad incontrare il gatto, che a me ha ricordato un po' Pet Sematary di Stephen King.



    “... certe immagini dell'infanzia rimangono impresse nell'album della mente come fotografie, come scenari che si ricordano per sempre e ai quali si continua a tornare, nonostante il trascorrere del tempo”.

    “I brutti ricordi ti inseguono senza bisogno di portarli con te.”

    “In un universo infinito, c’erano troppe cose che sfuggivano alla comprensione umana.”

  • The Following User Says Thank You to qweedy For This Useful Post:


  • #4
    Senior Member
    Data registrazione
    Dec 2016
    Località
    Piemonte
    Messaggi
    398
    Thanks Thanks Given 
    102
    Thanks Thanks Received 
    123
    Thanked in
    93 Posts

    Predefinito

    Si, l'ho già incontrato alla stazione e si in effetti è inquietante stile Pet Sematary!
    Immagine azzeccatissima

    E chissà l'orologio della stazione che va indietro cosa vuol dire... Questo mi ha ricordato un altro libro di King: Christine la macchina infernale aveva il contachilometri che andava al contrario come l'orologio della stazione!

  • The Following User Says Thank You to Kira990 For This Useful Post:


  • #5
    Senior Member
    Data registrazione
    Sep 2017
    Messaggi
    2059
    Thanks Thanks Given 
    4050
    Thanks Thanks Received 
    2030
    Thanked in
    1223 Posts

    Predefinito

    "Quando pioveva forte, Max aveva l'impressione che il tempo si fermasse. Era come un momento di tregua durante il quale egli poteva interrompere qualunque cosa e mettersi semplicemente alla finestra a contemplare per ore lo spettacolo di quell'infinito velo di lacrime del cielo."

    "Vada all'inferno" disse, trattenendo la rabbia. Le gocce di saliva evaporarono come se fossero cadute su una griglia di metallo ardente. "Bambina cara, è da lì che vengo"



    Finito! Assolutamente godibilissimo.
    Bello il rapporto di amicizia tra i tre ragazzi, Max, Alicia e Roland, intriganti seppur improbabili i misteri e le avventure luciferine narrate. Però tutto scorre, con leggerezza, quasi poeticamente.
    Quello che più mi ha inquietato è il giardino delle statue.



    "L'età ti fa capire certe cose. Per esempio, adesso so che la vita di un uomo si divide fondamentalmente in tre periodi. Nel primo, uno non pensa neppure che invecchierà, né che il tempo passa, e che fin dal primo giorno, quando nasciamo, camminiamo verso un unico e identico fine. Passata la prima giovinezza, comincia il secondo periodo, nel quale uno si rende conto della fragilità della propria vita, e quello che in principio è una semplice inquietudine va crescendo nell'animo come un mare di dubbi e incertezze che ti accompagnano durante il resto dei tuoi giorni. Per ultimo, alla fine della vita, si apre il terzo periodo, quello dell'accettazione della realtà e, di conseguenza, quello della rassegnazione e della speranza. Lungo la mia vita ho conosciuto molte persone che sono rimaste agganciate a uno di questi stadi senza mai riuscire a superarli. È qualcosa di terribile... è un cammino che ognuno di noi deve imparare a percorrere da solo, pregando Dio di aiutarlo a non perdersi prima di arrivare alla fine. Se tutti fossimo capaci di comprendere all'inizio della nostra vita questa cosa, che sembra così semplice, buona parte delle miserie e delle pene di questo mondo scomparirebbero. Però, e questo è un incomprensibile paradosso, ci viene concessa questa grazia solo quando è troppo tardi."
    Ultima modifica di qweedy; 07-21-2019 alle 03:19 PM.

  • The Following User Says Thank You to qweedy For This Useful Post:


  • #6
    Senior Member
    Data registrazione
    Dec 2016
    Località
    Piemonte
    Messaggi
    398
    Thanks Thanks Given 
    102
    Thanks Thanks Received 
    123
    Thanked in
    93 Posts

    Predefinito

    Terminato anche io. Lettura molto scorrevole e veloce. E' una storia per ragazzi ma non l'ho trovata per nulla noiosa o scontata. Soprattutto il finale non me lo aspettavo, essendo rivolto a ragazzi avrei scommesso che ci sarebbe stato un lieto fine.
    Mi piace veramente tanto lo stile di Zafon e sicuramente procederò anche con la lettura degli altri due libri della trilogia.
    Visto che parlavamo dei richiami a King direi che c'è un altro grandissimo richiamo: il pagliaccio cattivo! Chissà se si è ispirato a lui volontariamente o se è un caso. Cercherò se esiste una qualche intervista che ne parla...

  • The Following User Says Thank You to Kira990 For This Useful Post:



  • Discussioni simili

    1. Ruiz Zafon, Carlos - Il Principe della Nebbia
      Da RosaT. nel forum Piccola biblioteca
      Risposte: 13
      Ultimo messaggio: 07-23-2019, 11:30 AM
    2. Ruiz Zafon, Carlos - Il palazzo della mezzanotte
      Da Meri nel forum Piccola biblioteca
      Risposte: 20
      Ultimo messaggio: 07-21-2019, 03:18 PM
    3. Ruiz Zafon, Carlos - Marina
      Da RosaT. nel forum Piccola biblioteca
      Risposte: 15
      Ultimo messaggio: 11-22-2017, 09:58 AM
    4. Ruiz Zafòn, Carlos - Il principe della nebbia.
      Da Nereide nel forum Piccola biblioteca
      Risposte: 1
      Ultimo messaggio: 06-09-2011, 01:32 AM
    5. Ruiz Zafòn, Carlos - L'ombra del vento.
      Da Babuc nel forum Piccola biblioteca
      Risposte: 3
      Ultimo messaggio: 11-23-2008, 08:20 PM

    Regole di scrittura

    • Tu non puoi inviare nuove discussioni
    • Tu non puoi inviare risposte
    • Tu non puoi inviare allegati
    • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
    •