63° Artisticforum - Le nostre opere d'arte preferite

Minerva6

Monkey *MOD*
Membro dello Staff
Adoro i gatti... Poi questo è nero come il mio fu Lucianino 😍. Ma solo che sta legato ad una catenella... Poverino! Tanto si sa che i gatti non amano l'acqua quindi non si butterebbe mai e se pure decidesse di farlo non morirebbe affogato, ma impiccato 🥺. Vabbè mi sono fossilizzata troppo sul gatto. La figura centrale è uomo o donna? Dallo smartphone non riesco a capirlo, ma credo uomo.
Intanto sono andata a tradurre il titolo dell'opera: commercianti di pellicce in discesa. Quindi è un uomo. Spero solo che il gatto non serva per una pelliccia 😱.
Senza pensare alle conseguenze però nel complesso il quadro non sarebbe male.
 

lettore marcovaldo

Well-known member
Gli ingredienti che compongono questo quadro a mio parere sono molti.
C'è una dose di Mark Twain, di Edgard Allan Poe (senza offesa per il gatto di Minerva, ma quello ritratto ha qualcosa di inquietante..) e anche una spruzzata di realismo magico (ante litteram di quasi un secolo) e forse anche un pochino di Tiepolo ...
Inoltre è una immagine non ancora stereotipata della "conquista del west". Per cui si può andare verso ovest (o meglio verso sud in base alla didascalia, ma fa lo stesso :mrgreen:) senza cappello a false larghe ma con un berrettone alla Robinson Crusoe.
 

qweedy

Well-known member
Mi accodo all'impostazione acquatica, più sul lato fluviale....


George Caleb Bingham - Fur Traders Descending the Missouri - 1845

DT73.jpg
Mi piace perché trasmette il silenzio e la solitudine della vita di frontiera americana, però c'è anche qualche elemento di inquietudine, sia per la nebbia, sia per la posa minacciosa del gatto, sia per l'immobilità della scena e la mancanza di onde. Probabilmente le pelli sono nascoste nel cassone su cui si riposa la figura semisdraiata, forse il figlio, forse un nativo americano. Su tutto domina una quiete soprannaturale. Rimane un mistero il motivo per cui si siano portati il gatto.... Alcuni comunque sostengono che sia un cucciolo di orso, non un gatto.
 
Ultima modifica:

Ondine

Logopedista nei sogni
Mi piace l'atmosfera rarefatta di questo dipinto, l'immagine di questa semplice barca avvolta nella nebbia in contrasto con la sfumatura rosa del cielo.
Che stia sorgendo il sole?
 

alessandra

Lunatic Mod
Membro dello Staff
C'è un'aria cupa, forse data dalla nebbia, anche se la mia sensazione iniziale è stata quella di un'imminente tempesta. Qualunque cosa sia, ai due viaggiatori, anzi tre, gatto incluso, gli fa un baffo :mrgreen: Vanno per la loro "strada", calmi e tranquilli, il gatto (orso?:unsure:) guarda il panorama e gli umani stanno pensando ai soldi che ricaveranno dalla vendita delle pellicce.
Però volevo chiedere a Minerva perché un commerciante di pellicce deve essere uomo per forza 🤣
 

Ondine

Logopedista nei sogni
Conoscevo di questo pittore solamente alcuni dipinti astratti (l'astrattismo non mi piace) e sono rimasta piacevolmente sorpresa da questo dipinto che mi pare abbia uno stile impressionista. I colori sono bellissimi, vivi e talmente corposi da trasmettermi la sensazione di trovarmi di fronte non ad un dipinto ma ad una realizzazione di cartapesta, non so spiegarlo meglio. Mi piace molto la parte del fiume che comprende l'ampia macchia bianca e ricca di piccole macchie colorate ma non ho capito cosa rappresenti, forse è un insieme di ninfee colorate?
 

qweedy

Well-known member
Bellissimi colori, ha detto bene Ondine definendoli corposi.
Leggo che Kandinsky era stato “costretto” a studiare disegno, come studente dell’Accademia di Monaco, ma preferiva indagare gli aspetti cromatici della pittura, al punto che dai suoi compagni di studio era stato soprannominato “colorista”. E infatti qui i colori autunnali trionfano.
 

Shoshin

Well-known member
Fiume-d-autunno-Kandinsky.jpg

Prossima proposta: Fiume d'autunno di Kandinsky
Non c'entra nulla questo quadro con il libro Ginseng di Michail Prišvin,
eppure mi ha evocato impressioni che già avevo avuto leggendo le descrizioni appassionate dei luoghi sconfinati visitati dal protagonista del romanzo.
Quel tripudio di colori nella vallata dello Zu Su Che,in cui i raggi di sole si incontravano con la terra benedicendola...
 

alessandra

Lunatic Mod
Membro dello Staff
Devo ripetere quanto avete già detto, ciò che colpisce sono i colori. Non saprei definire ogni forma e ogni oggetto, ma non me ne importa niente, l'insieme è una gioia per gli occhi.
 

alessandra

Lunatic Mod
Membro dello Staff
In ritardissimo ecco la prossima proposta, si tratta sempre di acqua ma cambiamo decisamente genere e atmosfera!

Suzanne Woolcott - Cold rain on warm skin (Pioggia fredda sulla pelle calda).

Cold-Rain-On-Warm-Skin.jpg
 

Ondine

Logopedista nei sogni
C'è la pioggia ma c'è anche lo stagno, per questo l'ho scelta.
Ho scoperto questa artista vedendo in libreria le graziosissime copertine delle agende con i suoi disegni raffiguranti sempre una bambina.
Gorjuss è un elaborato brand attuale nato dalla matita di Suzanne Walcott, illustratrice scozzese.
Le sue immagini raffigurano una dolce bambina, una bimba che in realtà è il suo autoritratto, dai lunghi capelli scuri e un abbigliamento un po’ vintage, dal calzino a strisce, dai tratti molto simili alla stessa Suzanne che, con le sue tenere espressioni, cerca di catturare le emozioni e le ambientazioni tipiche della fanciullezza. La bimba non ha la bocca perché la disegnatrice è una ragazza muta. Con questo personaggio si fa portavoce di un messaggio forte, facendo capire che si può comunicare anche senza voce.
Ho scelto in particolare questa immagine perché mi ha ricordato Ofelia e sono affascinata da qualsiasi disegno raffigurante Ofelia.
Non riesco ad interpretare cosa tenga tra le braccia, mi sembra un cuore rosa con i tentacoli sopra cui sono poste delle stelline.
Nei suoi lineamenti semplici questo disegno mi trasmette dolcezza e malinconia insieme, in più i cerchi di pioggia sull'acqua sono originali.
 

lettore marcovaldo

Well-known member
Sembra il disegno che potrebbe illustrare una raccolta di favole "gotiche".
C'è il contrasto dei tratti appena accennati della bambina, quasi delicati, e lo sfondo dell'acqua, plumbeo.
Quello stretto fra le braccia potrebbe essere un animale marino? (medusa o seppia ... pur in uno stagno il che fa strano ...).
Anche la chioma della bambina, disegna nell'acqua una specie di "piovra" che sembra a sua volta abbracciare le due figure.
 

Shoshin

Well-known member
In ritardissimo ecco la prossima proposta, si tratta sempre di acqua ma cambiamo decisamente genere e atmosfera!

Suzanne Woolcott - Cold rain on warm skin (Pioggia fredda sulla pelle calda).

Cold-Rain-On-Warm-Skin.jpg
Una bimba che vive in un mondo ovattato dove sembra quasi sospesa e leggera.
Abbraccia un cuore che poggia su di lei le sue radici.
Saranno la sua storia,i suoi ricordi,i suoi sogni,le sue speranze.
Lieve e triste al tempo stesso questa immagine.
 

qweedy

Well-known member
Mi riallaccio al commento di Shoshin, anche per me c'è tristezza in questa immagine, forse per gli occhi chiusi, la mancanza della bocca e anche il colore grigio dello stagno. Non promette nulla di buono.... anche i capelli aperti sull'acqua mi ricordano Waterhouse.
E non solo, scusate ma a me vengono in mente i bambini annegati nel Mediterraneo.
 
Alto