Le grandi Mostre

elisa

Motherator
Membro dello Staff
qualcuno è andato a vedere la mostra alla Basilica Palladiana a Vicenza? io ci vado il 31 gennaio e volevo qualche dritta :)
 

lettore marcovaldo

Well-known member
L’Italia farà da sé: la mostra sugli anni dell'autarchia

Loggia degli Abati di Palazzo Ducale di Genova fino al 15 febbraio 2015.

Nove sezioni tematiche per raccontare la risposta autarchica - che rivendicava cioè l’autosufficienza produttiva del paese - di Mussolini alla crisi economica del primo dopoguerra e poi a quella internazionale del 1929. Una risposta affidata principalmente alla propaganda, in perfetto stile mussoliniano, con un unico vantaggio sicuro: quello di aver dato modo a tanti artisti, illustratori, designer e architetti italiani di ideare opere e materiali che oggi apprezziamo per modernità e efficacia. (genova.mentelocale.it)


Non esattamente una 'grande mostra' ma ci sono diverse sale con materiale piuttosto eterogeneo. Molti manifesti e pubblicazioni del periodo dedicate alla promozione dei prodotti italiani. Anche materiale riguardante le colonie, in particolare l'Africa Orientale. Alcune cose piuttosto anonime, altre interessanti o curiose. Un paio di copie di 'Difesa della Razza' in esposizione mantengono inalterata un'aura intimamente oscena ...

Quando per difendere il 'posto al sole' servivano anche Linoleum, Sniafiocco, Lanital e Rayon.
 

isola74

Lonely member
Botero a Palermo

Botero - Via Crucis. La pasiòn de Cristo | Palermo 21 marzo - 21 giugno 2015 - Via Crucis la pasion de Cristo

JesusylaMultitud-250x328.jpg




la mostra si terrà a Palazzo Reale:

iu
 

Ondine

Logopedista nei sogni
Sono stata al Mudec a vedere la mostra di Frida Kahlo, che rimarrà fino al 3 giugno.
Le opere sono state divise in quattro sale, ognuna con una tematica diversa: donna, terra, politica, dolore.
Ci sono numerose foto biografiche dell'artista, pagine di diario, lettere, un video a colori con Frida e Diego nel loro periodo felice e con in sottofondo la splendida canzone "Diego e Io" di Brunori SAS.
Nelle sale è presente una luce soffusa che rende il tutto molto intimistico, i dipinti e i loro colori brillanti vengono così esaltati.
Prima dell'ingresso nella prima sala c'è una piccola retrospettiva lungo il corridoio, aperta gratuitamente al pubblico, sulla cultura precolombiana con oggetti, abiti, lavorazioni artistiche tipiche di questo popolo.
Meravigliosa.
 

Shoshin

Well-known member
33cxlr9.jpg



"Quello che io cercavo di mostrare era
un mondo dove mi sarei sentito bene,
dove le persone sarebbero state gentili,
dove avrei trovato la tenerezza che speravo
di ricevere.Le mie foto erano come una prova
che questo mondo può esistere."

Robert Doisneau
 

isola74

Lonely member
Leonardo da Vinci - la ragione dei sentimenti

In occasione del cinquecentenario della scomparsa di Leonardo da Vinci si terrà a Palermo dal 13 aprile al 29 settembre 2019 la mostra “Leonardo da Vinci la Ragione dei Sentimenti” Macchine, Disegni, Anatomia e Strumenti

Io ci porterò di sicuro mio figlio per i laboratori Leonardo Kids :YY


https://www.mostraleodavinci.it/
 

Ondine

Logopedista nei sogni
Una mostra che vorrei visitare è questa: Kokeshi. La tradizione artigianale del Tōhoku.

18 maggio 2019 / 2 giugno 2019

Al Mudec una mostra presenta per la prima volta in Italia un’ampia raccolta di kokeshi, le piccole sculture in legno dall’aspetto di bambola che sono considerate l’emblema culturale della regione del Tōhoku, nel nord-est del Giappone.
La mostra, organizzata nel quadro dell’accordo tra l’Università degli Studi di Milano e il Mudec, con il sostegno della Japan Foundation e il patrocinio del Consolato Generale del Giappone a Milano, è stata curata dalle docenti Virginia Sica, del Dipartimento di Scienze della mediazione linguistica e di Studi interculturali, e Rossella Menegazzo, del Dipartimento di Beni culturali e ambientali, insieme alla scrittrice Carmen Covito.
Saranno esposti kokeshi antichi e moderni provenienti da collezioni private italiane, affiancati da alcuni pezzi unici che sono stati realizzati appositamente in occasione di questa esposizione da tre laboratori di maestri artigiani del Tōhoku.
La regione del Tōhoku, nota anche da noi per i tragici eventi causati dal grande terremoto del 2011, è oggi particolarmente attiva nella valorizzazione del proprio patrimonio artigianale, che si presenta come una tradizione vivente, con botteghe dove le tecniche e i sistemi decorativi vengono ancora oggi tramandati di padre in figlio.
Come per la maggior parte delle sculture artistiche in legno, la produzione dei kokeshi inizia con la scelta e il taglio dell’albero. La lavorazione eseguita al tornio dal maestro artigiano viene completata con una decorazione dipinta che differisce a seconda delle scuole, dell’epoca e della zona di produzione.
Come scrive Maria Teresa Orsi nella presentazione della mostra, queste bambole "semplici, colorate a mano in una codificata ma pressoché infinita variazione di rappresentazioni formali, costituiscono uno degli esempi più singolari dell’artigianato nato nel nord est del Giappone". Si ritiene che i kokeshi abbiano avuto origine agli inizi dell’Ottocento "per opera degli abitanti dei villaggi di montagna, poi trasferitisi nei vari centri termali, onsen, dove tuttora la maggior parte degli artigiani mantiene i suoi laboratori. Col tempo, soprattutto dagli inizi del Novecento, si sono diffusi in tutto il Giappone, trasformandosi talvolta in semplici oggetti ricordo (omiyage) da comprare frettolosamente e da portare ad amici e parenti, fino a che, dal 1928 circa, hanno cominciato a essere considerati prodotti da collezionare con la cura e il rispetto che si deve a un’opera d’arte".
 

Shoshin

Well-known member


A Trieste sono arrivate le sue fotografie..


https://www-themammothreflex- co...grafi/2019/07/18/vivian-maier-mostra-trieste/






Un incontro davvero unico quello con gli scatti di Vivian Maier.
E mentre raccoglievo ricordi scattando io stessa delle fotografie ,un pezzetto di cielo è venuto ad occupare lo spazio in bianco e nero davanti a me.
 
Alto