Tabucchi, Antonio - Sostiene Pereira

elisa

Motherator
Membro dello Staff
Un mite giornalista si trova coinvolto nella lotta antifascista nella calda Lisbona di fine anni 30.
Lisbona, un fatidico agosto del 1938, la solitudine, il sogno, la coscienza di vivere e di scegliere, dentro la Storia.

Un grande romanzo civile, sulla libertò del giornalista. Sono rimasta incantata!
 
Ultima modifica:

elisa

Motherator
Membro dello Staff
Poirot ha scritto:
Mmm, sono un po' incuriosito riguardo a questo autore. Che genere scrive? :)

ho fatto un topic anche nel salotto, comunque Tabucchi è un intellettuale italiano conosciuto in tutto il mondo soprattutto per essere uno dei massimi esperti di Pessoa, poeta portoghese. Della letteratura Tabucchi dice che non è una professione, « ma qualcosa che coinvolge i desideri, i sogni e la fantasia ». Il genere non saprei definirlo se non che è ottima scrittura, colta sicuramente ma anche un po' surreale-fantastica. Ambienta i suoi romanzi generalmente a Lisbona.
 
Ultima modifica:

elisa

Motherator
Membro dello Staff
Sostiene Pereira, senza ombra di dubbio. Lo so che se un libro non ti prende poi lo butti, però arriva almeno a pagina 50 :wink: C'è anche un bel film con protagonista Marcello Mastroianni.
 
oddio quanto mi è piaciuto questo libro...
il film anche non è male, rispecchia molto il libro...mastroianni ovviamente bravissimo...
per tornare al libro, l'autore mi piace molto anche se non ho letto molto, comunque questo libro lo consiglio a tutti!
 

RosaT.

Leghorn Member
Ho letto questo libro con la scuola in 4° superiore se non ricordo male, lo leggevamo in classe, un capitolo per volta; ma io dopo i primi, letti a distanza di una settimana dall'altra, non ho resistito me lo sono letto tutto d'un fiato ... bellissimo !!!!
Poi è stato un po' noioso seguire le lezioni visto che sapevo tutta la trama in anticipo rispetto alla maggior parte dei compagni (qualcuno aveva fatto come me...)
:wink: GIUDIZIO POSITIVO !!!!!!!!!!
 
Ultima modifica di un moderatore:

evelin

Charmed Member
E' piaciuto anche a me!!
All'inizio andavo un po' a rilento poi mano a mano sono riuscita ad andare avanti...
 

Mrs. Rog

New member
Il film è molto bello! Il libro l'ho dovuto leggere per scuola...lo trovo un pò noioso ma scorre velocemente...però non mi piace perchè non è il mio genere... :roll:
 

elena

aunt member
Anche a me il libro è piaciuto molto.....e la splendida intepretazione di Mastroianni non sminuisce il valore del romanzo :wink: !!!!!
 

Alfredo_Colitto

scrittore
Molto bello. Si legge d'un fiato e ti lascia dentro un sacco di cose. La ricostruzione storica è tutta fatta di atmosfere, più che di luoghi. E i personaggi sono emozioni. Uno dei non molti casi in cui un libro che merita di essere un bestseller... lo diventa.
 
Ho amato Pereira fina dalle prime pagine. Il caffè orchidea l'ho immaginato così intensamente da riuscire a descriverne anche il colore delle tovaglie (ovviamente ho gustato insieme al protagonista le omelette alle erbe! 8) ). Ho amato tantissimo questo libro, il mio preferito, insieme a Notturno indiano, di Tabucchi. Amo la purezza di certi pensieri che rimangono incontaminati malgrado il contesto. Amo il portogallo, Monteiro Rossi e i suoi negrologi ideologici. Anche il film mi ha generato una tempesta emotiva. Grande Mastroianni e ottima colonna sonora!
 
Ultima modifica di un moderatore:
Alfredo_Colitto ha scritto:
Molto bello. Si legge d'un fiato e ti lascia dentro un sacco di cose. La ricostruzione storica è tutta fatta di atmosfere, più che di luoghi. E i personaggi sono emozioni. Uno dei non molti casi in cui un libro che merita di essere un bestseller... lo diventa.

quoto
 
Ancora una volta mamma Ely ha consigliato bene! E' un libro assolutamente meraviglioso, forse uno dei più belli che io abbia letto in assoluto. I profumi e gli odori portoghesi che emergono dal romanzo sono inebrianti, e la storia è narrata molto bene, in maniera sublime. E bravo Tabucchi!

Voto 5/5!
 

zolla

New member
bello bello anche il film con mastroianni,ti consiglio anche requiem sempre di tabucchi e la testa perduta di damasceno monteiro
 

serra

New member
ottimo romanzo. Interessanti riflessioni sul tema della libertà giornalistica e sul ruolo che l'intellettuale deve avere nella storia. Ai lettori rimasti soddisfatti di questa lettura, consiglierei anche "Conversazione in Sicilia" di Elio Vittorini
 

elena

aunt member
ottimo romanzo. Interessanti riflessioni sul tema della libertà giornalistica e sul ruolo che l'intellettuale deve avere nella storia. Ai lettori rimasti soddisfatti di questa lettura, consiglierei anche "Conversazione in Sicilia" di Elio Vittorini

Interessante abbinamento :D!!!! Leggendoli non avevo colto elementi in comune :?.....però ripensandoci......sono due letture diverse ma avvicinabili.....in ogni caso tutti e due sono ottimi libri :p!!!
 

serra

New member
entrambi parlano della condizione dell'intellettuale nella società. Non a caso l'inizio del romanzo di Vittorini dice che Silvestro (il protagonista) deve lasciare gli astratti furori per doveri concreti, un po' come dovrebbe fare Pereira.
 
Alto