Benvenuti nel forumlibri
la community dei lettori italiani cultura e letteratura


Benvenuti nella community degli amanti dei libri, della letteratura e cultura. In forumlibri si discute di:
 » libri, arte, cultura, letteratura e Bellezza
 » cinema: recensioni di film e registi;
 » salotto letterario: letteratura, case editrici, nuovi autori, etc;
 » sociale: trova nuovi amici e nuovi contatti.

iscriviti R E G I S T R A T I al forumlibri

Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni del forumlibri e la navigazione sarà più veloce. Per comunicazioni, commenti o altro: info@forumlibri.com

    Buona navigazione!

Pagina 1 di 2 12 UltimoUltimo
Mostra risultati da 1 a 15 di 29

Discussione: 244° MG - Diceria dell'untore di Gesualdo Bufalino

  1. #1
    Motherator
    Data registrazione
    Aug 2007
    Località
    Friuli
    Messaggi
    20979
    Inserimenti nel blog
    9
    Thanks Thanks Given 
    463
    Thanks Thanks Received 
    1513
    Thanked in
    1001 Posts

    Predefinito 244° MG - Diceria dell'untore di Gesualdo Bufalino

    Lunedì 15 ottobre velvet ed io condivideremo la lettura di questo caso letterario degli anni '80 dato che l'autore aveva 61 anni quando fu pubblicato ed era il suo primo romanzo che ebbe un folgorante successo e ancora oggi viene considerato un caposaldo della letteratura italiana. Il fatto stesso che furono Leonardo Sciascia ed Elvira Sellerio a sostenerlo in questa avventura è già garanzia di qualità.

    Tutti sono invitati a partecipare al piacere condiviso di questa lettura


    Ultima modifica di elisa; 10-16-2019 alle 06:34 PM.

  2. 1.5 ADS
    ADV Bot
    Esperto banner avatar promo
    Data registrazione
    Da Sempre

  • #2
    Lonely member
    Data registrazione
    Feb 2009
    Località
    Palermo ma sono di Napoli
    Messaggi
    7492
    Thanks Thanks Given 
    166
    Thanks Thanks Received 
    294
    Thanked in
    233 Posts

    Predefinito

    Non è una lettura facile, ma è bella ed istruttiva. Buon divertimento

  • The Following User Says Thank You to isola74 For This Useful Post:


  • #3
    Motherator
    Data registrazione
    Aug 2007
    Località
    Friuli
    Messaggi
    20979
    Inserimenti nel blog
    9
    Thanks Thanks Given 
    463
    Thanks Thanks Received 
    1513
    Thanked in
    1001 Posts

    Predefinito

    velvet sei pronta?

  • #4
    Senior Member
    Data registrazione
    May 2011
    Località
    Marche
    Messaggi
    2574
    Thanks Thanks Given 
    135
    Thanks Thanks Received 
    194
    Thanked in
    138 Posts

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da elisa Vedi messaggio
    velvet sei pronta?
    Sì, prontissima! Partirò questa sera.

  • The Following User Says Thank You to velvet For This Useful Post:


  • #5
    Senior Member
    Data registrazione
    Nov 2009
    Località
    prov. di Milano
    Messaggi
    5712
    Inserimenti nel blog
    1
    Thanks Thanks Given 
    2050
    Thanks Thanks Received 
    1271
    Thanked in
    837 Posts

    Predefinito

    Bellissimo! Passerò a dare qualche sbirciatina

  • The Following User Says Thank You to Spilla For This Useful Post:


  • #6
    Motherator
    Data registrazione
    Aug 2007
    Località
    Friuli
    Messaggi
    20979
    Inserimenti nel blog
    9
    Thanks Thanks Given 
    463
    Thanks Thanks Received 
    1513
    Thanked in
    1001 Posts

    Predefinito

    Incipit

    O quando tutte le notti — per pigrizia, per avarizia — ritornavo a sognare lo stesso sogno: una strada color cenere, piatta, che scorre con andamento di fiume fra due muri più alti della statura di un uomo; poi si rompe, strapiomba sul vuoto. Qui sporgendomi da una balconata di tufo, non trapela rumore o barlume, ma mi sorprende un ribrezzo di pozzo, e con esso l'estasi che solo un irrisorio pedaggio rimanga a separarmi... Da che? Non mi stancavo di domandarmelo, senza però che bastasse l'impazienza a svegliarmi; bensì in uno stato di sdoppiata vitalità, sempre più rattratto entro le materne mucose delle lenzuola, e non per questo meno slegato ed elastico, cominciavo a calarmi di grotta in grotta, avendo per appiglio nient'altro che viluppi di malerba e schegge, fino al fondo dell'imbuto, dove, fra macerie di latomia, confusamente crescevano alberi (degli alberi non riuscivo a sognare che i nomi, ho imparato solo più tardi a incorporare nei nomi le forme).

  • #7
    Motherator
    Data registrazione
    Aug 2007
    Località
    Friuli
    Messaggi
    20979
    Inserimenti nel blog
    9
    Thanks Thanks Given 
    463
    Thanks Thanks Received 
    1513
    Thanked in
    1001 Posts

    Predefinito

    Ho letto il primo capitolo e quello che mi colpisce subito è la raffinatezza ed eleganza del linguaggio. L'incipit è un volo poetico con quell'"O" iniziale che trovo bellissimo e unico. Poi ci sono termini che ho dovuto cercare sul vocabolario (con Bufalino non si può cercare su wikipedia ). Ad esempio scopro che latomia è una cava di pietra e particolarmente famose sono le latomie di Siracusa.

  • #8
    Lonely member
    Data registrazione
    Feb 2009
    Località
    Palermo ma sono di Napoli
    Messaggi
    7492
    Thanks Thanks Given 
    166
    Thanks Thanks Received 
    294
    Thanked in
    233 Posts

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da elisa Vedi messaggio
    Ho letto il primo capitolo e quello che mi colpisce subito è la raffinatezza ed eleganza del linguaggio. L'incipit è un volo poetico con quell'"O" iniziale che trovo bellissimo e unico. Poi ci sono termini che ho dovuto cercare sul vocabolario (con Bufalino non si può cercare su wikipedia ). Ad esempio scopro che latomia è una cava di pietra e particolarmente famose sono le latomie di Siracusa.
    sì, e io le ho visitate poco dopo aver letto il libro
    io ne ho dovuti cercare diversi di vocaboli sul dizionario, Bufalino ha una scrittura elegante e ricercata

  • #9
    Senior Member
    Data registrazione
    May 2011
    Località
    Marche
    Messaggi
    2574
    Thanks Thanks Given 
    135
    Thanks Thanks Received 
    194
    Thanked in
    138 Posts

    Predefinito

    Anche io ho iniziato e certamente la cosa che colpisce di più è il linguaggio aulico e ricercato, sicuramente molto impegnativo ma anche piacevole nella sua eleganza.
    Anche io ho cercato le latomie scoprendo che sapevo già cosa fossero ma l'avevo completamente dimenticato (l'età avanza...)

    Drammatico e romantico il paragone della morte e della costante percezione della sua presenza con l'amore e la sensazione della presenza della persona amata.

  • #10
    Motherator
    Data registrazione
    Aug 2007
    Località
    Friuli
    Messaggi
    20979
    Inserimenti nel blog
    9
    Thanks Thanks Given 
    463
    Thanks Thanks Received 
    1513
    Thanked in
    1001 Posts

    Predefinito

    La morte da affrontare nel pensiero di una persona malata in un sanatorio. Devastante nella sua complessità ed evidenza.

    Lei era la meridiana che disegnava sul soffitto delle mie insonnie le pantomime del desiderio; lei, la tagliuola che mi mordeva il calcagno; il mare di foglie che il sole tramuta in brulichìo di marenghi; lei, la buca d'obice, l'in pace, le quattro mura di ventre dove nessuno mi cerca

  • #11
    Senior Member
    Data registrazione
    May 2011
    Località
    Marche
    Messaggi
    2574
    Thanks Thanks Given 
    135
    Thanks Thanks Received 
    194
    Thanked in
    138 Posts

    Predefinito

    Procedendo ho conosciuto il singolare personaggio del Gran Magro e poi i compagni di sventura al sanatorio, in una panoramica di ricordi che l'ironia rende ancora più tristi.
    Tutti chi più chi meno rassegnati all'ineluttabile ma non per questo meno bramosi di segnali di vita dall'esterno: clandestini senza biglietto, contrabbandieri di vita.

    Ho letto così poco ancora ma già si preannuncia un libro di rara bellezza.

  • #12
    Senior Member
    Data registrazione
    May 2011
    Località
    Marche
    Messaggi
    2574
    Thanks Thanks Given 
    135
    Thanks Thanks Received 
    194
    Thanked in
    138 Posts

    Predefinito

    Sto procedendo. Bellissima la parte in cui racconta dei permessi per uscire in città, i tentativi e il desiderio di mescolarsi e confondersi tra gli altri, tra i sani, come morti tra i vivi.

  • #13
    Motherator
    Data registrazione
    Aug 2007
    Località
    Friuli
    Messaggi
    20979
    Inserimenti nel blog
    9
    Thanks Thanks Given 
    463
    Thanks Thanks Received 
    1513
    Thanked in
    1001 Posts

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da velvet Vedi messaggio
    Procedendo ho conosciuto il singolare personaggio del Gran Magro e poi i compagni di sventura al sanatorio, in una panoramica di ricordi che l'ironia rende ancora più tristi.
    Tutti chi più chi meno rassegnati all'ineluttabile ma non per questo meno bramosi di segnali di vita dall'esterno: clandestini senza biglietto, contrabbandieri di vita.

    Ho letto così poco ancora ma già si preannuncia un libro di rara bellezza.
    Il Gran Magro ​l'ho incontrato anche io, splendido per come lo descrive

  • #14
    Motherator
    Data registrazione
    Aug 2007
    Località
    Friuli
    Messaggi
    20979
    Inserimenti nel blog
    9
    Thanks Thanks Given 
    463
    Thanks Thanks Received 
    1513
    Thanked in
    1001 Posts

    Predefinito

    Il Gran Magro è fantastico, libero di pensiero e di parola in maniera creativa!


    Un esempio della raffinata e suggestiva scrittura:

    " Fermati", gridavo "madre mia, ragazza, colomba", mentre sentivo il tozzo polpastrello del sonno che mi suggellava le palpebre bruscamente detumefarsi, dissiparsi in bolla di schiuma, in vischioso collirio di luce. Soltanto in quell'istante, riaprendo gli occhi, capivo d'avere ancora una volta giocato a morire, d'avere ancora una volta dimenticato, o sbagliato apposta, la parola d'ordine che mi serviva.

  • #15
    Motherator
    Data registrazione
    Aug 2007
    Località
    Friuli
    Messaggi
    20979
    Inserimenti nel blog
    9
    Thanks Thanks Given 
    463
    Thanks Thanks Received 
    1513
    Thanked in
    1001 Posts

    Predefinito capitolo VIII

    Naturalmente durante la lettura viene in mente un altro grande romanzo ambientato in un sanatorio, La montagna incantata. Particolare che mi ha colpito vista la provenienza geografica, Padre Vittorio è originario di Cividale del Friuli, chissà come mai è capitato in Sicilia per le sue cure.

  • Pagina 1 di 2 12 UltimoUltimo

    Discussioni simili

    1. Bufalino, Gesualdo
      Da Loredana26 nel forum Autori
      Risposte: 11
      Ultimo messaggio: 12-06-2019, 06:38 PM
    2. Bufalino, Gesualdo - Diceria dell'untore
      Da Baldassarre Embriaco nel forum Piccola biblioteca
      Risposte: 30
      Ultimo messaggio: 11-24-2019, 02:33 AM
    3. Bufalino, Gesualdo - Argo il cieco
      Da Baldassarre Embriaco nel forum Piccola biblioteca
      Risposte: 3
      Ultimo messaggio: 08-14-2019, 10:43 PM
    4. Bufalino, Gesualdo - Le menzogne della notte
      Da Dallolio nel forum Piccola biblioteca
      Risposte: 1
      Ultimo messaggio: 01-09-2012, 07:33 PM
    5. Verga, Giovanni - Mastro Don Gesualdo
      Da ilselacontessa nel forum Piccola biblioteca
      Risposte: 4
      Ultimo messaggio: 07-21-2008, 06:07 PM

    Regole di scrittura

    • Tu non puoi inviare nuove discussioni
    • Tu non puoi inviare risposte
    • Tu non puoi inviare allegati
    • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
    •