Benvenuti nel forumlibri
la community dei lettori italiani cultura e letteratura


Benvenuti nella community degli amanti dei libri, della letteratura e cultura. In forumlibri si discute di:
 » libri, arte, cultura, letteratura e Bellezza
 » cinema: recensioni di film e registi;
 » salotto letterario: letteratura, case editrici, nuovi autori, etc;
 » sociale: trova nuovi amici e nuovi contatti.

iscriviti R E G I S T R A T I al forumlibri

Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni del forumlibri e la navigazione sarà più veloce. Per comunicazioni, commenti o altro: info@forumlibri.com

    Buona navigazione!

Pagina 2 di 3 PrimoPrimo 123 UltimoUltimo
Mostra risultati da 16 a 30 di 34

Discussione: 226° MG - Fosca di Igino Ugo Tarchetti

  1. #16
    Senior Member
    Data registrazione
    Sep 2017
    Messaggi
    2158
    Thanks Thanks Given 
    4259
    Thanks Thanks Received 
    2183
    Thanked in
    1299 Posts

    Predefinito

    Sono arrivata al capitolo XXX. Anche a me non piace molto Giorgio, mi sembra debole di carattere.

    Non mi è chiaro se questo libro si ispira a vicende veramente accadute all'autore, o se è tutta fantasia. Controllando la sua biografia, mi pare che si sia ispirato a vicende che veramente gli sono accadute.

    “L'amore è la fusione e la conciliazione di due egoismi che si soddisfano a vicenda.”

    “Temo immiserire il valore e l'aspetto delle mie passioni, tentando di manifestarle; temo obbliarle tacendole.”


    “Dei nostri dolori noi siamo superbi e gelosi, noi li amiamo, noi li vogliamo ricordare. Sono essi che compongono la corona della vita.”
    Ultima modifica di qweedy; 09-24-2018 alle 10:38 PM.

  2. The Following 2 Users Say Thank You to qweedy For This Useful Post:


  3. 1.5 ADS
    ADV Bot
    Esperto banner avatar promo
    Data registrazione
    Da Sempre

  • #17
    dreamer member
    Data registrazione
    Dec 2014
    Località
    Provincia di Lecce
    Messaggi
    1980
    Inserimenti nel blog
    44
    Thanks Thanks Given 
    1253
    Thanks Thanks Received 
    1060
    Thanked in
    648 Posts

    Predefinito

    Eh... va beh, ho finito. Mea culpa: ho troppo tempo libero e sono molto veloce. Pubblico il commento in PB, ma non qui: vi aspetto, voglio commentarlo con voi. In ogni caso mi è piaciuto molto.
    In definitiva ciò che emerge soprattutto è la dicotomia tra passione e razionalità: amo ciò che mi sono convinto di dover amare e ho repulsione per ciò che secondo la mia prima idea dovrei repellere. Ma l'amore ha poco da spartire con la razionalità e, in una lotta impari, non è affatto certo chi vincerà...

  • The Following 2 Users Say Thank You to estersable88 For This Useful Post:


  • #18
    Logopedista nei sogni
    Data registrazione
    Mar 2017
    Località
    In riva al mare
    Messaggi
    1827
    Thanks Thanks Given 
    1531
    Thanks Thanks Received 
    1278
    Thanked in
    837 Posts

    Predefinito

    Zingaro tranquillo, io sono al capitolo 15°.
    @estersable vai veloce come un treno!


  • The Following 2 Users Say Thank You to Ondine For This Useful Post:


  • #19
    dreamer member
    Data registrazione
    Dec 2014
    Località
    Provincia di Lecce
    Messaggi
    1980
    Inserimenti nel blog
    44
    Thanks Thanks Given 
    1253
    Thanks Thanks Received 
    1060
    Thanked in
    648 Posts

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da Ondine Vedi messaggio
    Zingaro tranquillo, io sono al capitolo 15°.
    @estersable vai veloce come un treno!

    @Ondine ti ricordi l'articolo sulla lettura dei non vedenti sul giornalino? Ecco uno dei vantaggi di usare la sintesi vocale: velocità superiore al normale che tuttavia non deteriora la godibilità della lettura! Però mi rendo conto che non sono molto "di compagnia" nei gruppi

  • The Following User Says Thank You to estersable88 For This Useful Post:


  • #20
    Logopedista nei sogni
    Data registrazione
    Mar 2017
    Località
    In riva al mare
    Messaggi
    1827
    Thanks Thanks Given 
    1531
    Thanks Thanks Received 
    1278
    Thanked in
    837 Posts

    Predefinito

    Non preoccuparti estersable, a volte poi un libro prende talmente tanto da essere divorato ed è un peccato frenare questa passione.
    Sono contenta che ti sia piaciuto.

  • The Following User Says Thank You to Ondine For This Useful Post:


  • #21
    Logopedista nei sogni
    Data registrazione
    Mar 2017
    Località
    In riva al mare
    Messaggi
    1827
    Thanks Thanks Given 
    1531
    Thanks Thanks Received 
    1278
    Thanked in
    837 Posts

    Predefinito

    Ho terminato il 25° capitolo, ora ho una visione d'insieme più chiara.
    Giorgio ama conquistare e lo fa consapevolmente.
    E' razionale, è freddo, preferisce l'idea dell'amore all'amore stesso, conquista e abbandona per poi sentirsi nobilitato dal ricordo e dalla sofferenza nel non poter vivere appieno una storia d'amore.
    Avverto un senso di autocompiacimento quando torna a Milano da Clara, consapevole che dopo tre giorni la lascerà di nuovo.
    Con Fosca si diletta a far finta di non capire l'interesse della donna nei suoi confronti e anzi, crudelmente, le parla anche del potere benefico dell'amore, quello specifico tra uomo e donna, e una volta che Fosca cade ai suoi piedi lui la disprezza.
    Io Fosca, seppur nel suo delirio dettato sicuramente dai suoi cedevoli nervi, finora non la biasimo.
    Ora non so come lei evolverà la sua condotta però.

  • The Following 2 Users Say Thank You to Ondine For This Useful Post:


  • #22
    Senior Member
    Data registrazione
    Sep 2017
    Messaggi
    2158
    Thanks Thanks Given 
    4259
    Thanks Thanks Received 
    2183
    Thanked in
    1299 Posts

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da Ondine Vedi messaggio
    Giorgio ama conquistare e lo fa consapevolmente.
    E' razionale, è freddo, preferisce l'idea dell'amore all'amore stesso, conquista e abbandona per poi sentirsi nobilitato dal ricordo e dalla sofferenza nel non poter vivere appieno una storia d'amore.
    Alcune considerazioni un po' (anzi molto) cattive su Giorgio:

    Ho la sensazione che non sia Giorgio a conquistare, lui si limita a lasciarsi conquistare, tutto il "lavoro" lo fanno le donne. Con Clara lui si pone inizialmente come poi Fosca farà con lui: "sto male, aiutami. Io sono infelice, io sono malato, io soffro." Ritiene legittimo che la solare Clara si faccia carico di risollevarlo dalle sue malinconie, e per fortuna il marito di Clara non se ne accorge. Giorgio non ha perso la testa per Clara, si compiace solo del ricordo e della bellezza della donna.

    Quando poi è Fosca a porsi nello stesso modo verso di lui ("sto male, salvami"), lui non si sottrae come sarebbe stato suo diritto (forse soprattutto per non dispiacere al suo superiore) ma non si dà con la generosità di Clara, ma come vittima sacrificale recalcitrante, solo perchè Fosca è brutta, seppur intelligentissima a suo dire.

    Se Clara fosse stata brutta, non l'avrebbe nemmeno notata, se Fosca fosse stata bella, immagino che i suoi problemi di "nervi" non avrebbero avuto alcun peso. Era così importante per lui la bellezza?
    Ultima modifica di qweedy; 09-25-2018 alle 03:32 PM.

  • The Following User Says Thank You to qweedy For This Useful Post:


  • #23
    dreamer member
    Data registrazione
    Dec 2014
    Località
    Provincia di Lecce
    Messaggi
    1980
    Inserimenti nel blog
    44
    Thanks Thanks Given 
    1253
    Thanks Thanks Received 
    1060
    Thanked in
    648 Posts

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da qweedy Vedi messaggio
    Alcune considerazioni un po' (anzi molto) cattive su Giorgio:

    Ho la sensazione che non sia Giorgio a conquistare, lui si limita a lasciarsi conquistare, tutto il "lavoro" lo fanno le donne. Con Clara lui si pone inizialmente come poi Fosca farà con lui: "sto male, aiutami. Io sono infelice, io sono malato, io soffro." Ritiene legittimo che la solare Clara si faccia carico di risollevarlo dalle sue malinconie, e per fortuna il marito di Clara non se ne accorge. Giorgio non ha perso la testa per Clara, si compiace solo del ricordo e della bellezza della donna.

    Quando poi è Fosca a porsi nello stesso modo verso di lui ("sto male, salvami"), lui non si sottrae come sarebbe stato suo diritto (forse soprattutto per non dispiacere al suo superiore) ma non si dà con la generosità di Clara, ma come vittima sacrificale recalcitrante, solo perchè Fosca è brutta, seppur intelligentissima a suo dire.

    Se Clara fosse stata brutta, non l'avrebbe nemmeno notata, se Fosca fosse stata bella, immagino che i suoi problemi di "nervi" non avrebbero avuto alcun peso. Era così importante per lui la bellezza?
    Concordo. Non penso che Giorgio si autocompiaccia di conquistare. Lui non fa assolutamente nulla, per lui dire "sto male, soffro" è l'unico passo possibile e secondo me non mette in conto un rifiuto, non mette in conto un corteggiamento. Tutto gli risulta naturale, non si pone nemmeno il problema di perché piace a Fosca; non si chiede cosa lei possa aver visto in lui piuttosto che in un altro. E' egoista! E a questo punto sono curiosa di vedere come interpreterete voi la sua risoluzione finale nei confronti di Fosca... strano davvero quest'uomo.

  • The Following User Says Thank You to estersable88 For This Useful Post:


  • #24
    Logopedista nei sogni
    Data registrazione
    Mar 2017
    Località
    In riva al mare
    Messaggi
    1827
    Thanks Thanks Given 
    1531
    Thanks Thanks Received 
    1278
    Thanked in
    837 Posts

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da qweedy Vedi messaggio
    Non mi è chiaro se questo libro si ispira a vicende veramente accadute all'autore, o se è tutta fantasia. Controllando la sua biografia, mi pare che si sia ispirato a vicende che veramente gli sono accadute.
    Tarchetti non creò l’immagine di Fosca dal nulla, ma s’ispirò a una sua storia personale con una certa Carolina o Angiolina, parente d’un suo superiore quando, a novembre del 1865, a Parma, prestava servizio nel commissariato militare, per poi abbandonare quella carriera dando libero sfogo al suo istinto da scapigliato e scrittore. Questa donna, come sarà poi Fosca, era epilettica e malata, prossima alla morte: con lei condivideva anche l'aspetto, contraddistinto da occhi grandi e nerissimi e da capelli color ebano. Prima dell’incontro con Carolina, Tarchetti aveva intrattenuto una relazione di sette mesi con una donna sposata conosciuta a Milano, che gli fornirà poi lo spunto per il personaggio di Clara.

  • The Following User Says Thank You to Ondine For This Useful Post:


  • #25
    Senior Member
    Data registrazione
    Sep 2017
    Messaggi
    2158
    Thanks Thanks Given 
    4259
    Thanks Thanks Received 
    2183
    Thanked in
    1299 Posts

    Predefinito possibile spoiler

    Però il finale del libro è diverso rispetto a quanto avvenuto nella realtà. Ho letto che gli ultimi due capitoli sono stati scritti da un amico del Tarchetti. Non dico altro per non spoilerare troppo.
    Io l'ho finito poco fa, gli ultimi capitoli li ho letti velocemente, perchè ero molto curiosa...

    Citazione Originariamente scritto da estersable88 Vedi messaggio
    Concordo. Non penso che Giorgio si autocompiaccia di conquistare. Lui non fa assolutamente nulla, per lui dire "sto male, soffro" è l'unico passo possibile e secondo me non mette in conto un rifiuto, non mette in conto un corteggiamento. Tutto gli risulta naturale, non si pone nemmeno il problema di perché piace a Fosca; non si chiede cosa lei possa aver visto in lui piuttosto che in un altro. E' egoista! E a questo punto sono curiosa di vedere come interpreterete voi la sua risoluzione finale nei confronti di Fosca... strano davvero quest'uomo.
    Concordo, Giorgio non mi ispira nessuna simpatia, è un uomo debole ed egoista. La sua risoluzione finale nei confronti di Fosca mi sembra in linea con la sua debolezza di carattere.
    Curioso anche il ruolo del dottore.
    Mi è piaciuta la figura di Clara, molto solare e disponibile, però anche molto decisa e responsabile. Non una donna che si appoggia a un uomo, ma una donna che accudisce con gioia e che si è concessa di prendersi la sua fetta di felicità. Una donna contenta e appagata, che si accontenta di poco (non ha mai rotto le scatole a Giorgio quando lui andava via, nè mai gli ha chiesto più tempo, più attenzioni o più impegno). Una figura molto moderna, autosufficiente.
    Non mi è dispiaciuta neppure la figura di Fosca, una donna molto intelligente. Con i suoi problemi, certo, però in fondo cos'ha fatto di male? Si è innamorata di un uomo ai suoi occhi bellissimo, e glielo ha detto. L'ha pressato con ricatti morali, però stava a lui scegliere se andare o restare.
    Ultima modifica di qweedy; 09-25-2018 alle 10:30 PM.

  • The Following 2 Users Say Thank You to qweedy For This Useful Post:


  • #26
    Logopedista nei sogni
    Data registrazione
    Mar 2017
    Località
    In riva al mare
    Messaggi
    1827
    Thanks Thanks Given 
    1531
    Thanks Thanks Received 
    1278
    Thanked in
    837 Posts

    Predefinito

    Fosca scrive questo in una lettera a Giorgio:

    Tu non sai cosa voglia dire per una donna non essere bella. Per noi la bellezza è tutto. Non vivendo che per essere amate, e non potendolo essere che alla condizione di essere avvenenti, l’esistenza di una donna brutta diventa la piú terribile, la piú angosciosa di tutte le torture. Nella vita dell’uomo non vi è miseria paragonabile a questa.
    L’uomo, ancorché deforme, ancorché non amato, ha mille divagazioni, ha mille compensi; la società gli è indulgente; non potendo mirare all’amore, egli mira all’ambizione; ha uno scopo; ma la donna non può mai uscire dalla via che le hanno tracciato il suo cuore e la sua vanità, non può tendere ad altro fine che a quello di piacere e di essere amata. Non vi è che la maternità che possa compensarla qualche volta della privazione dell’amore, ma questa ne è il frutto, ed è spesso negata alla bruttezza.


    Non avere bellezza, a quel tempo, significava non avere speranza di sposarsi, non avere nessun tipo di ambizione sociale.
    Questa è la ragione della sua nevrosi.
    Comprendo Fosca, non comprendo invece Giorgio, che accetta di andare a trovarla su invito del medico.
    Si sente in debito di mostrare pietà a Fosca in quanto a sua volta ha ricevuto pietà da Clara, ma sono due situazioni diverse, sono curiosa di sapere come ne uscirà.
    Sembra, lui, voglia andarsi a cercare situazioni ambigue e illogiche.

  • The Following 2 Users Say Thank You to Ondine For This Useful Post:


  • #27
    Senior Member
    Data registrazione
    Sep 2017
    Messaggi
    2158
    Thanks Thanks Given 
    4259
    Thanks Thanks Received 
    2183
    Thanked in
    1299 Posts

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da Ondine Vedi messaggio
    Non avere bellezza, a quel tempo, significava non avere speranza di sposarsi, non avere nessun tipo di ambizione sociale.
    Questa è la ragione della sua nevrosi.
    Comprendo Fosca, non comprendo invece Giorgio, che accetta di andare a trovarla su invito del medico.
    Si sente in debito di mostrare pietà a Fosca in quanto a sua volta ha ricevuto pietà da Clara, ma sono due situazioni diverse, sono curiosa di sapere come ne uscirà.
    Sembra, lui, voglia andarsi a cercare situazioni ambigue e illogiche.
    Ho notato anch'io che in questo libro, o forse all'epoca, la bellezza sembra qualcosa di essenziale e indispensabile.
    Credo che Giorgio desideri sentirsi amato, per questo non si ritrae da questa situazione. Fosca ha una riserva d'amore esagerata e passionale che lo attira. Come una falena è attirata dalla luce, Giorgio è un uomo che desidera sentirsi oggetto di passione. Non dà, prende.

  • The Following User Says Thank You to qweedy For This Useful Post:


  • #28
    Logopedista nei sogni
    Data registrazione
    Mar 2017
    Località
    In riva al mare
    Messaggi
    1827
    Thanks Thanks Given 
    1531
    Thanks Thanks Received 
    1278
    Thanked in
    837 Posts

    Predefinito

    Ho finito il 30° capitolo, forse domani termino.
    Che differenza tra le due lettere, quella di Fosca e quella di Clara!
    Quella di Fosca la adoro, c'è dentro tutto il suo tormento, c'è passione, dolore e una profonda consapevolezza, una fine intelligenza.
    Quella di Clara non ha la stessa potenza emotiva, non mi coinvolge, non mi suscita nessuna emozione, è una lettera d'amore canonica, con tutti i crismi convenzionali.
    Sinceramente non empatizzo con Clara, è che non mi piacciono le persone che non sono sincere, nel bene e nel male.
    Ami disperatamente Giorgio? Scegli: o lo dici a tuo marito o smetti la relazione clandestina.
    Sono molto drastica in queste cose.

  • The Following 2 Users Say Thank You to Ondine For This Useful Post:


  • #29
    dreamer member
    Data registrazione
    Dec 2014
    Località
    Provincia di Lecce
    Messaggi
    1980
    Inserimenti nel blog
    44
    Thanks Thanks Given 
    1253
    Thanks Thanks Received 
    1060
    Thanked in
    648 Posts

    Predefinito

    Credo, in definitiva, che Giorgio sia vittima di se stesso, vittima del proprio ego smisurao, del "bisogno" di sentirsi amato che lo porta a non decidere... "patologia" questa di cui sono vittima molti uomini a mio parere...
    Neppure io biasimo Fosca ed anch'io apprezzo la sua lettera che è rivelatrice del suo pensiero, così come lo è quella di Clara che svela una natura più ordinaria, più vicina forse a quella di Giorgio. E' proprio tra le due lettere che si coglie maggiormente la differenza tra i due amori: intenso ma meno profondo quello di Clara, viscerale e totalizzante quello di Fosca. E le conseguenze (o l'epilogo) di questi due modi di amare sono, credo, le uniche due possibili.

  • The Following 2 Users Say Thank You to estersable88 For This Useful Post:


  • #30
    Logopedista nei sogni
    Data registrazione
    Mar 2017
    Località
    In riva al mare
    Messaggi
    1827
    Thanks Thanks Given 
    1531
    Thanks Thanks Received 
    1278
    Thanked in
    837 Posts

    Predefinito

    Adesso ho una curiosità folle di finire.
    Oggi pomeriggio mi dedico alla lettura a manetta!

  • The Following 2 Users Say Thank You to Ondine For This Useful Post:


  • Pagina 2 di 3 PrimoPrimo 123 UltimoUltimo

    Discussioni simili

    1. Tarchetti, Iginio Ugo - Fosca
      Da Dallolio nel forum Piccola biblioteca
      Risposte: 12
      Ultimo messaggio: 09-27-2018, 01:45 AM
    2. Tarchetti, Iginio Ugo - Racconti fantastici
      Da elisa nel forum Piccola biblioteca
      Risposte: 5
      Ultimo messaggio: 09-15-2016, 12:08 PM

    Regole di scrittura

    • Tu non puoi inviare nuove discussioni
    • Tu non puoi inviare risposte
    • Tu non puoi inviare allegati
    • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
    •