La foto del giorno

Ondine

Logopedista nei sogni
Tasha Tudor Museum in Brattleboro, Vermont

IMG_0354.JPG


Il cottage dell'illustratrice americana Tasha Tudor, ora diventato museo.
 

Trillo

Member
Qualche tempo fa vidi su Internet la foto di una statua che allego qui sotto, purtroppo senza che fosse scritto alcun dettaglio. Ne feci uno screenshot perchè mi piaceva. Oggi, rivedendo questa immagine mi sono detto, chissà, forse qualcuno del forum sa come si chiama, dove si trova, chi è l'autore... Sarei curioso di saperlo... L'immagine è questa:

34rf23q.png
 

Ondine

Logopedista nei sogni
Qualche tempo fa vidi su Internet la foto di una statua che allego qui sotto, purtroppo senza che fosse scritto alcun dettaglio. Ne feci uno screenshot perchè mi piaceva. Oggi, rivedendo questa immagine mi sono detto, chissà, forse qualcuno del forum sa come si chiama, dove si trova, chi è l'autore... Sarei curioso di saperlo... L'immagine è questa:

34rf23q.png
E' una scultura che mostra l’utopia cercata da alcuni migranti europei alle Galapagos.

L’artista norvegese Fredrik Raddum è famoso per le sue fantasiose sculture figurative e installazioni artistiche, che spesso esplorano temi a sfondo politico. La più recente collezione di sculture in bronzo di Raddum, intitolata Hacienda Paradise – Utopia Experiment, è stata esposta all’inizio di quest’anno alla Galleri Brandstrup di Oslo, e si riferisce a una storia di quasi un secolo fa chiamata “Galápagos Affair”.

The Galápagos Affair
Alla ricerca di un proprio Eden, un gruppo di europei stanchi del mondo occidentale lasciò la patria per andare a vivere alle Galápagos, all’inizio degli anni ’30. I primi ad arrivare furono Friedrich Ritter e la sua amante, Dore Strauch, che si stabilirono nell’isola più remota, Floreana. In seguito arrivò la famiglia Wittmer, composta da tre persone e sempre tedesca, e poi la baronessa Eloise von Wagner Bosquet con due compagni, John Garth e Rolf Blomberg.
Non trascorse molto tempo che la baronessa e uno dei suoi amanti sparirono misteriosamente.

Le sculture di Raddum metaforizzano quella strana vicenda, dalle circostanze surreali e misteriose. Una delle sculture mostra un uomo trascinato via da un corvo, mentre in un’altra una donna poggia i piedi su due teste umane ed esala uno strano fluido solido dorato. Il carapace di una tartaruga gigante esemplifica la leggenda della tartaruga di Floreana, in grado di leggere la mente dei visitatori. Nella scultura, il carapace viene utilizzato come nicchia per il fuoco.
L’artista descrive la sua serie affermando che: Possiamo cambiare ambiente, ma non possiamo fuggire a noi stessi.
 

Shoshin

Well-known member
La storia di Gino è piena di meraviglie.Fu un grande campione e un uomo giusto tra gli uomini.Corse tanto sulla sua bicicletta ,corse e vinse e salvo'tante persone ...
Solo dopo la sua morte si seppe che durante la guerra,approfittando delle lunghe pedalate d'allenamento,portava con se,ben nascosti nelle ruote,nuovi documenti di identità per uomini,donne e bambini ebrei...Corse tanto,sui monti,giù per le valli con questo fardello che sarebbe potuto costargli la vita...Corse...vinse.

Sono molto commossa perché oggi ,tra le tracce proposte alla Maturità,si è voluto onorarlo.

Ho molto amato questo grande campione,
esempio fulgido di coraggio e spirito di sacrificio.

2hwcr3s.jpg
 

Ondine

Logopedista nei sogni
Franca_Valeri_-_Il_segno_di_Venere.JPG


Indimenticabile per me nel ruolo di Cesira.
L'aria stralunata e l'intelligenza vivace me l'hanno fatta amare moltissimo.
Grazie Franca.
P.S. Il suo primo nome era Alma, nome bellissimo.
 
Ultima modifica:
Alto