Ruiz Zafon, Carlos - Il palazzo della mezzanotte

Meri

Viôt di viodi
Calcutta 1916 un tenente porta in salvo due bambini appena nati, un maschio e una femmina e sono gemelli. I bambini sono inseguiti da un essere malvagio che ha già ucciso i genitori dei ragazzi e che vuole eliminare anche loro due. I gemelli vengono portati dalla nonna che li dividerà: Ben crescerà in un orfanotrofio e Sheere rimarrà con la nonna.
Sedici anni dopo l'uomo che voleva ucciderli si presenterà alla porta dell'orfanotrofio x completare la sua vendetta.



Anche se l'ambientazione è cambiata, non è più Barcellona, ma Calcutta, il romanzo rispecchia un po' le caratteristiche dei precedenti libri di Zafon: il mistero, il soprannaturale, la vendetta. Come dice anche l'autore nell'introduzione è una lettura x ragazzi, ma in ogni caso rilassante x gli adulti. Niente a che vedere con L'ombra del vento, che a mio parere, rimane il suo capolavoro.
 

Minerva6

Monkey *MOD*
Membro dello Staff
Ce l'ho già a casa ma ancora non trovo il tempo x leggerlo,così come "Marina".
Penso anche io che "L'ombra del vento" resterà sempre il migliore.
 

Siriana

New member
Devo dire che, affascinata da "L'ombra del vento" - a mio parere il suol romanzo più bello- mi sono cimentata nella lettura di tutti i romanzi di Zafon finora pubblicati (tranne il principe della nebbia, ancora sul comodino da leggere). Tuttavia ricorrono sempre gli stessi schemi, le trame si fanno più inconsistenti... no, non c'è niente da fare. La suspance dell'ombra del vento è irripetibile!
 

Ira

Retired member
concordo in pieno anche se non ho ancora letto Il palazzo della Mezzanotte - Marina a mio avviso è il peggiore, non mi ha dato proprio niente.
 

novella76

New member
Ce l'ho già a casa ma ancora non trovo il tempo x leggerlo,così come "Marina".
Penso anche io che "L'ombra del vento" resterà sempre il migliore.

Idem per me. Parcheggiati entrambi sulla mia libreria. Ho paura di rimanere delusa dopo l'ombra del vento. Va beh magari sarà una piacevole lettura da ombrellone per le mie prossime ferie!
 

Minerva6

Monkey *MOD*
Membro dello Staff
Terminato oggi pomeriggio,l'ho inserito nella lista della sfida letteraria,perchè ce l'avevo a casa ma non mi decidevo a leggerlo.
Purtroppo al confronto con L'ombra che,ribadisco,per me è il migliore,perde punti.
Ormai li ho letti tutti i libri di Zafon e spero davvero che in futuro riesca a ripetere l'atmosfera particolare del Cimitero dei libri dimenticati.
Posso solo dire che è da valorizzare il senso di fratellanza descritto che unisce i 7 giovani orfani,ma c'è troppa "magia" (non è la parola giusta in realtà) per i miei gusti.
Gli elementi lontani dal reale in pratica sono troppi per le letture che sto preferendo in questi ultimi anni.
Nonostante ciò l'ho letto in un paio di giorni perchè comunque ero curiosa di scoprire la fine della storia.E avevo indovinato quale era la vera identità del male.
 

Knight

New member
Concordo grosso modo con quello che è stato detto finora.
E' naturale per chi ha letto l'ombra del vento paragonarlo agli libri di Zafon, anche se è sbagliato, xkè quello è il capolavoro non solo di questo scrittore, ma di tanta parte della letteratura narrativa degli ultimi anni. E' solo con questo presupposto che si può leggere e valutare obiettivamente gli altri lavori di Zafon. Contrariamente a quanto detto da qualcuno prima di me, reputo Marina molto bello come romanzo, a differenza de Il gioco dell'angelo che a mio avviso è il vero flop di questo autore.
Il palazzo della mezzanotte è una storia piacevole, che a chi come me ama Zafon, sa dare qualche emozione. Ma, siamo sempre lì, l'Ombra del Vento è un'altra cosa...
 

denaromy

Donna di denari
Pienamente d'accordo con tutto quello che avete detto. L'ombra del vento mi ha affascinato, emozionato, atmosfera surreale, un libro bellissimo.
Sull'onda dell'entusiasmo ho letto Marina e l'ho trovato insipido e pieno di incongruenze.
Ora ho iniziato Il palazzo della mezzanotte ma dopo aver letto i vostri commenti mi è già passata la voglia di leggerlo, anche se l'inizio prometteva bene...:?:?

Ah dimenticavo Il gioco dell'Angelo: l'ho trovato davvero pessimo :W
 

Mary70

New member
Finito di leggerlo oggi. A me è piaciuto molto, non è bello come l'ombra del vento, ma si difende bene. Di una cosa avete ragione, ricorrono quasi sempre gli stessi schemi (vedi il tema del fuoco), però ho notato che questo capita anche con altri autori. Comunque è un bel romanzo.:)
 

dangel82

New member
primo e unico (al momento) romanzo di Zafon letto. l'ho trovatov davvero molto divertente e mi ha un po' ricordato i classici libri letti da bambino. Un bel ritorno alle origini.
Davide
 

Ira

Retired member
Entro sera lo finirò, non so ovviamente ancora come finisce ma posso dire che l'ho letto volentieri. Scritto come sempre in modo magistrale come tutti i libri di Zafon, anche se non è paragonabile all'ombra del vento che resta il suo capolavoro.
Riprende gli stessi temi degli altri suoi libri, casa, fuoco e protagonisti giovani (del resto aveva iniziato scrivendo libri per ragazzi). Ha cambiato solo la collocazione geografica, dalla Spagna si è traferito in India.
E' una storia assolutamente inverosimile, troppo anche trattandosi di un libro di fantasia.
 

skitty

Cat Member
Zafon, Carlos Ruiz - Il palazzo della mezzanotte

La trama (da IBS)Calcutta, 1916. Una locomotiva infuocata squarcia la notte portandosi dietro un carico di morti innocenti. Sotto una pioggia scrosciante, quella stessa notte, un giovane tenente inglese sacrifica la vita per portare in salvo due gemelli neonati inseguiti da un tragico destino. Calcutta, 1932. Ben, il gemello maschio, compie sedici anni, lascia l'orfanotrofio St. Patricks e festeggia l'inizio della sua vita adulta. È anche l'ultimo giorno della Chowbar Society, un club segreto che conta sette orfani come Ben, riunitosi per anni allo scoccare della mezzanotte sotto un tetto di stelle, nella sala principale di un antico edificio in rovina, il Palazzo della Mezzanotte. I sette ragazzi sono sicuri che quella sarà la loro ultima notte insieme, ma il passato bussa alla porta di Ben: la bellissima gemella che non sapeva di avere entra nel Palazzo con una pazzesca storia da raccontare. Le braci dell'incendio di sedici anni prima ricominciano ad ardere. Per tre interminabili giorni i membri della Chowbar Society cercano di decifrare ciò che si nasconde dietro al passato di Ben e di sua sorella, mentre combattono contro un secondo terribile incendio appiccato da un'ombra misteriosa. E, quando ormai l'inferno sembra aver preso il sopravvento e il compiersi del destino inevitabile, il fuoco all'improvviso si spegne... e una candida neve scende sulle strade di Calcutta.

Commento
Un bel romanzo di fantasia, scritto in modo davvero coinvolgente e scorrevole.
Diversi colpi di scena trascinano il lettore in un mondo misterioso e sospeso, facendo dimenticare un po' la realtà.
Non sarà un libro memorabile tra le mie letture, e non è certamente all'altezza de “L'ombra del vento”, ma è stata una lettura molto piacevole, un intrattenimento davvero gradevole per trascorrere qualche ora tra le strade più misteriose di Calcutta.
 

laura.81

New member
Spinta dalla curiosità, dopo aver letto L'ombra del vento (un bellissimo regalo di compleanno)ho preso il Palazzo della Mezzanotte.
Non è che non mi sia piaciuto, ma di certo non vi ho trovato, come ho letto in alcune recenzioni, "il preludio all'Ombra del vento"! rimane una bella storia, anzi una bella storia per ragazzi (perchè, ricordiamolo, Zafon lo scrisse proprio per questo target!), ma niente più.
 

Sibyl_Vane

Fairy Member
L'ho trovato un piacevole libro di fantasia. Mi ha preso molto all'inizio, anche se poi, verso la fine, l'interesse è andato un po' scemando... tuttavia, l'ho apprezzato come il libro per ragazzi che effettivamente è e mi ha riportato indietro alla mia adolescenza, quando leggevo spessissimo libri di questo tipo. Trovo inoltre che le descrizioni dettagliate evochino, a volte, delle immagini davvero molto belle. Non un capolavoro, ma comunque consigliato! :wink:
 

Creamy

New member
una lettura da spiaggia. piacevole ma niente di più di un libro per ragazzi. concordo con le opinioni già espresse. ho letto anche marina e il gioco dell'angelo. stessi schemi che si ripetono. niente a che vedere con l'ombra del vento, che ho trovato (forse perchè è stato il primo che ho letto) originalissimo, coinvolgente e "morboso" al punto che l'ho finito in 2 gg..non sarei voluta andare a dormire per non interrompere la lettura..e ogni momento era buono per leggere..sui mezzi, in pausa pranzo, in fila alla posta!
 

Go daigo

New member
Cosa dire ? Non mi è piaciuto per niente. Trama sconclusionata e vuota nonostante una buona idea di sottofondo ci fosse. Il finale poi,da film Disney... Se Zafon fornisse la trama facendo scrivere qualcun'altro forse ne caverebbe qualcosa di maggiormente apprezzabile. La scusa che sia un libro per ragazzi non può giustificare la mediocrità dell'opera. Ci sono libri per ragazzi che sono dei capolavori.
 

Mfrigerio

New member
Non mi ha fatto impazzire... premetto però che non avevo mai letto niente di Zafon perciò non conoscevo il suo genere... che in effetti non è tra i miei preferiti...
Per quanto riguarda L'ombra del vento ho sentito moltissimi dire che è stupendo, quindi lo metterò sicuramente tra quelli da leggere.
 
Alto