Camilleri, Andrea - La forma dell'acqua

lillo

Remember
Primo romanzo di Camilleri con il personaggio del commissario Montalbano; pubblicato nel 1994, in pieno passaggio tra prima e seconda repubblica; la trama è incentrata sulla morte di un ingegnere, pezzo da novanta di Montelusa e Vigata, espressione di un potere ormai quasi al tramonto, di un partito che ha comandato per tanti anni, venendo a collusione con malaffare e criminalità (chissà a quale partito si fa riferimento?). Vi è il tentativo vano di questo partito di farsi una nuova verginità, sfruttando questa morte, e mettendo a capo della direzione provinciale, gente apparentemente pulita, ma che in realtà non è tanto diversa da chi l'ha preceduta. Camilleri esprime pertanto il suo pessimismo, riportando la famosa frase di Tancredi nel Gattopardo "Bisogna che tutto cambi... ...affinché tutto rimanga com'è".
Ma quale è la forma dell'acqua? in realta l'acqua assume la forma del recipiente in cui la mettiamo e talvolta anche la verità si comporta allo stesso modo; le facciamo assumere la forma che più ci fa comodo; lo stesso le succede in questo piacevole romanzo.
 

Hoya

Duck Member
Il primo libro che ho letto di Camilleri anni fa :)
Bello, scorrevole, divertente! :wink:
 

elena

aunt member
Molto carino questo libro.......Camilleri è sempre divertentissimo :D!
Anche se è del 1994 .....l'ho letto solo ora e ho notato che, a differenza dei successivi, è scritto utilizzando molto più la lingua italiana che il dialetto siciliano.......peccato perché con gli ultimi.......mi ero talmente calata nel clima.....che mi sembrava essere diventata bilingue :wink:!!!!
 

Miag

New member
Divorato in due giorni, è il primo libro di Camilleri che leggo, e devo dire che non mi è dispiaciuto affatto!
Storia ben costruita, mi è piaciuto il personaggio di Montalbano, di cui mi sono fatta una personale idea mentale, che non assomiglia necessariamente a Zingaretti.
Molto interessante il suo modo di scrivere, il mix di italiano e parole in dialetto: non so perché, ma leggendo era come se avessi davanti lo scrittore in persona che mi raccontava la storia, con quella sua voce da fumatore incallito e quel suo modo caratteristico di parlare...

Credo proprio che leggerò altri romanzi di Camilleri!
 

ambruz89

Smiling member
Divorato in due giorni, è il primo libro di Camilleri che leggo, e devo dire che non mi è dispiaciuto affatto!
Storia ben costruita, mi è piaciuto il personaggio di Montalbano, di cui mi sono fatta una personale idea mentale, che non assomiglia necessariamente a Zingaretti.
Molto interessante il suo modo di scrivere, il mix di italiano e parole in dialetto: non so perché, ma leggendo era come se avessi davanti lo scrittore in persona che mi raccontava la storia, con quella sua voce da fumatore incallito e quel suo modo caratteristico di parlare...

Credo proprio che leggerò altri romanzi di Camilleri!

eeeee anche a te ha fatto questo effetto!:)
 

Minerva

New member
Ogni volta che parlo di Camilleri rischio di essere ripetitiva, poiché anche in questo caso non posso che sottolineare le grandi capacità narrative dello scrittore.
Un giallo la cui spiegazione sta tutta nel titolo: "La forma dell'acqua", cioè la forma che noi vogliamo che essa assuma.
Due omicidi di persone "importanti" in una piccola realtà di provincia; tutto fa pensare a rivalità tra fazioni politiche...
Compare, per la prima volta, il mitico commissario Montalbano (almeno così ho capito dal contesto) che non si accontenterà della "forma assunta dall'acqua". :)
 

checcobraun

New member
Il romanzo che ci ha fatto conoscere il commissario Montalbano è, a mio parere, un piccolo gioiello della letteratura italiana contemporanea.
In una trama molto articolata Camilleri ci mostra le tante facce della Sicilia di oggi, ci presenta questo sbirro un po' scorbutico con tutti i suoi difetti...della serie "O lo ami o lo odi". Lo stile, che rimarrà lo stesso anche nei romanzi seguenti, è un marchio di fabbrica della saga di Montalbano...che ha ben poco da invidiare a Sherlock Holmes :wink:
Non avevo visto che ne era già stata pubblicata una recensione, ma non riesco a cancellarla...pardon :D
 

estersable88

dreamer member
semplicemente stupendo! E' il primo romanzo di Camilleri che leggo per intero, anche se prima di oggi avevo già letto alcuni suoi scritti e frammenti. Inoltre adoro Montalbano da sempre per via delle fiction Rai... Trovo che il Maestro abbia uno stile di scrittura molto comprensibile, elegante nel raccontare, accurato in ogni dettaglio. E' davvero un buon libro e penso che proseguirò nel mio proposito di leggere tutti i romanzi con protagonista Salvuzzo Montalbano! Fantastico!
 

alessandra

Lunatic Mod
Membro dello Staff
Leggo poco Camilleri, e sbaglio.
Per una volta nella mia vita, avendolo adottato per "Adotta un autore", ho voluto riprendere dall'inizio la serie con protagonista Montalbano.
Bello, divertente, intelligente e rappresentativo di un certo ambiente, di una certa Italia o forse di una sua buona parte, purtroppo.
Il commissario è una sagoma :D
 

velvet

Active member
Anche io ho letto pochissimo Camilleri, in genere non amo le vicende di commissari di polizia e loro indagini. Ma bi sogna allargare un po' gli orizzonti e mi sembra bene farlo con chi è unagaranzia come Camilleri. Ho deciso quindi di iniziare dal primo romanzo di Montalbano, e mi è piaciuto. Personaggio simpatico, ironia, descrizioni divertenti, bellissime ambientazioni; le indagini possono passare in secondo piano.
 
Alto