Gibran, Kahlil - Il Profeta

~ Briseide

Victorian Lady
Trama
Raccolta di poesie, trattanti diverse temtiche tutta egualmente importanti nella vita di un uomo, e strutturate in capitoli, in cui vengono poste domande sull'argomento in questione a cui il Profeta dando origine ad un capolavoro di spiritualità.

Non ci sono parole per descrivere quanto sia emozionante. E' uno di quei libri che ogni appassionato di lettura dovrebbe avere nella propria biblioteca personale. Gibran riesce con parole semplici a descrivere con assoluta emozionalità e spiritualità i sentimenti e le vicende di ogni giorno in maniera profonda e che cattura in maniera empatica chiunque scorra tra le pagine di questo libro; è quasi impossibile, leggendo quest'opera, non identificarsi con ciò che egli scrive, e restare catturati dal modo in cui egli lo fa. Un libro da leggere a qualsiasi età, e che ogni volta ti scuote sempre nella stessa maniera intensa ed appassionata.
 
Ultima modifica di un moderatore:

elisa

Motherator
Membro dello Staff
Letto tutto d'un fiato. Tra poemetto e poesie, molte talmente famose da diventare dei cult nelle citazioni. Di facile presa e coinvolgimento. Direi un classico oramai.
 
elisa ha scritto:
Letto tutto d'un fiato. Tra poemetto e poesie, molte talmente famose da diventare dei cult nelle citazioni. Di facile presa e coinvolgimento. Direi un classico oramai.

quoto e straquoto letto 5 anni fa e ne ho ancora un vivido ricordo
 

witch

New member
L'ho letto molti anni fa ma non riesco a ritrovarlo.

In libreria ho visto edizioni di traduttori diversi e in effetti sfogliandole qualcosina cambia...

Voi quale avete?
 

leonardodavinci

New member
se vi piace Gibran leggete, se non l'avete ancora fatto, "l' avventura di un povero cristiano" di Ignazio Silone. Mi chiederete cosa hanno in comune. Non sò che dirvi: io li ho letti uno di seguito all' altro casualmente, poi mi è venuto da pensare che non tutto avviene per caso
:idea:
 
Ultima modifica:

elesupertramp

Active member
E' vero Elisa: alcune di queste poesie sono dei cult e sono state ampiamente citate, ma io pur avendole lette chissà dove e chissà quando, le avevo dimenticate.

Tra quelle che dopo aver letto, mi sono ricordata, ci sono la poesia sull'amore, sul matrimonio e sui figli....quanta saggezza e quanta verità!:ad:





SUL MATRIMONIO

Allora Almitra di nuovo parlò e disse: Che cos'è il Matrimonio, maestro ?
E lui rispose dicendo:
Voi siete nati insieme e insieme starete per sempre.
Sarete insieme quando le bianche ali della morte disperderanno i vostri giorni.
E insieme nella silenziosa memoria di dio.
Ma vi sia spazio nella vostra unione,
E tra voi danzino i venti dei cieli.
Amatevi l'un l'altro, ma non fatene una prigione d'amore:
Piuttosto vi sia un moto di mare tra le sponde delle vostre anime.
Riempitevi l'un l'altro le coppe, ma non bevete da un'unica coppa.
Datevi sostentamento reciproco, ma non mangiate dello stesso pane.
Cantate e danzate insieme e state allegri, ma ognuno di voi sia solo,
Come sole sono le corde del liuto, benché vibrino di musica uguale.
Donatevi il cuore, ma l'uno non sia di rifugio all'altro,
Poiché solo la mano della vita può contenere i vostri cuori.
E siate uniti, ma non troppo vicini;
Le colonne del tempio si ergono distanti,
E la quercia e il cipresso non crescono l'una all'ombra dell'altro
 

skitty

Cat Member
E' stupendo il brano sulla coppia. Una mia amica l'ha utilizzato come brano di lettura durante il suo matrimonio civile, è stato bellissimo! :)
 

Lauretta

Moderator
solo una parola....WoW
me lo ha regalato una persona, anzi, mi ha regalato la sua copia, e spero non si sia pentita di averlo regalato proprio a me!
un bellissimo dono pieno di spunti non solo per riflettere ma per vivere.
bisognerebbe leggerlo sempre!
sicuramente non bisogna leggerlo solo una volta.
è un libro la 10 e lode!
 

zanblue

Active member
Un libro che tengo sempre a portata di mano.Alcune pagine,leggendole mi rimettono in pace con il mondo.
Ha un'effetto terapeutico, :D
 

Jessamine

New member
Leggendo tutti i vostri commenti entusiasti, mi viebe il dubbio di non avere prestato la dovuta attenzione, durante la "lettura" di questo libro.
Dico "lettura" perché è uno dei pochi libri che non sono riuscita a portare a termine. Ibizialmente, lo lessi in inglese, ma avevo paura di non capirci molto, così, dopo aver perso il filo (ossia dopo 5-6 pagine) me lo sono procurata in italiano. E beh, dopo le stesse 5-6 pagine mi sobo ritrovata bella stessa situazione. Mi sembrava di leggere un mucchio di banalità a metà fra una parabola biblica e racconti pseudo buddhisti intrisi di new age, e l'ho richiuso senza pensarci due volte.
Ora mi sta venendo il dubbio di non avergli prestato la dovuta attenzione, quindi credo cercherò di rileggerlo al più presto.
 

Wonderman83

New member
Il libro più bello

Ragazzi, è il mio libro preferito. L'ho letto a 16 anni e non riuscivo a capirlo, riletto qualche anno più tardi è diventato il pilastro base della mia ricerca spirituale. Ogni tanto lo devo riaprire per ricordarmi chi sono e qual'è il senso del mio vivere, del mio credere, del mio sentire. Ovunque tu sia, grazie Kahlil Gibran.
 

Valuzza Baguette

New member
io invece non ne sono cosi entusiasta...certo in alcuni punti è molto bello,però l ho anche trovato permeato di un buonismo eccessivo,mi era stato fortemente consigliato da una collega,lei lo adora,a me è piaciucchiato ma niente di più..
 

SALLY

New member
E' vero Elisa: alcune di queste poesie sono dei cult e sono state ampiamente citate, ma io pur avendole lette chissà dove e chissà quando, le avevo dimenticate.

Tra quelle che dopo aver letto, mi sono ricordata, ci sono la poesia sull'amore, sul matrimonio e sui figli....quanta saggezza e quanta verità!:ad:





SUL MATRIMONIO

Allora Almitra di nuovo parlò e disse: Che cos'è il Matrimonio, maestro ?
E lui rispose dicendo:
Voi siete nati insieme e insieme starete per sempre.
Sarete insieme quando le bianche ali della morte disperderanno i vostri giorni.
E insieme nella silenziosa memoria di dio.
Ma vi sia spazio nella vostra unione,
E tra voi danzino i venti dei cieli.
Amatevi l'un l'altro, ma non fatene una prigione d'amore:
Piuttosto vi sia un moto di mare tra le sponde delle vostre anime.
Riempitevi l'un l'altro le coppe, ma non bevete da un'unica coppa.
Datevi sostentamento reciproco, ma non mangiate dello stesso pane.
Cantate e danzate insieme e state allegri, ma ognuno di voi sia solo,
Come sole sono le corde del liuto, benché vibrino di musica uguale.
Donatevi il cuore, ma l'uno non sia di rifugio all'altro,
Poiché solo la mano della vita può contenere i vostri cuori.
E siate uniti, ma non troppo vicini;
Le colonne del tempio si ergono distanti,
E la quercia e il cipresso non crescono l'una all'ombra dell'altro

...adesso finalmente so da dove viene la metafora delle colonne del tempio, sentita almeno 10 anni fa, ma ancora la ricordo, tanto mi era piaciuta...
 
Alto