Amado, Jorge - Donna Flor e i suoi due mariti

pokypoky

New member
Flor perde suo marito, il suo grande amore. Dopo qualche anno dcid di avere un nuoco compagno ma il fantasma del marito la perseguiterà. Il romanzo è ambientato a Bahia, e da questa città prende i colori, la vivacità, la simpatia. E' impossibile non ridere leggendo le pagine di questo libro. Il brasile descritto attraverso i suoi riti di magia e la sua samba appare quanto mai autentico ed esilarante .
 
Ultima modifica di un moderatore:

elisa

Motherator
Membro dello Staff
che dire? da leggere, credo che Amado riesca a rendere in tutta la sua magia un paese e una cultura come quella brasiliana
 

elena

aunt member
L'inconfondibile stile "colorato" di Amado è pienamente rappresentato in questo divertentissimo libro......anche a me è piaciuto molto :YY(pur rimanendo sempre fedele a quella che considero la più spettacolare opera di questo autore........Gabriella, garofano e cannella!!!)
 

Palmaria

Summer Member
L'ho terminato di leggere ieri!
Davvero un romanzo che ti travolge con il suo spirito fortemente brasiliano e, grazie alla capacità narrativa e descrittiva di Amado, catapulta il lettore per le strade di Bahia, ascoltando il chiacchierio delle comari, assaporando i profumi delle prelibatezza culinarie di Dona Flor e frequentando le innumerevoli case da gioco della città!
Un libro estremamente piacevole, che si legge dall'inizio alla fine con il sorriso sulle labbra, grazie allo stile leggero e ironico dell'autore!
 

alessandra

Lunatic Mod
Membro dello Staff
Amado è un genio assoluto! Veramente spassoso, esilarante, e manda a quel paese con classe e leggerezza tutte le convenzioni sociali!!! Mi fa venire il buon umore, ho letto solo questo e "Vita e miracoli di Tieta d'Agreste" ma ho proprio voglia di leggere gli altri!!!!!TUNZZZ:D:D:D
:YY:YY:YY
 

elesupertramp

New member
L'inconfondibile stile "colorato" di Amado è pienamente rappresentato in questo divertentissimo libro......anche a me è piaciuto molto :YY(pur rimanendo sempre fedele a quella che considero la più spettacolare opera di questo autore........Gabriella, garofano e cannella!!!)

per me invece il capolavoro assoluto di Amado è il terzo di quella che io impropriamente definisco "trilogia delle donne", ovvero Teresa Batista stanca di guerra :D
 

isola74

Lonely member
Bellissimo! io l'ho adorato, c'è tutto l'inconfondibile stile di Amado....
anche Tersa Batista merita:YY :YY :YY
 

Psico Tipa

Re - Member
pienamente daccordo!!! amado è senza dubbio il narratore dei sensi. mi sembra di aver bevuto cachaca con vadinho, di essermi unta davvero le labbra con olio di dendè. Il tutto con una sensualità unica..
 

asiul

New member
E' davvero un piacere leggere Amado. Di questo scrittore ho letto anche Gabriela, cravo e canela l'ho trovato altrettanto gradevole e "colorato". Una buona lettura, da consigliare.

Vi consiglio di vedere anche i film del regista Barreto, tratti da questi romanzi :wink:
 
Ultima modifica:

Meri

Viôt di viodi
Oggi sono la voce fuori dal coro. Ho trovato il romanzo lento, pesante a tratti noioso, episodi che, a mio parere, non c'entravano nulla con la storia. Ad ogni capitolo sembrava che il romanzo dovesse decollare e non succedeva mai. La parte ineteressante, animata e con un inizio ed una fine l'ho trovata nelle ultime 100 pagine. Deludente :??
 

isola74

Lonely member
Oggi sono la voce fuori dal coro. Ho trovato il romanzo lento, pesante a tratti noioso, episodi che, a mio parere, non c'entravano nulla con la storia. Ad ogni capitolo sembrava che il romanzo dovesse decollare e non succedeva mai. La parte ineteressante, animata e con un inizio ed una fine l'ho trovata nelle ultime 100 pagine. Deludente :??
noooooo:W:W davvero, non ci credo!!!:paura:
 

pigreco

Mathematician Member
Un libro davvero stupendo in cui c'è tutto e il tutto è mescolato alla perfezione, come se amore, perdizione, valori, divertimento, lacrime, sesso fossero tutti ingredienti di una ricetta di cucina (per l'appunto) sapientemente uniti in un piatto ricco di sapore. E' stato il primo libro di Amado che ho letto e certamente non sarà l'ultimo. Vista l'attrazione che si ha per i propri opposti, sentendomi molto affine al secondo marito di Flor e al suo modo di vedere le cose non mi sorprende che il personaggio che più ho amato di questo libro sia Vadinho con la sua impertinenza, il suo vulcano di passione, la sua vita spregiudicata. E poi Flor... Quale uomo durante la lettura di questo romanzo non ha desiderato almeno una volta poter vedere con i propri occhi quella donna così dolcemente e bellamente descritta da Amado? Splendido, da leggere assolutamente.
 

sergio Rufo

New member
Un libro davvero stupendo in cui c'è tutto e il tutto è mescolato alla perfezione, come se amore, perdizione, valori, divertimento, lacrime, sesso fossero tutti ingredienti di una ricetta di cucina (per l'appunto) sapientemente uniti in un piatto ricco di sapore. E' stato il primo libro di Amado che ho letto e certamente non sarà l'ultimo. Vista l'attrazione che si ha per i propri opposti, sentendomi molto affine al secondo marito di Flor e al suo modo di vedere le cose non mi sorprende che il personaggio che più ho amato di questo libro sia Vadinho con la sua impertinenza, il suo vulcano di passione, la sua vita spregiudicata. E poi Flor... Quale uomo durante la lettura di questo romanzo non ha desiderato almeno una volta poter vedere con i propri occhi quella donna così dolcemente e bellamente descritta da Amado? Splendido, da leggere assolutamente.

Quoto quando si dice che e' un libro da leggere assolutamente.
 

darida

Active member
Amado, Jorge - Dona Flor e i suoi due mariti

"Il romanzo ruota attorno alla vedovanza di dona Flor e al suo lutto stretto, vissuto nel ricordo di Vadinho, delle loro ambizioni, del fidanzamento e dello sposalizio. Coglie l'intimità della giovane vedova, il suo riserbo, le sue notti insonni e la sua insoddisfazione. Racconta di come arrivò onorata al suo secondo matrimonio, quando il fardello del defunto cominciava a pesare sulle sue spalle, e di come visse in pace e armonia, senza dispiaceri né soprassalti, con suo bravo secondo marito, nel mondo della farmacologia e della musica. E mentre lei brilla nei salotti e il coro dei vicini le ricorda la sua felicità, Vadinho, nel suo corpo astrale, la visita, la corteggia, le elargisce gioie eccezionali e consigli formidabili."

Che dire, lo stile narrativo coinvolge per ricchezza e...saturazione: nei colori, sapori, odori e poi sentimenti contrastanti e tanta, tanta passione, il tutto risulta molto carnale,e a me la carne mi piace :mrgreen:si potrebbe definire decisamente sudamericano?é!...sì :D
E' anche lunghetto e a tratti fa sospirare, sospira Dona Flor in attesa del secondo marito e chi legge sospira con lei :roll: a dire il vero io qualche scorciatina gliela avrei data.Nella parte finale parte per la tangente con spiriti, presenze e macumbe varie, meno male che il tutto e' condito, oltre che con intingoli e ricettine della sapiente Flor, maestra d'arte culinaria, da una buona dose di ironia.
Non dico 500 pagine che si leggono di getto, ma quasi :wink:
 
Ultima modifica:
Alto