Agnello Hornby,Simonetta - La monaca

SALLY

New member
Dalla quarta di copertina:
Messina, 15 agosto 1839. In casa del maresciallo Peppino Padellani di Opiri, fervono i preparativi per la festa dell'Assunzione della Vergine. È l'ultimo giorno sereno nella vita di Agata, innamorata del ricco Giacomo Lepre e da lui ricambiata. Agata deve rinunciare al suo amore: le famiglie non trovano un accordo e, alla morte del maresciallo, la madre di Agata, donna Gesuela, decide di portarla a Napoli, dove spera di ottenere una pensione dal re. L'unico piroscafo in partenza è quello del capitano James Garson. Dopo un tempestoso viaggio, James e Agata si ritrovano sul ponte e qui lei gli confida i propri tormenti. A Napoli, Agata viene forzata a entrare in convento. Un mondo in cui si intrecciano amori, odi, rancori, passioni illecite e vendette. Ma Agata sembra guardare oltre si appassiona allo studio e alla coltivazione delle erbe mediche, impara a fare il pane e i dolci. Legge tutti i libri che James Garson le manda con regolarità e segue le sorti dei movimenti che aspirano all'unità d'Italia in casa della sorella Sandra. Ha accettato la vita monastica, ma è combattuta tra il sentimento religioso e il desiderio di vivere nel mondo. Non vuole dispiacere la zia badessa, ma nemmeno sacrificare il suo futuro. Sorella mediterranea delle eroine di Jane Austen, l'Agata di Simonetta Agnello Hornby è capace di abitare la Storia e al contempo di portare con la propria storia di giovane donna, una forza spirituale nuova, da leggere a partire dal nostro tempo per arrivare al suo.

E' il primo libro che leggo di questa autrice,non male,storia piuttosto scontata,ma, interessante è la descrizione dei conventi e della vita claustrale delle monache che per tanti motivi erano lì...il più raro era la "vocazione",la maggior parte portate lì bambine,dalle famiglie,per risparmiare sulla dote e avere tra i parenti almeno una Badessa,la qual cosa aumentava il prestigio del casato.Interessante anche la parte storica,in quel periodo si lavorava per l'unità d'Italia,e la descrizione della vita delle donne del sud.
Il finale mi sembra un pò tirato via...tanto per finirlo,di fretta.
Lettura comunque scorrevole e piacevole.
 

isola74

Lonely member
Il romanzo scorre in maniera avvincente fino ad oltre la metà... per calare inesorabilmente e trasformarsi quasi in telenovela:?? e giungere ad una conclusine inverosimile e banale
 
Alto