Carroll, Jonathan - Mele Bianche

better57

New member
Descrizione libro:
Raccontare un romanzo di Jonathan Carroll è impossibile. Le sue trame nascondono una visione profonda e originale della vita e dell'umanità, ideale punto d'incontro tra fantascienza e filosofia. Vincent Ettrich è a cena con la sua nuova ragazza, Coco, quando incontra Bruno Mann, un suo collega che non vedeva da tempo. In quel momento riceve una chiamata che lo mette al corrente della recente morte di Bruno. Vincent ha un tracollo: si trova davanti a un uomo morto? Improvvisamente si sveglia a letto con Coco. Era solamente un incubo. Accarezzandole i capelli, però, nota sul suo collo una strana macchia che non aveva mai visto prima. Avvicinandosi si rende conto che è un tatuaggio, un nome: Bruno Mann


Con questo libro ho presentato lo scrittore che si siede sul terzo gradino del podio nella mia classifica di gradimento. Un pò come Palahniuk si propone al pubblico come scrittore di fantascienza, ma leggendolo ci si rende conto che dietro la facciata si nasconde molto, ma molto di più..

Voto da 1 a 5: 8) 8) 8) 8) 8)
 
Ultima modifica di un moderatore:

bludemon

New member
Decisamente intrigante direi.. uhmm ah però... però quasi quasi segno... eh si segno pure questo... ummmhhhhhhhh e si segno propio..
 

quasioggetto

New member
Devo in parte dissentire. Non che "mele verdi" (o "il paese delle pazze risate" l'altro suo libro che ho letto) non mi siano piaciuti, però non mi hanno convinto fino in fondo. Ho avuto l'impressione di leggere qualcosa che avevo già letto...
 
Ultima modifica di un moderatore:

Jessamine

New member
Un libro che certamente cattura, dalla prima riga.
Un libro che trascina in un vortice di colpi di scena e rivelazioni.
Forse fin troppo. Spesso ho faticato a tenere il passo con tutti i cambiamenti, le rivelazioni e le stranezze di questo volume. Non che fossero sgradite, però le ho trovate un po’ troppo sostenute.
Forse perché la “fantascienza” non è il mio genere preferito, però non sono rimasta del tutto soddisfatta da questo libro: è come se Carroll avesse cercato mi mettere insieme quanti più elementi sorprendenti e assurdi, solamente con lo scopo di stupire e lasciare a bocca aperta.
Certo è che, una volta cominciato, non sono riuscita a smettere di leggerlo, fino alla fine.

Beh, insomma, non ho ancora capito se mi sia piaciuto oppure no. :?
 
Alto