Dickens, Charles

Fabio

Altro
Membro dello Staff
Apro il thread ufficiale di questo bravo scrittore sociale.
...ne avrebbe da scrivere in questo periodo anche per la nostra italia ed europa :)
Benarrivato in forumlibri Charles!

Charles Dickens
 

Spilla

New member
Mi sono innamorata della lettura a otto anni, grazie a David Copperfield. Dickens è uno dei più grandi:HIPP
 

Rosaria

New member
Hard Times, ovvero Tempi Difficili. E' davvero un bel romanzo, ambientato in una città fittizia, Coketown, tratta delle conseguenze della rivoluzione industriale. Probabilmente, appare un po' troppo pessimistico, ma di fatto alcuni degli aspetti che descrive sono davvero diventate le conseguenze del lavoro d'industria, e si manifestano anche al giorno d'oggi. Sublime come sempre, si esprime con delle metafore incredibili che rasentano l'animalesco. Da molti è stato giudicato eccessivo, io lo trovo invece del Dickens e basta. Consiglio vivamente :)
 

alessandra

Lunatic Mod
Membro dello Staff
Mi sono innamorata della lettura a otto anni, grazie a David Copperfield. Dickens è uno dei più grandi:HIPP

Sembra strano ma anch'io :D

Poi ho letto Il circolo Pickwick (da grande) e, recentemente, Grandi speranze e A Christmas Carol.
Un grande scrittore, che scrive storie dense e corpose, condite da un'ironia di classe. Storie che si concentrano sulla vita esteriore e interiore delle persone, sui loro sentimenti (due di questi sono romanzi di formazione, Grandi speranze e David Copperfield) ma anche sul contesto sociale: quelli di Dickens sono anche romanzi di denuncia, poichè non manca mai di rimarcare le ingiustizie e le differenze tra il modo di vivere all'interno di una classe sociale piuttosto che di un'altra, prendendo come punto di riferimento l'Inghilterra dell'800, nella quale sono ambientati i suoi romanzi.
 

Dory

Reef Member
Io "da giovane" avevo tentato di leggere Dickens ma senza riuscirci, non mi appassionava gran che.
Poi l'ho ripreso l'anno scorso leggendo Grandi speranze e me ne sono innamorata.
 

bosch

New member
Ma come scrive (al presente) Dickens?
Il suo lato migliore secondo me è la capacità di utilizzare ironia e semplicità per denunciare i problemi che affliggevano il suo tempo.
I personaggi sono descritti talmente bene che sembra di averli conosciuti...e poi ti mancano.

Uno dei più grandi...
 

aamente

New member
Cercai di leggere "David Copperfield" a 23 anni, a metà mollai con un grande senso di frustrazione (all'epoca mi sentivo in colpa se non riuscivo a terminare quello che era considerato un capolavoro) . Ma il libro ha aspettato pazientemente per 11 anni, ha aspettato che io fossi pronto... Pronto per la sfilata di personaggi stupendi che lo popolano, così ben caratterizzati da sembrare reali. Da nessun'altra parte ho visto un autore che sa giocare così bene con le aspettative dello spettatore nel tessere l'intreccio. Spesso addirittura si sa per certo cosa aspettarsi dagli sviluppi di un'azione o da un filone narrativo, eppure, quando ciò finalmente avviene ne siamo comunque sorpresissimi ed emozionati. Già solo per tutto questo che é visibile ad una prima superficiale lettura reputo "David Copperfield" un capolavoro. Se poi uno volesse studiare per bene, con la lente d'ingrandimento, si troverebbe la critica ad una società in cambiamento, con tutti gli squilibri del caso, la pianificata scelta del rapporto tra i personaggi e molto altro.

Insomma come ogni capolavoro si presta a più letture, da quella istintiva, buona per le masse (me medesimo) a quella estetica e a quelle sociali e psicologiche.
 
Alto