Conan Doyle, Arthur - Uno studio in rosso

Primo libro scritto da A.C. Doyle, esordio letterario di Sherlock Holmes e del fedele compagno Watson. Il titolo mi faceva pensare a tutt'altra cosa, e quindi mi ha un pochino deluso. Ma comunque mi è piaciuto, dato che la trama è bella, anche se un po' sconnessa.

Praticamente, Holmes e Watson devono indagare su un caso dal quale non riescono a cavare nulla, poichè apre che sia stato compiuto da un ubriaco. Il caso sembra quindi essere in via di archiviazione, quando viene scoperta una seconda vittima, che è il segretario della prima. Holmes si mette dunque d'impegno, e scopre che le origini di questo duplice omicidio sono da ricercarsi molto lontano, poichè i due cadaveri hanno qualcosa a che fare con una vecchia storia successa in America qualche decennio prima. Apparentemente senza fare nulla, Sherlock Holmes risolve il primo di una fortunatissima serie di casi.

Voto 6/10.
 
Ultima modifica di un moderatore:

Masetto

New member
Come quasi tutte le avventure di Holmes è un miscuglio di molte assurdità* (come se fosse possibile ricostruire i movimenti di diverse persone in base alle impronte che hanno lasciato sulla polvere del pavimento!!) e di poche ottime intuizioni (il ragionamento con cui Holmes arriva al colpevole è impeccabile).
Eppure è un romanzo avvincentissimo, e in genere scritto molto bene (la metafora che gli da' il titolo per esempio è deliziosa). E va riconosciuto a Doyle il merito di aver creato un personaggio che tiene incollati alla pagina. Grande Sherlock Holmes!! :)
 
Ultima modifica:
Si legge d’un fiato, favorito, da un’ottima vena artistica di Doyle. Scaltro, vanitoso e molto orgoglioso. Un personaggio modernissimo. Penso che Sherlock Holmes non abbia bisogno di presentazioni.
 

Brethil

Owl Member
Ho recentemente letto una raccolta di tutti i racconti aventi come protagonista la collaudata coppia Holmes & Watson.
Le strordinarie intuizioni di Holmes non permettono al lettore di seguirlo troppo nella risoluzione dei vari casi, però è pur vero che i due protagonisti sono talmente simpatici e ben caratterizzati da far passare i difetti di questi racconti in secondo piano :)
 

Emma96

New member
Più che aver apprezzato il libro, ho apprezzato Sherlock Holmes. Violinista colto, intelligente, furbo e anche con quel tocco di arroganza e superbia che affascina e anche, anzi, soprattutto, detective per autonomasia. Non è un personaggio letterario perfetto?XD
 

Lucripeta

New member
Bello per me. Trovo i racconti di Holmes un pò lenti e a corto di suspence in certe situazioni (mi riferisco specialmente a quelli brevi) ma credo che questo libro merita così come "il segno dei quattro".
Quasi quasi lo rileggo, che lo finii un bel pò di tempo fa.
 
.... Non è un personaggio letterario perfetto?XD

Oddio, perfetto non direi proprio...:? secondo me, è un personaggio deliziosamente odioso, e che non vorrei mai incontrare nella mia vita reale.... ma ciò non toglie nulla dal suo fascino che sir Doyle era riuscito a creargli intorno....:mrgreen::mrgreen::mrgreen:
 

Anne Shirley

New member
Lo ho letto una settimana fa e devo dire non è mi è dispiaciuto affatto. La cosa che più di tutte mi ha colpito è stato il modo in cui l'autore è passato dal raccontare la storia che si svolgeva a Londra alla storia che era accaduta in America molti anni prima. Più di una volta mi sono ritrovata a scorrere le pagine indietro chiedendomi se per caso non avessi iniziato un altro racconto, o se per caso avessi preso per errore un altro libro! E' come se avesse cambiato il suo registro linguistico e il suo stile narrativo. All'inizio ero un po' disorientata, ma devo dire che poi mi sono appassionata al racconto "americano"!
Sì, è stata una lettura davvero piacevole e interessante!
 
Ultima modifica di un moderatore:

nici

New member
Primo incontro per me con Sherlock Holmes e il suo collaboratore John Watson. Mi aspettavo delle scene molto più “londinesi”, invece la seconda parte mi ha catapultato inaspettatamente nel Far West americano, disorientandomi non poco. Tra la prima e la seconda parte lo stile e il ritmo della narrazione cambiano completamente, si passa da una soluzione del caso in tempi record ad una storia tristissima, tanto che ci si ritrova a tifare per l´assassino.
Sherlock Holmes è proprio un personaggio particolare, che voglio conoscere meglio con i prossimi racconti, però a causa dei cartoni animati degli anni 80 continuo ad immaginarmelo con la faccia di un cane e la pipa in bocca! :D
 

Dallolio

New member
Secondo me la parte ambientata in America rovina un po' il libro... troppo lunga, troppo dispersiva. Per la stessa ragione però lo si può anche trovare interessante, seguendo l'opinione di nici. Diciamo che l'effetto straniamente è sicuramente raggiunto, però io dò solo
6/10

Secondo me il vero Doyle si trova negli straordinari racconti come gli omini danzanti; una curiosità che mi colpì molto è venire a conoscenza del fatto che il suo nemico mortale Morierty era in realtà solo un espediente per far morire il personaggio trovandogli un degno nemico... poi Doyle decise di iniziare nuovamente con il ritorno in grande stile del nostro investigatore... i due "arcinemici" in realtà si incontrano una volta sola!
 

Go daigo

New member
Mi è piaciuto tantissimo!
Il personaggio di Sherlock Holmes è da manuale. Incarna in tutto e per tutto l'investigatore perfetto:scaltro,quasi criminale anche lui,attento e intuitivo.
La storia americana,inizialmente, mi ha spiazzata ma questo cambio di rotta improvviso mi ha fatto godere anche di più la lettura.
Proseguirò sicuramente nella lettura dei racconti che il buon caro Watson ci ha tramandato :wink:
 

sugostar

New member
Lo ho letto una settimana fa e devo dire non è mi è dispiaciuto affatto. La cosa che più di tutte mi ha colpito è stato il modo in cui l'autore è passato dal raccontare la storia che si svolgeva a Londra alla storia che era accaduta in America molti anni prima. Più di una volta mi sono ritrovata a scorrere le pagine indietro chiedendomi se per caso non avessi iniziato un altro racconto, o se per caso avessi preso per errore un altro libro! E' come se avesse cambiato il suo registro linguistico e il suo stile narrativo. All'inizio ero un po' disorientata, ma devo dire che poi mi sono appassionata al racconto "americano"!
Sì, è stata una lettura davvero piacevole e interessante!
[/SIZE]

successa la stessa cosa. A me come libro è piaciuto molto ed il protagonista è molto ben caratterizzato
 

maurizio mos

New member
Libro universalmente considerato alla base dei racconti "gialli" (posto che il termine significhi qualcosa)
E' un libro che va letto con cautela, tenendo presente il periodo storico in cui nasce e chi l'ha scritto.
Solo così si possono comprendere (e accettare) certi passaggi, uno per tutti quando Holmes "corrompe" il poliziotto di guardia alla casa del delitto per avere informazioni. Particolare che ci dice bene di quanta considerazione godesse la polizia presso la buona borghesia (di cui Doyle era rappresentante). Pure la polizia londinese aveva già un centinaio d'anni.
Merito di Doyle è sicuramente quello di introdurre un metodo di approccio al delitto "scientifico" per l'epoca: non dimentichiamoci che Bertillion ci darà solo tra poco le impronte digitali e il ritratto parlato. Anche se Doyle è un po' ottimista: oggi solo con un potente banco di illuminazione si potrebbero ricostruire i movimenti di una o più persone (non troppe però) in base alle orme sui pavimenti. A ciò si aggiunge l'incredibile (è il caso di dirlo...) capacità di osservazione e deduzione di Holmes.
Holmes che "nasce" incredibilmente ignorante, visto Watson si accorge presto che il suo compagno di stanza non conosce nemmeno l'esatta formazione del sistema solare e se la terra è ferma o si muove ecc., perché fin da ragazzo si è concentrato solo su ciò che attiene il delitto e non intende "ingombrare" la mente con altri fatti. Poi con il tempo diventerà colto e imparerà a suonare il violino, smettendo di drogarsi, altro tratto tipico del periodo vittoriano e dello spleen degli inglesi.
Tanto colto e popolare che Doyle dovrà resuscitarlo spinto dalle proteste dei fan che non accettano la sua morte.
Per avere l'idea dei personaggi che all'epoca giravano per le vie di Londra suggerisco di leggere (se si trova) un libretto nei Tascabili Bompiani, "I rivali di Sherlock Homes", molto divertente.
 

nitina

New member
E’ il primo libro di Conan Doyle che mi sia capitato di leggere.
Di certo scorrevole e leggero. Carino.
Mi piace come venga inquadrato Sherlock Holmes, come Sir Arthur Conan Doyle ci faccia capire che tipo di persona sia l’investigatore più famoso del mondo.
E’ il primo romanzo in cui Holmes e Watson si conoscono ed è stato davvero piacevole calarsi nelle indagini. Mi intriga come vengano dipinti i personaggi e le ambientazioni.
Mi ha appassionato l’inizio della seconda parte, in cui si racconta dei mormoni!
E mi ha convinto un po’ di meno la serie di spiegazioni che Holmes da per la risoluzione del caso. Ok l’intuizione, però a volte andiamo un tantino sull’assurdo mi pare! :?
 

Nefertari

Active member
Appena finito di leggerlo e posso dire che per me è eccezionale!!!!

La prima parte in quanto vero e proprio giallo mi ha tenuta incollata per capire dove portava l'astuzia di Holmes, invece sono rimasta un pò di sasso perchè fa arrestare quello che dice essere il colpevole senza farci capire come è arrivato a questa conclusione....

La seconda parte mi ha lasciato senza parole in due modi diversi, l'inizio perchè non capivo la diversità di argomenti rispetto la parte appena conclusa e quindi non sapevo dove si sarebbe arrivati. Poi però quando si nomina la fede sfilata mi si è accesa una lampadina e ho proseguito dritta dritta fino alla conclusione!!!! E qui mi ha conquistata veramente, geniale!!!!
 

Lark

Member
Dottor Conan e mister Doyle, in questo romanzo. Eccezionale la prima metà del libro, dove viene presentato in modo efficace ed avvincente Sherlock Holmes, il caso è interessante, interessanti i personaggi. Scadente e banale la seconda parte, ambientata in America: lunghissima, sterile, personaggi male abbozzati e noiosi, senza alcuno spessore né caratterizzazione. Punta tutto sull'esoticità della vicenda, che per quanto abbia evidentemente pagato all'epoca non può soddisfare un lettore moderno.
Sembra scritto da due autori diversi.
 

velvet

Active member
Prima volta che leggo una delle avventure di Sherlock Holmes. Il personaggio è simpatico, divertente e si capisce subito perché ha raggiunto una tale fama.
La trama non è questo granché, è l'abilità di Conan Doyle a costruire il suo personaggio a fare tutto.
 

Spilla

Active member
Dottor Conan e mister Doyle, in questo romanzo. Eccezionale la prima metà del libro, dove viene presentato in modo efficace ed avvincente Sherlock Holmes, il caso è interessante, interessanti i personaggi. Scadente e banale la seconda parte, ambientata in America: lunghissima, sterile, personaggi male abbozzati e noiosi, senza alcuno spessore né caratterizzazione. Punta tutto sull'esoticità della vicenda, che per quanto abbia evidentemente pagato all'epoca non può soddisfare un lettore moderno.
Sembra scritto da due autori diversi.

Ma vedi come è bello il mondo: per me è stato quasi l' opposto! :)
La prima parte, tutta tesa a dimostrare la lucida intelligenza deduttiva di Sherlock, mi ha divertita ma non affascibata più di tanto, la seconda, del tutto differente per andamento, narrazione, descrittività, i ha incantato. Il bello dell' opera sta proprio, a mio parere, in questo doppio registro stilistico, così inaspettato. La ' brillante' conclusione mi è parsa un po' poco verosimile, ma il problema sta tutto nel fatto che ionon sono una grande estimatrice del genere giallo e tendo ad essere iper-critica :??
 
Alto