King, Stephen

fabiog

New member
Per quel che mi riguarda tra i miei preferiti ci sono sicuramente : IT ( il primo in assoluto ), La zona morta, Cose preziose, La tempesta del secolo.
Scadenti considero : Mucchio d'ossa, Cell ( forse il peggiore ), L'acchiappasogni
Trovo che con gli ultimi romanzi sia rientrato nei ranghi anche se non al livello delle sue prime opere.
Aspetto con impazienza ilprossimo
 

Persefone*

New member
Sentendo sempre parlare bene di Stephen King ho provato a leggere qualche suo libro, ho iniziato con la Torre Nera ed è stato un disastro, non mi è piaciuto per niente,in certi punti mi faceva davvero senso!!! poi ho provato con L'acchiappasogni ed è andata ancora peggio che con La Torre Nera XD !poi ho provato Il miglio verde e devo dire che mi è piaciuto tantissimo, e posso dire uguale de Le Notti di Salem, che mi è piaciuto altrettanto (anche se ci sono alcuni pezzi che fanno un po senso!!). Però mi sono fermata qui, perchè anche se è un grandissimo autore,il suo genere proprio non mi piace!
 

davethejoint

New member
Domanda da un milione di dollari:
partendo dai presupposti che:
  1. considere King uno dei migliori scrittori in assoluto, non solo per quanto riguarda il genere horror, ma proprio in generale per le sensazioni che riesce a dare con la sua scrittura,
  2. ogni libro di king che compro le tengo quasi come una reliquia, temendo di leggerlo perche' se fosse l'ultimo che scrive poi non avrei piu' nulla di suo da leggere
secondo voi, se esite, chi puo' essere considerato un suo degno successore?:ad:
 

fabiog

New member
Domanda da un milione di dollari:
partendo dai presupposti che:
  1. considere King uno dei migliori scrittori in assoluto, non solo per quanto riguarda il genere horror, ma proprio in generale per le sensazioni che riesce a dare con la sua scrittura,
  2. ogni libro di king che compro le tengo quasi come una reliquia, temendo di leggerlo perche' se fosse l'ultimo che scrive poi non avrei piu' nulla di suo da leggere
secondo voi, se esite, chi puo' essere considerato un suo degno successore?:ad:

Prima di tutto vorrei avvisare tutti gli appasionati di King che è uscito il suo ultimo romanzo " 22/11/63" che mi son già preso la briga di acquistare :YY
Per rispondere alla domanda da " un milione di dollari " penso che un suo reale successore non ci sarà mai. Attualmente non trovo neanche qualcuno che gli si avvicini, qualche critico non parla male dell'autore di " Lasciami entrare " ( non ricordo il nome ), ma onestamente non sò se può esserne considerato un suo erede.
Spero che il buon Dio ce lo conservi ancora a lungo, in attesa magari che il figlio Joe Hill possa pian pianino affermarsi.
 

Shoofly

Señora Memebr
Dopo un anno e mezzo dall'abbandono ho ritrovato Al Crepuscolo e ho finito di leggere N. (interrotto per diperazione). Mi son detta... chissà se a distanza di tempo ci trovi qualcosa di meglio. Continuo a non trovarcelo. Poi il racconto N. ... sembrava di leggere Lovecraft ma col libro al contrario :MM:mrgreen:
L'ho rimesso sulla lavatrice così come l'avevo lasciato. Forse tra un anno mi convincerò a leggere "Il gatto del diavolo" :wink:
 

Maxime Doe

New member
Ho letto tempo fa L'ombra dello Scorpione e mi è piaciuto molto. Ora manca un libro per finire ciclo La torre nera, storia complessa ma bella. Prossimo libro che leggerò è Il miglio verde.

Stephen King è quasi mio vicino di casa nato a 50km dalla mia città :)
 

fouRags

New member
Lo adoro, anche se ho letto ''solo'' una quindicina dei suoi libri. Per ora i preferiti sono: tutta la serie de La Torre Nera, La storia di Lisey, Cuori in Atlantide, Stagioni Diverse.
Prossimamente leggerò il suo ultimo, del quale ho letto un gran bene! : D
 

ElenaPennywise

New member
Domanda da un milione di dollari:
partendo dai presupposti che:
  1. considere King uno dei migliori scrittori in assoluto, non solo per quanto riguarda il genere horror, ma proprio in generale per le sensazioni che riesce a dare con la sua scrittura,
  2. ogni libro di king che compro le tengo quasi come una reliquia, temendo di leggerlo perche' se fosse l'ultimo che scrive poi non avrei piu' nulla di suo da leggere
secondo voi, se esite, chi puo' essere considerato un suo degno successore?:ad:

Secondo me, a quanto ho sentito in giro all'altezza di definirsi erede di King c'é, ad esempio, Clive Barker!TUNZZZ
 

Des Esseintes

Balivo di Averoigne
Domanda da un milione di dollari:
partendo dai presupposti che:
  1. considere King uno dei migliori scrittori in assoluto, non solo per quanto riguarda il genere horror, ma proprio in generale per le sensazioni che riesce a dare con la sua scrittura,
  2. ogni libro di king che compro le tengo quasi come una reliquia, temendo di leggerlo perche' se fosse l'ultimo che scrive poi non avrei piu' nulla di suo da leggere
secondo voi, se esite, chi puo' essere considerato un suo degno successore?:ad:


Partendo dal mio personale punto di vista che è il seguente:

1 - Considero King uno degli scrittori più largamente ed immeritatamente sopravvalutati nella storia della letteratura (e che prima di leggere King ci sarebbe un intero mondo, molto più interessante e ricco) :)

Un fenomeno, a livello mediatico, dello stesso tipo non si vede all'orizzonte; uno che non è male potrebbe essere McCammon, che però è già sulla sessantina, quindi tanto erede non è..
Forse forse, almeno come carisma, Mieville, ma non è nello stesso genere, siam più sulla SF o Urban Fantasy.. :)
 

Maxime Doe

New member
Domanda da un milione di dollari:
partendo dai presupposti che:
  1. considere King uno dei migliori scrittori in assoluto, non solo per quanto riguarda il genere horror, ma proprio in generale per le sensazioni che riesce a dare con la sua scrittura,
  2. ogni libro di king che compro le tengo quasi come una reliquia, temendo di leggerlo perche' se fosse l'ultimo che scrive poi non avrei piu' nulla di suo da leggere
secondo voi, se esite, chi puo' essere considerato un suo degno successore?:ad:

Negli USA S. King è sullo stesso piano di Dean Koontz, mia personale opinione è che Koontz è superiore a King
 

Marty Wilde

Outsider is better
Io di Stephen King ho letto Carrie (mi è piaciuto molto) e Scheletri (una raccolta di racconti).
Essendo amante dei film horror, come posso non amarlo? Amo il modo in cui scatena una specie di adrenalina, di quel terrore che ti fa sobbalzare il cuore...

Davvero un genio assoluto! TUNZZZ
 
Anche io ho letto Carrie. Benchè adori i film horror, questo è l'unico libro sul genere che abbia letto sino ad ora e puntualmente mi dico che Stephen merita un dovuto approfondimento. Continuo a credere che i suoi romanzi vengano quasi schiacciati ed inscatolati dalle pellicole cinematografiche, perchè lo stile di scrittura di Stpehen è esso stesso molto più che un film: il flusso emozionale che pervade l'intera opera è talmente vivido, che risulta impossibile non lasciarsi coinvolgere da tanta 'elettricità'. Ciò che lo rende unico, al di là della fervida fantasia, è proprio questo tocco di realistica profondità interiore, descritta costantemente in modo così palpabile, da sentirsi quasi protagonisti in prima persona.
Dopo Carrie, quale altro libro di King mi consigliate? :p - magari uno di cui non è facile conoscere anche il film.
 

fabiog

New member
Anche io ho letto Carrie. Benchè adori i film horror, questo è l'unico libro sul genere che abbia letto sino ad ora e puntualmente mi dico che Stephen merita un dovuto approfondimento. Continuo a credere che i suoi romanzi vengano quasi schiacciati ed inscatolati dalle pellicole cinematografiche, perchè lo stile di scrittura di Stpehen è esso stesso molto più che un film: il flusso emozionale che pervade l'intera opera è talmente vivido, che risulta impossibile non lasciarsi coinvolgere da tanta 'elettricità'. Ciò che lo rende unico, al di là della fervida fantasia, è proprio questo tocco di realistica profondità interiore, descritta costantemente in modo così palpabile, da sentirsi quasi protagonisti in prima persona.
Dopo Carrie, quale altro libro di King mi consigliate? :p - magari uno di cui non è facile conoscere anche il film.

Personalmente ti consiglierei IT che considero il suo capolavoro, è un libro in cui l'analisi dell'età pre adolescenziale, i valori dell'amicizia, le difficoltà di interfecciarsi con il mondo degli adulti raggiunge alte vette. Leggendo IT ci si sente riportati a quell'età, alle estati scanzonate con gli amici e l'orrore che i ragazzi del libro affrontano è il loro passaggio all' età adulta e la successiva descrizione degli stessi ragazzi da adulti è altrettanto splendida
 

claki

New member
Io di Stephen King ho letto Carrie (mi è piaciuto molto) e Scheletri (una raccolta di racconti).
Essendo amante dei film horror, come posso non amarlo? Amo il modo in cui scatena una specie di adrenalina, di quel terrore che ti fa sobbalzare il cuore...

Davvero un genio assoluto! TUNZZZ

A me non è piaciuto l ho letto in lingua originale qualche anno fa ed è passato in un dimenticatoio della mia mente....
 

GermanoDalcielo

Scrittore & Vulca-Mod
Membro dello Staff
Dopo Carrie, quale altro libro di King mi consigliate? :p - magari uno di cui non è facile conoscere anche il film.

Se non hai letto Pet Sematary, rimedia il prima possibile :). Anche lì la tensione è palpabile e sale, sale fino a un finale che definire solo "creepy" è fargli torto. Il protagonista (non scrivo chi è altrimenti ti rovino il libro) per me è un'icona della letteratura horror.
 

VivianP

New member
Io Stephen lo leggo da quando sono piccola; stranamente mi sono sempre piaciuti di + i racconti un pò meno horror, tipo "cuori in atlantide" o "la zona morta", e poi la mitica saga della torre nera, che secondo me è un pò sottovalutata ma in realtà è geniale! Western fantasy e horror tutti assieme; qualcuno l'ha mai fatta una roba simile prima di lui?
 

Jessamine

Active member
Mia madre è una grandissima lettrice di King, credo siano pochi i suoi titoli che non abbiamo in casa, per cui per forza di cose l'ho letto spesso.
Sinceramente, non mi fa impazzire. Sarà che non è esattamente il mio genere, però certo, i suoi libri mi coinvolgono, sono piacevoli, ma a mio parere nulla di più. Lo considero più che altro un autore piacevole tra cui andare a pescare qualcosa quando non ho nulla da leggere, quando non ho voglia di leggere nulla di troppo impegnativo, insomma, una lettura piacevole ma che lascia un po' al tempo che trova.
Ripeto, forse è perché a me di mostri e quant'altro importa poco, tant'è che uno dei suoi romanzi che ho apprezzato maggiormente è Il miglio verde, dove si discosta dai suoi soliti temi, che sono quelli che a me fanno storcere il naso.
Però, ecco, lo considero senza infamia e senza lode, se mi capita tra le mani lo leggo tranquillamente, ma non andrei mai a far la fila in libreria per il suo prossimo romanzo, ecco :HIPP.
 

Davide Al Thor

One like no one
Stephen King meriterebbe un post lungo un libro eheheh. Ritengo di conoscerlo sufficientemente, a casa ho una trentina/quarantina di titoli suoi.
Non sempre all'altezza delle aspettative gli ultimi libri. Da quando ha subito l'incidente (è stato investito mentre faceva una passeggiata vicino casa), ha avuto un calo nella qualità delle sue produzioni. Mi viene in mente ''Cell'' ma anche ''la storia di Lisey'', da cui però ha saputo riprendersi in parte. Vedi ad esempio the dome (qualcuno segue la serie tv?) e l'ultimo che ho letto è stato 22/11/63 (assassinio di Kennedy) in cui si discosta dal genere in cui è stato inserito dai critici. Lo hanno sempre definito re dell'orrore, quando i suoi libri andavano al di la del genere citato. Com'è naturale che accada, quando si parla di uno Scrittore. La capacità immaginifica, la capacità di trasportare il lettore e renderlo partecipe. Credo abbia diritto ad essere annoverato tra i più grandi.

Vorrei poter scrivere altro, ma il tempo è poco. Cercherò di scrivere altro successivamente.
Se non avete letto la saga della torre nera, dovete rimediare. L'antieroe, Roland Deschain di Gilead, merita una possibilità.

''The man in black fled across the desert and the gunslinger followed''
 

c0c0timb0

Pensatore silenzioso
Ecco, a me piace solo quando NON parla di horror e di cose fantascientifiche, di demoni e simili. Infatti 22/11/63 me lo sto godendo abbastanza (ne ho letto un terzo, finora). Direi che se scrive di cose "normali" (odio la serie della Torre Nera), ha delle descrizioni abbastanza raffinate e degli incastri interessanti. Descrive l'america di oggigiorno da buon osservatore e americano di tutti i giorni. Diciamo che quando è bravo, è bravo davvero, sebbene sempre un po' prolisso... Comunque si lascia leggere. Non vincerà mai un Pulitzer e credo non gliene freghi un granché. Ha fatto un sacco di soldi con quello che ha scritto, quindi per lui va sicuramente bene così.
 

Cold Deep

Vukodlak Mod
Ho quasi completato la sua bibliografia, manca ormai solo "Unico indizio la luna piena" che costa parecchio.

10398683_701095899939349_1738455704761522456_n.jpg
 
Ultima modifica:
Alto