Benvenuti nel forumlibri
la community dei lettori italiani cultura e letteratura


Benvenuti nella community degli amanti dei libri, della letteratura e cultura. In forumlibri si discute di:
 » libri, arte, cultura, letteratura e Bellezza
 » cinema: recensioni di film e registi;
 » salotto letterario: letteratura, case editrici, nuovi autori, etc;
 » sociale: trova nuovi amici e nuovi contatti.

iscriviti R E G I S T R A T I al forumlibri

Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni del forumlibri e la navigazione sarà più veloce. Per comunicazioni, commenti o altro: info@forumlibri.com

    Buona navigazione!

copertina libro

 Lettera al mio giudice

Mostra risultati da 1 a 2 di 2

Discussione: Simenon, Georges - Lettera al mio giudice

  1. #1
    Senior Member
    Data registrazione
    Jul 2011
    Messaggi
    6446
    Thanks Thanks Given 
    776
    Thanks Thanks Received 
    1474
    Thanked in
    800 Posts

    Predefinito Simenon, Georges - Lettera al mio giudice

    Terzo romanzo che leggo di Simenon (escludendo volutamente i due Maigret) e devo dire che sono sempre più sorpresa da quanto mi stia piacendo questo autore, da quanto si dimostri ogni volta efficace e trascinante.

    Ho iniziato Lettera al mio giudice senza sapere nulla della trama (tanto ho capito la solfa: qualsiasi Simenon mi va bene!) ed è stata un’ottima scelta, perché mi sono affidata direttamente alle parole di Charles Alavoine, narratore e protagonista, per comprendere la sua storia e il motivo per cui egli ha deciso di scrivere al proprio giudice, che - attenzione - non è il giudice del nostro sistema giudiziario, bensì il giudice istruttore, colui cioè che ha istruito la fase preliminare del processo. Insomma, il destinatario di questa lettera è un uomo che in teoria dovrebbe essere già edotto dei “fatti” ed è proprio per questo che il protagonista si rivolge a lui: lo fa perché ciò che deve raccontare presuppone i fatti, ma allo stesso tempo li supera; lo fa perché ha capito perfettamente che ciò che deve dire si colloca su un piano totalmente diverso da quello delle indagini svolte fino a quel momento; lo fa perché, ora che è “dall’altra parte” (un’espressione che usa spesso nel suo scritto), vede e sente le cose da una altro punto di vista e vorrebbe che anche il giudice, con il quale evidentemente sente una certa affinità dovuta anche all’esercizio della libera professione, possa arrivare a comprendere questa nuova prospettiva.
    Chi conosce Simenon (Maigret a parte) sa già che la condizione dell’arresto, dell’inchiesta, o per meglio dire gli effetti che essi producono sull’animo di chi li subisce (sia egli colpevole o no), rendendolo improvvisamente “estraneo” a se stesso e agli altri e indifferente al proprio futuro, è un tema ricorrente nei suoi romanzi. E sa anche che un altro tema a lui caro è la passione travolgente e deviante, che mette in crisi la routine della propria pacifica esistenza convenzionalmente riconosciuta.
    L’uno e l’altro tema ricorrono anche in questo libro, al quale però si aggiunge un ulteriore tassello, che è l’unico punto su cui voglio soffermarmi, e cioè la “colpevolezza” del soggetto.
    Questo è l’unico caso, dei libri letti finora, in cui il protagonista dichiara esplicitamente e direi quasi spudoratamente non solo la propria effettiva colpevolezza, ma anche l’aggravante della premeditazione. Anzi, a pensarci bene ciò che il dottor Charles tenta di far comprendere al suo giudice sono proprio le motivazioni profonde di questa colpevolezza... è come se il personaggio dicesse: “ok , voi mi avete giudicato, ma a me non basta... voi, anzi lei, signor giudice, deve capire perché l’ho fatto e perché era giusto e logico che lo facessi”.
    Ecco, dal mio personale punto di vista, non c’è nulla di più affascinante che farsi trascinare così passivamente da una personalità (letteraria) forte, che ci “conduce” dove, come e nei tempi che vuole. Senza rovinarvi il gusto della sorpresa, sottolineo solo che la bellezza di questo romanzo è proprio nel modo in cui il protagonista si svela a poco a poco e quindi, di pari passo, nel modo in cui noi lo percepiamo. All’inizio sappiamo poco o nulla di lui: di cosa è accusato? Ha commesso per davvero il crimine per cui è imputato o lo hanno incastrato? È un debole che si lascerà andare, come hanno fatto alcuni suoi fratelli letterari?
    Man mano che la lettura procede, però, il carattere di Alavoine emerge, si definisce in modo sempre più preciso e “solido”; direi quasi che la sua figura diventa sempre più “ingombrante”. Proviamo forse ancora un po’ di pena per lui quando ci racconta la metafora dell’uomo senza ombra (un passaggio molto bello, che non dimenticherete facilmente), ma questa nostra compassione, questa spontanea “simpatia” iniziale vacilla sempre di più: il sospetto di essere stati “ingannati” (da Alavoine? da Simenon stesso?) ci sfiora e le nostra “sicurezza” viene meno...
    Preparatevi a intraprendere un viaggio inquietante nella psiche di un uomo che in fin dei conti, per come si presenta all’inizio, non è così diverso da tanti di noi: un uomo che si è lasciato vivere per troppi anni e che, quando ha finalmente deciso di riprendere la propria vita in mano, lo ha fatto senza più porsi alcun limite, fino alle estreme conseguenze.
    Ultima modifica di ayuthaya; 09-21-2019 alle 12:37 PM.

  2. The Following User Says Thank You to ayuthaya For This Useful Post:


  3. 1.5 ADS
    ADV Bot
    Esperto banner avatar promo
    Data registrazione
    Da Sempre

  • #2
    dreamer member
    Data registrazione
    Dec 2014
    Località
    Provincia di Lecce
    Messaggi
    2246
    Inserimenti nel blog
    44
    Thanks Thanks Given 
    1536
    Thanks Thanks Received 
    1314
    Thanked in
    798 Posts

    Predefinito

    Ho letto Lettera al mio giudice nell'arco di un pomeriggio, ma sono certa che qualcosa di queste pagine mi resterà in mente per sempre: è un libro sconvolgente per lucidità, stile, fluidità, eleganza. Simenon ha saputo dar voce ad un uomo, un medico di provincia, un innamorato, un frustrato, un assassino con una perizia da maestro. La lucidità con cui il dottor Charles Alavoine scrive al suo giudice dal carcere in cui è chiuso dopo la condanna per omicidio è folgorante: egli non gli scrive per discolparsi, no, tanto più che si era già dichiarato colpevole a suo tempo. Egli non scrive per scusarsi, invocare una pena più leggera… tutt'altro: di una sola cosa egli non è soddisfatto, un solo verdetto egli non accetta, quello di essere considerato in uno stato psichico di ridotta lucidità. Non vuole che si pensi che abbia agito in preda ad un raptus, non vuole che si creda che quando ha ucciso Martine, l'unica donna che abbia mai veramente amato, egli fosse in preda alla follia, che non comprendesse ciò che faceva… non vuole che si dica che era pazzo. No, egli vuole che il giudice capisca, che colui in cui ha visto un barlume di interesse durante l'istruttoria, che colui che davvero ha cercato di comprendere le sue ragioni, che colui con cui ha pensato di essere in un certo qual modo in sintonia, che lui comprendesse cosa l'aveva portato ad un amore così grande. Vuole, Charles, che il giudice capisca che lui sì, ha agito con glaciale, assoluta premeditazione e che sì, c'era una ragione più che valida per uccidere… l'amore. Per amore di Martine lui doveva ucciderla. E fidatevi, se prese così, senza contesto, queste parole vi sembrano folli, assurde, senza logica, a fine lettura non potrete non trovarvi d'accordo con lui. Quest'uomo non chiede pietà, ma la suscita; non chiede assoluzione, ma, ascoltate le sue parole, chi non gliela darebbe? Ho trovato questa lettera di un'angoscia, sincerità, lucida follia, prostrazione come di rado ne ho viste o lette altrove. Mi ha commosso. Mi sento, perciò, oltre a consigliare la lettura di questo libro, di definirlo senza remore un capolavoro.

  • The Following 2 Users Say Thank You to estersable88 For This Useful Post:



  • Discussioni simili

    1. Simenon, Georges
      Da Ondine nel forum Autori
      Risposte: 3
      Ultimo messaggio: 06-12-2019, 01:28 PM
    2. Simenon, Georges - Il gatto
      Da elena nel forum Piccola biblioteca
      Risposte: 6
      Ultimo messaggio: 11-06-2017, 01:37 PM
    3. Simenon, Georges - Betty
      Da happytelefilm nel forum Piccola biblioteca
      Risposte: 1
      Ultimo messaggio: 10-15-2013, 07:41 PM
    4. Simenon, Georges - I complici
      Da happytelefilm nel forum Piccola biblioteca
      Risposte: 0
      Ultimo messaggio: 08-23-2012, 01:50 PM
    5. Simenon, Georges - Maigret
      Da torejx nel forum Piccola biblioteca
      Risposte: 3
      Ultimo messaggio: 06-09-2008, 12:16 AM

    Regole di scrittura

    • Tu non puoi inviare nuove discussioni
    • Tu non puoi inviare risposte
    • Tu non puoi inviare allegati
    • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
    •