Benvenuti nel forumlibri
la community dei lettori italiani cultura e letteratura


Benvenuti nella community degli amanti dei libri, della letteratura e cultura. In forumlibri si discute di:
 » libri, arte, cultura, letteratura e Bellezza
 » cinema: recensioni di film e registi;
 » salotto letterario: letteratura, case editrici, nuovi autori, etc;
 » sociale: trova nuovi amici e nuovi contatti.

iscriviti R E G I S T R A T I al forumlibri

Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni del forumlibri e la navigazione sarà più veloce. Per comunicazioni, commenti o altro: info@forumlibri.com

    Buona navigazione!

Pagina 7 di 17 PrimoPrimo 1234567891011121314151617 UltimoUltimo
Mostra risultati da 91 a 105 di 241

Discussione: 142° MG - Antologia di Spoon River di Edgar Lee Masters

  1. #91
    The black sheep member
    Data registrazione
    Oct 2014
    Località
    Frittole
    Messaggi
    3321
    Inserimenti nel blog
    2
    Thanks Thanks Given 
    983
    Thanks Thanks Received 
    1155
    Thanked in
    565 Posts

    Predefinito La collina, Hod Putt, Oliee Mc Gee, Fletcher Mcgee

    Posterò 12 poesie ogni 8 giorni circa, seguendo l’ordine di pubblicazione del libro.

    Per favore, indicate chiaramente la poesia che state per commentare, scrivendo il titolo nell’intestazione del post.


    La collina.

    Dove sono Elmer, Herman, Bert, Tom e Charley,
    il debole di volontà, il forte di braccia, il buffone, l'ubriacone,
    [l'attaccabrighe?
    Tutti, tutti, dormono sulla collina.
    Uno morì di febbre,
    uno bruciato in miniera,
    uno ucciso in una rissa,
    uno morì in prigione,
    uno cadde da un ponte mentre faticava per moglie e figli -
    tutti, tutti dormono, dormono, dormono sulla collina.
    Dove sono Ella, Kate, Mag, Lizzie e Edith,
    il cuore tenero, l'anima semplice, la chiassosa, la superba,
    [l'allegrona? -
    tutte, tutte, dormono sulla collina.
    Una morì di parto clandestino,
    una di amore contrastato,
    una fra le mani di un bruto in un bordello,
    una di orgoglio
    infranto, inseguendo il desiderio del cuore,
    una dopo una vita lontano a Londra e Parigi
    fu riportata nel suo piccolo spazio accanto a Ella e Kate e Mag -
    tutte, tutte dormono, dormono, dormono sulla collina.
    Dove sono zio Isaac e zia Emily,
    e il vecchio Towny Kincaid e Sevigne Houghton,
    e il maggiore Walker che aveva parlato
    con i venerandi uomini della rivoluzione?-
    tutti, tutti dormono, dormono, dormono sulla collina.
    Li portarono figli morti in guerra,
    e figlie che la vita aveva spezzato,
    e i loro orfani, in lacrime -
    tutti, tutti dormono, dormono, dormono sulla collina.
    Dov'è il vecchio Jones, il violinista
    che giocò per novant'anni con la vita,
    sfidando il nevischio a petto nudo,
    bevendo, schiamazzando, infischiandosi di moglie e parenti,
    e danaro, e amore, e cielo?
    Eccolo! Ciancia delle sagre di pesce fritto di tanti anni fa,
    delle corse di cavalli di tanti anni fa a Clary's Grove,
    di ciò che Abe Lincoln disse
    una volta a Springfield.

    Hod Putt


    Giaccio qui accanto alla tomba
    del vecchio Bill Piersol,
    che s'arricchì trafficando con gli indiani, e
    poi con la legge sul fallimento
    se la cavò più ricco di prima.
    Io m'ero stancato di fatiche e miseria
    e vedendo che il vecchio Bill e gli altri s'arricchivano,
    una notte rapinai un passante dalle parti di Proctor's Grove,
    ma senza volere lo uccisi,
    perciò fui processato e impiccato.
    Fu il mio modo di fare fallimento.
    Ora noi che siamo falliti ciascuno a suo modo
    riposiamo in pace fianco a fianco.

    Ollie McGee


    L'avete visto in giro nel villaggio
    un uomo con gli occhi bassi e il volto scavato?
    È mio marito, è lui che per segreta crudeltà
    innominabile, mi prese gioventù e bellezza;
    così alla fine, avvizzita e coi denti gialli,
    spezzata nell'orgoglio e in abietto avvilimento,
    sprofondai nella fossa.
    Ma sapete cos'è che rode il cuore a mio marito?
    Com'ero, e come mi ha ridotta!
    Questo lo spinge al luogo dove giaccio.
    Nella morte, dunque, sono vendicata.

    Fletcher McGee


    Mi prese la forza minuto per minuto,
    mi prese la vita ora per ora,
    mi svuotò come luna di febbre
    che fiacchi la trottola del mondo.
    I giorni trascorsero come ombre,
    i minuti ruotarono come stelle.
    Mi cavò dal cuore la pietà,
    e la mutò in sorrisi.
    Era un grumo di creta di scultore,
    i miei segreti pensieri erano dita:
    volarono dietro la sua fronte assorta
    e vi scavarono solchi di pena.
    Le fecero labbra serrate, guance cadenti,
    occhi bassi di dolore.
    La mia anima era entrata in quella creta,
    e lottava come sette diavoli.
    Non era mia, non era sua;
    lei la teneva, ma quella lotta
    le plasmò un volto che odiava,
    un volto che temevo di guardare.
    Battei alle finestre, scossi i paletti.
    Mi nascosi in un angolo -
    e allora morì e mi ossessionò,
    e mi ossessionò per la vita.
    Ultima modifica di Zingaro di Macondo; 01-26-2015 alle 04:46 PM.

  2. 1.5 ADS
    ADV Bot
    Esperto banner avatar promo
    Data registrazione
    Da Sempre

  • #92
    The black sheep member
    Data registrazione
    Oct 2014
    Località
    Frittole
    Messaggi
    3321
    Inserimenti nel blog
    2
    Thanks Thanks Given 
    983
    Thanks Thanks Received 
    1155
    Thanked in
    565 Posts

    Predefinito Robert Fulton Tanner, Cassius Hueffer, Serepta Mason, Amanda Baker

    Robert Fulton Tanner

    Se si potesse mordere la mano gigante
    che ci afferra e distrugge,
    come io fui morso da un topo
    il giorno che alla ferramenta
    mostravo la mia trappola brevettata.
    Ma non ci si può vendicare
    Di quell'orco mostruoso che è la Vita.
    Tu entri nella stanza - cioè nasci;
    e poi devi vivere - logorarti l'anima,
    ecco! L'esca che brami è in vista:
    una donna coi soldi che vuoi sposare,
    prestigio, posizione, potere nel mondo.
    Ma bisogna darsi da fare e superare ostacoli -
    Eh, sì! le sbarre davanti all'esca.
    Finalmente ce l'hai fatta - ma si sente un passo:
    l'orco, la Vita, entra nella stanza,
    (era in agguato e ha sentito lo scatto della molla)
    e ti guarda rosicchiare il bellissimo formaggio,
    e ti fissa con occhi ardenti,
    e si fa torvo e ride, e ti beffa e maledice,
    mentre corri su e giù per la trappola,
    finché il tuo tormento gli viene a noia.

    Cassius Hueffer

    Sulla mia pietra hanno inciso le parole:
    "La sua vita fu generosa, e gli elementi in lui così commisti
    che la natura potrebbe levarsi a dire al mondo intero:
    questi fu un uomo".
    Coloro che mi conobbero sorridono
    leggendo questa vuota retorica.
    Il mio epitaffio doveva essere:
    "La vita non fu generosa con lui,
    e gli elementi in lui così commisti
    che fece guerra alla vita,
    e ne fu ucciso".
    Da vivo ho dovuto soccombere alle malelingue,
    ora che sono morto mi tocca sopportare un epitaffio
    scolpito da uno sciocco!

    Serepta Mason

    Il fiore della mia vita sarebbe sbocciato d'ogni lato
    se un vento crudele non avesse appassito i miei petali
    dal lato che vedevate voi del villaggio.
    Dalla polvere levo la mia protesta:
    il mio lato in fiore voi non lo vedeste!
    Voi, i vivi, siete davvero degli sciocchi
    e non sapete le vie del vento
    e le forze invisibili
    che governano i processi della vita.

    Amanda Barker

    Henry mi mise incinta
    sapendo che non potevo generare una vita
    senza perdere la mia.
    Quindi in gioventù varcai i portali di polvere.
    Viandante, nel villaggio dove vissi credono
    che Henry mi amasse con amore di consorte,
    ma dalla polvere proclamo
    che mi uccise per appagare il suo odio.

  • #93
    The black sheep member
    Data registrazione
    Oct 2014
    Località
    Frittole
    Messaggi
    3321
    Inserimenti nel blog
    2
    Thanks Thanks Given 
    983
    Thanks Thanks Received 
    1155
    Thanked in
    565 Posts

    Predefinito Costance Hately, Chase Henry, Harry Carey Goodhue, Il giudice Sommers

    Constance Hately

    Tu lodi la mia abnegazione, Spoon River,
    perché ho cresciuto Irene e Mary,
    orfane della mia sorella più grande!
    E biasimi Irene e Mary
    per il loro disprezzo per me!
    Ma non lodare la mia abnegazione,
    e non biasimare il loro disprezzo:
    io le ho cresciute, mi sono curata di loro, è vero! -
    ma ho avvelenato le mie buone azioni
    rinfacciandogli sempre che m'erano di peso.


    Chase Henry

    In vita fui l'ubriacone del villaggio;
    da morto il prete mi negò sepoltura
    in terra consacrata.
    La cosa tornò a mio vantaggio,
    perché i Protestanti comprarono questo pezzetto di terra
    e ci seppellirono il mio corpo,
    accanto alla tomba del banchiere Nicholas,
    e di sua moglie Priscilla.
    Visto? anime prudenti e pie,
    come le avverse correnti della vita
    onorano i morti vissuti nell'onta?


    Harry Carey Goodhue

    Nessuna meraviglia, sciocchi di Spoon River,
    quando Chase Henry votò contro i saloon
    per vendicarsi d'essere stato messo alla porta.
    Ma nessuno di voi fu tanto furbo
    da seguire le mie tracce e smascherarmi
    come fratello spirituale di Chase.
    Vi ricordate quando mi battei
    contro la banca e la cricca del tribunale,
    perché intascavano gli interessi sui fondi pubblici?
    E quando mi battei contro i notabili
    che avevano ridotto i poveri a bestie da soma del fisco?
    E quando mi battei contro l'impresa dell'acquedotto
    che s'impadroniva delle strade e rincarava le tariffe?
    E quando mi battei contro gli uomini d'affari
    che m'avevano avversato in quelle lotte?
    E allora ricorderete
    che barcollando tra le rovine della sconfitta
    e quelle di una carriera distrutta
    estrassi dal mantello il mio ultimo ideale,
    finora nascosto agli occhi di tutti,
    come la preziosa mandibola dell'asino
    e punii la banca e l'impresa dell'acquedotto
    e gli uomini d'affari col proibizionismo,
    e feci pagare a Spoon River il prezzo
    delle battaglie che avevo perduto.


    Il giudice Somers

    Come mai, ditemi,
    io, il più dotto degli avvocati,
    che conoscevo Blackstone e Coke
    quasi a memoria, che feci la più bella arringa
    mai sentita in tribunale, e scrissi
    una difesa che meritò l'elogio del giudice Breese -
    come mai, ditemi,
    mi trovo qui senza un segno, dimenticato,
    mentre Chase Henry, l'ubriacone del villaggio,
    ha un blocco di marmo, sormontato da un'urna,
    su cui la Natura, in vena d'ironia,
    ha seminato un'erbaccia in fiore?

  • #94
    The black sheep member
    Data registrazione
    Oct 2014
    Località
    Frittole
    Messaggi
    3321
    Inserimenti nel blog
    2
    Thanks Thanks Given 
    983
    Thanks Thanks Received 
    1155
    Thanked in
    565 Posts

    Predefinito Kinsey Keene, Banjamin Pantier, La signora Pantier, Reuben Pantier

    Kinsey Keene

    Ascoltate, Thomas Rhodes, presidente della banca;
    Coolbaugh Whedon, direttore dell'"Argus";
    Reverendo Peet, pastore della chiesa principale;
    A.D. Blood, più volte sindaco di Spoon River;
    e infine tutti voi, membri della Società per la Morale Pubblica -
    ascoltate le ultime parole di Cambronne,
    fermo fra gli eroici superstiti
    della Guardia di Napoleone a Mont Saint Jean
    sul campo di battaglia di Waterloo,
    quando Maitland, l'inglese, gli gridò:
    "Arrendetevi, prodi Francesi!" -
    là sul finire del giorno, la battaglia irrimediabilmente perduta,
    e orde di uomini, non più l'esercito
    del grande Napoleone,
    si rovesciavano dal campo come lembi laceri
    di nubi tonanti nella tempesta.
    Bene, quello che Cambronne disse a Maitland
    prima che il fuoco inglese spianasse il ciglio della collina
    contro la luce morente del giorno
    io dico a voi, a tutti voi,
    e a te, mondo.
    E vi impongo di scolpirlo
    sulla mia pietra.

    Benjamin Pantier

    Riposano insieme in questa tomba Benjamin Pantier, avvocato,
    e Nig, il suo cane, fedele compagno, conforto e amico.
    Lungo la strada grigia, amici, figli, uomini e donne,
    uscendo a uno a uno dalla vita, finirono per lasciarmi solo
    con Nig come amico, compagno di letto e di bevute.
    Nel mattino della vita conobbi l'ambizione e scorsi la fama.
    Poi lei, che mi sopravvive, catturò la mia anima
    con un laccio che mi dissanguò a morte,
    e io, un tempo risoluto, mi ritrovai finito, inerte,
    a vivere con Nig nel retro d'uno squallido ufficio.
    Sotto la mia mascella è accoccolato il naso scarnito di Nig -
    la nostra storia si perde nel silenzio. Seguita, folle mondo!

    La signora Pantier

    Lo so, che diceva che gli avevo catturato l'anima
    con un laccio che lo dissanguò a morte.
    E tutti gli uomini lo amavano,
    e tante donne lo compiangevano.
    Ma immaginate d'essere una vera signora, e di gusti delicati,
    e che vi nausei l'odore di whiskey e cipolla,
    e che il ritmo dell'Ode di Wordsworth vi mormori all'orecchio,
    mentre lui da mattina a sera va in giro
    a ripetere banalità del genere:
    "Oh, perché s'inorgoglisce lo spirito mortale?".
    E poi, immaginate:
    siete una donna ben dotata,
    e il solo uomo con cui la morale e la legge
    vi consentono un rapporto carnale
    è proprio l'uomo che vi riempie di disgusto
    ogni volta che ci pensate - e ci pensate
    ogni volta che lo vedete.
    Per questo lo cacciai di casa
    a vivere col cane in una stanza squallida
    nel retro del suo ufficio.

    Reuben Pantier

    Sì, Emily Sparks, le tue preghiere non furono dette al vento,

    il tuo amore non fu del tutto vano.
    Io devo quel che fui in vita
    alla tua speranza che non voleva disperare di me,
    al tuo amore che seguitò a vedermi buono.
    Cara Emily Sparks, voglio dirti la mia storia.
    Ti risparmio l'operato di mio padre e mia madre:
    la figlia della modista mi cacciò nei guai
    e me ne andai per il mondo,
    in mezzo a ogni sorta di pericoli,
    il vino, le donne, i piaceri.
    Una notte, in una stanza di Rue de Rivoli,
    bevevo vino insieme a una cocotte dagli occhi neri
    e i miei si riempirono di lacrime.
    Lei le credette lacrime d'amore e sorrise
    al pensiero di avermi conquistato.
    Ma la mia anima era mille miglia lontano,
    quando eri la mia maestra a Spoon River.
    E proprio perché non potevi più amarmi,
    né pregare per me, né scrivermi,
    l'eterno silenzio parlò in tua vece.
    E la cocotte dagli occhi neri prese per sé le lacrime,
    e anche i baci bugiardi che le davo.
    Da quel momento ebbi non so che nuova visione -
    Cara Emily Sparks!

  • #95
    Lonely member
    Data registrazione
    Feb 2009
    Località
    Palermo ma sono di Napoli
    Messaggi
    7491
    Thanks Thanks Given 
    166
    Thanks Thanks Received 
    293
    Thanked in
    232 Posts

    Predefinito Constance Hately e Chase Henry

    In entrambe le poesie c'è una sorta di giudizio morale "all'incontrario":
    la buona zia che accoglie in casa le povere orfanelle, in realtà non merita le lodi che le riservano:

    ho avvelenato le mie buone azioni
    rinfacciandogli sempre che m'erano di peso.

    l'ubriacone del paese, deriso e cacciato via anche dal prete (!!) dopo morto, ha avuto poi dalla vita la sua vendetta:

    Visto? anime prudenti e pie,
    come le avverse correnti della vita
    onorano i morti vissuti nell'onta?


    Quello che appare non corrisponde quasi mai a quello che è davvero

  • #96
    Daria87
    Guest

    Predefinito Benjamin Pantier

    Bè,mi ha sempre fatto un pò tristezza la figura di quest' uomo. Respinto dalla moglie troppo frivola, superficiale e ambiziosa, come unica consolazione gli rimane il suo cane Nig.

  • #97
    The black sheep member
    Data registrazione
    Oct 2014
    Località
    Frittole
    Messaggi
    3321
    Inserimenti nel blog
    2
    Thanks Thanks Given 
    983
    Thanks Thanks Received 
    1155
    Thanked in
    565 Posts

    Predefinito Benjamin Pantier; La signora Pantier

    Citazione Originariamente scritto da Daria87 Vedi messaggio
    Bè,mi ha sempre fatto un pò tristezza la figura di quest' uomo. Respinto dalla moglie troppo frivola, superficiale e ambiziosa, come unica consolazione gli rimane il suo cane Nig.
    Anche a me fa pena e la poesia successiva, quella della moglie, è una specie di aratro. C’è un profondo solco di tristezza nella vita di Benjamin Pantier. Non malinconia o sconforto, ma tristezza, tristezza vera. E la signora Pantier sembra giocare con questo sentimento che il marito aveva covato dentro di sé per tutta la vita, tentando di rendercelo ancora più odioso, presentandocelo come una sorta di mezzo uomo piagnucolone.

    Aveva avuto ambizione, Benjamin, e, con tutta probabilità, quella si è trasformata in utopia e disperazione.

    Forse si è dato all’alcol e forse anche per questo la moglie lo detestava, lo ripudiava.

    La consolazione del cane, che potrebbe essere profondamente romantica in altri contesti, è un qualcosa di ancora più doloroso. Anche lui è morto e nemmeno lui ha potuto lenire questa universale frustrazione di Benjamin.


    ps: voi da "che parte" state? Quella della moglie, che aveva al fianco una specie di cronico depresso o quella di Benjamin, depresso anche perchè aveva una moglie che non lo capiva?

  • #98
    The black sheep member
    Data registrazione
    Oct 2014
    Località
    Frittole
    Messaggi
    3321
    Inserimenti nel blog
    2
    Thanks Thanks Given 
    983
    Thanks Thanks Received 
    1155
    Thanked in
    565 Posts

    Predefinito Serepta Mason

    Quello dedicato a Serepta Mason è un testo che mi ha sempre fatto riflettere.
    Non capisco se mi sia profondamente simpatica o totalmente antipatica.
    E' una snob che pensa di "sapere tutto lei" o una vera incompresa?


    Credo che tutti quanti, chi prima chi poi, ci siamo sentiti "incompresi" e incapaci di comunicare, sia che volessimo parlare agli altri per conforto, sia che volessimo esprimere, ad esempio, un talento.
    Il punto è cercare di mettersi nei panni degli altri, senza remore e senza quella specie di aurea di privilegio da intellettuale dietro la quale, secondo me, Serepta Mason si nasconde.

    Siamo noi ad essere incapaci di comunicare o sono gli altri a non capirci?

    Avrà mai provato, concretamente, a mostrare i propri petali o si è sempre nascosta dietro il paravento della "nobiltà spirituale"?

    ps secondo voi Serepta Mason è "una snob", "un'incompresa" o qualcosa che ci sta in mezzo?


    Copio incollo il testo, per vostra comodità.

    Serepta Mason


    Il fiore della mia vita sarebbe sbocciato d'ogni lato
    se un vento crudele non avesse appassito i miei petali
    dal lato che vedevate voi del villaggio.
    Dalla polvere levo la mia protesta:
    il mio lato in fiore voi non lo vedeste!
    Voi, i vivi, siete davvero degli sciocchi
    e non sapete le vie del vento
    e le forze invisibili
    che governano i processi della vita.

  • #99
    The black sheep member
    Data registrazione
    Oct 2014
    Località
    Frittole
    Messaggi
    3321
    Inserimenti nel blog
    2
    Thanks Thanks Given 
    983
    Thanks Thanks Received 
    1155
    Thanked in
    565 Posts

    Predefinito Il giudice Somers

    Questo avvocato pieno di sè, nemmeno dopo morto rinuncerebbe al potere. Una brama che lo spinge ad invidiare chi viene ricordato con statue di marmo.

    Una cupidigia e una stoltezza che non si placa proprio mai, è il caso di dirlo!

  • #100
    Pensatore silenzioso
    Data registrazione
    Apr 2014
    Località
    Ovunque... basta che ci sia il mio cane accanto.
    Messaggi
    1687
    Inserimenti nel blog
    4
    Thanks Thanks Given 
    203
    Thanks Thanks Received 
    260
    Thanked in
    155 Posts

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da Zingaro di Macondo Vedi messaggio
    Anche a me fa pena e la poesia successiva, quella della moglie, è una specie di aratro. C’è un profondo solco di tristezza nella vita di Benjamin Pantier. Non malinconia o sconforto, ma tristezza, tristezza vera. E la signora Pantier sembra giocare con questo sentimento che il marito aveva covato dentro di sé per tutta la vita, tentando di rendercelo ancora più odioso, presentandocelo come una sorta di mezzo uomo piagnucolone.

    Aveva avuto ambizione, Benjamin, e, con tutta probabilità, quella si è trasformata in utopia e disperazione.

    Forse si è dato all’alcol e forse anche per questo la moglie lo detestava, lo ripudiava.

    La consolazione del cane, che potrebbe essere profondamente romantica in altri contesti, è un qualcosa di ancora più doloroso. Anche lui è morto e nemmeno lui ha potuto lenire questa universale frustrazione di Benjamin.


    ps: voi da "che parte" state? Quella della moglie, che aveva al fianco una specie di cronico depresso o quella di Benjamin, depresso anche perchè aveva una moglie che non lo capiva?
    Le vostre considerazioni, devo dire, sono anche le mie . Ma credo che Lee Masters abbia voluto dipingere uno spaccato di vita, in questo caso di questa coppia, senza per forza farci riflettere sulle azioni di uno o dell'altra. Come per molte delle altre. O meglio ancora, proprio con la convivenza dei due, dirci, mostrarci che c'è anche questo modo di vivere, per alcuni. La vita prende percorsi inaspettati, a volte...
    Notare come il grande poeta dipinge con soli due tratti, semplici, semplici, un'atmosfera di desolazione:

    Lungo la strada grigia, amici, figli, uomini e donne,
    uscendo a uno a uno dalla vita, finirono per lasciarmi solo,
    con Nig come amico, compagno di letto e di bevute.

    Eccezionale!
    Ultima modifica di c0c0timb0; 01-27-2015 alle 10:26 PM.

  • #101
    Motherator
    Data registrazione
    Aug 2007
    Località
    Friuli
    Messaggi
    20959
    Inserimenti nel blog
    9
    Thanks Thanks Given 
    462
    Thanks Thanks Received 
    1507
    Thanked in
    997 Posts

    Predefinito Hod Putt

    Giaccio qui accanto alla tomba
    del vecchio Bill Piersol,
    che s'arricchì trafficando con gli indiani, e
    poi con la legge sul fallimento
    se la cavò più ricco di prima.
    Io m'ero stancato di fatiche e miseria
    e vedendo che il vecchio Bill e gli altri s'arricchivano,
    una notte rapinai un passante dalle parti di Proctor's Grove,
    ma senza volere lo uccisi,
    perciò fui processato e impiccato.
    Fu il mio modo di fare fallimento.
    Ora noi che siamo falliti ciascuno a suo modo
    riposiamo in pace fianco a fianco.

    Di questa poesia mi ha colpito in primis il nome del defunto: Hod Putt. Ha un suono onomatopeico, sembra uno sputo, come se l'autore volesse sottolineare la pochezza del personaggio che per invidia e arrivismo si macchia di un delitto. Più che di fallimeto io parlerei di stupidità pericolosa. Certo Bill Piersol era un delinquente, un mafioso, un imprenditore senza scrupoli, ma andare a rapinare una persona solo perché altri con la disonestà si erano costruiti una fortuna mi sembra un alibi poco valido. Non caisco bene se quel noi del verso finale si riferisca ad un noi generale oppure a lui e a Bill.

  • #102
    Pensatore silenzioso
    Data registrazione
    Apr 2014
    Località
    Ovunque... basta che ci sia il mio cane accanto.
    Messaggi
    1687
    Inserimenti nel blog
    4
    Thanks Thanks Given 
    203
    Thanks Thanks Received 
    260
    Thanked in
    155 Posts

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da Zingaro di Macondo Vedi messaggio
    Quello dedicato a Serepta Mason è un testo che mi ha sempre fatto riflettere.
    Non capisco se mi sia profondamente simpatica o totalmente antipatica.
    E' una snob che pensa di "sapere tutto lei" o una vera incompresa?


    Credo che tutti quanti, chi prima chi poi, ci siamo sentiti "incompresi" e incapaci di comunicare, sia che volessimo parlare agli altri per conforto, sia che volessimo esprimere, ad esempio, un talento.
    Il punto è cercare di mettersi nei panni degli altri, senza remore e senza quella specie di aurea di privilegio da intellettuale dietro la quale, secondo me, Serepta Mason si nasconde.

    Siamo noi ad essere incapaci di comunicare o sono gli altri a non capirci?

    Avrà mai provato, concretamente, a mostrare i propri petali o si è sempre nascosta dietro il paravento della "nobiltà spirituale"?

    ps secondo voi Serepta Mason è "una snob", "un'incompresa" o qualcosa che ci sta in mezzo?


    Copio incollo il testo, per vostra comodità.

    Serepta Mason


    Il fiore della mia vita sarebbe sbocciato d'ogni lato
    se un vento crudele non avesse appassito i miei petali
    dal lato che vedevate voi del villaggio.
    Dalla polvere levo la mia protesta:
    il mio lato in fiore voi non lo vedeste!
    Voi, i vivi, siete davvero degli sciocchi
    e non sapete le vie del vento
    e le forze invisibili
    che governano i processi della vita.
    È una snob che pensa di sapere tutto lei o una vera incompresa?

    Mmh, questa volta, mi perdonerai, la vedo un po' diversamente. Incompresa si. Ma forse non come intendi tu.
    Non credo assolutamente che Serepta sia una snob, ma solo arrabbiata con la vita. Credo che Serepta sia sfortunatamente nata con una qualche "mal funzione". Non necessariamente fisica. Protesta perché la gente non approccia un deforme, un balbuziente, una persona che ha una qualsiasi difficoltà ad integrarsi con gli altri ma non per colpa sua.
    Penso che sia afflitta da qualcosa che la comunità giudichi in qualche modo svilente per la sua persona.
    Non riuscivano a vedere oltre il brutto esteriore. E ritenendolo forse ripugnante o anche solo fastidioso (ripeto, non sappiamo se la sua sia una menomazione fisica) non hanno mai potuto conoscere la bellezza interiore si Serepta Mason. Il suo lato più dolce e nascosto. Forse sbaglio, ma la capisco così.
    Il messaggio per me è che la vita non è sempre giusta e scontata, lineare, e Serepta/Lee Masters avverte gli altri di cosa è davvero importante, perché non si può mai sapere da che parte soffia il vento...

  • #103
    The black sheep member
    Data registrazione
    Oct 2014
    Località
    Frittole
    Messaggi
    3321
    Inserimenti nel blog
    2
    Thanks Thanks Given 
    983
    Thanks Thanks Received 
    1155
    Thanked in
    565 Posts

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da c0c0timb0 Vedi messaggio
    È una snob che pensa di sapere tutto lei o una vera incompresa?

    Mmh, questa volta, mi perdonerai, la vedo un po' diversamente. Incompresa si. Ma forse non come intendi tu.
    Non credo assolutamente che Serepta sia una snob, ma solo arrabbiata con la vita. Credo che Serepta sia sfortunatamente nata con una qualche "mal funzione". Non necessariamente fisica. Protesta perché la gente non approccia un deforme, un balbuziente, una persona che ha una qualsiasi difficoltà ad integrarsi con gli altri ma non per colpa sua.
    Penso che sia afflitta da qualcosa che la comunità giudichi in qualche modo svilente per la sua persona.
    Non riuscivano a vedere oltre il brutto esteriore. E ritenendolo forse ripugnante o anche solo fastidioso (ripeto, non sappiamo se la sua sia una menomazione fisica) non hanno mai potuto conoscere la bellezza interiore si Serepta Mason. Il suo lato più dolce e nascosto. Forse sbaglio, ma la capisco così.
    Il messaggio per me è che la vita non è sempre giusta e scontata, lineare, e Serepta/Lee Masters avverte gli altri di cosa è davvero importante, perché non si può mai sapere da che parte soffia il vento...
    In effetti rileggendo la poesia, forse hai ragione.

    Potrebbe essere un handicap vero e proprio, nel qual caso cambia radicalmente la chiave di lettura...

  • #104
    Pensatore silenzioso
    Data registrazione
    Apr 2014
    Località
    Ovunque... basta che ci sia il mio cane accanto.
    Messaggi
    1687
    Inserimenti nel blog
    4
    Thanks Thanks Given 
    203
    Thanks Thanks Received 
    260
    Thanked in
    155 Posts

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da Zingaro di Macondo Vedi messaggio
    In effetti rileggendo la poesia, forse hai ragione.

    Potrebbe essere un handicap vero e proprio, nel qual caso cambia radicalmente la chiave di lettura...
    Però vedi, pure io mi sono riletto il tuo commento e se per gioco tu t'intestardissi a sostenere che è come dici tu, nessuno potrebbe dimostrare il contrario se non con una differente analisi personale.
    E comunque rimarrebbe unicamente un modo di vedere la cosa. Perché chi ci dice che in realtà Serepta non era un'incompresa che è diventata per questo stronza? Oppure una stronza-incompresa? In effetti prova a leggerla così:

    Il fiore della mia vita sarebbe sbocciato d'ogni lato(se voi tutti aveste rilevato la mia bellezza subito - la bellezza che Serepta credeva di avere)
    se un vento crudele non avesse appassito i miei petali (se il vento del tempo non l'avesse fatta invecchiare, quindi appassire imbruttendola)
    Etc. etc.

    Voglio dire, non è proprio facile indovinare metafore, significati che il poeta voleva dare ai versi quando li ha scritti. Come per altre forme di scrittura la poesia si presta a diverse interpretazioni. Proprio per questo ognuno ha la sua poesia preferita.
    Magari sto dicendo un mucchio di cazzate , ma ormai non ho voglia di cancellare...

  • #105
    The black sheep member
    Data registrazione
    Oct 2014
    Località
    Frittole
    Messaggi
    3321
    Inserimenti nel blog
    2
    Thanks Thanks Given 
    983
    Thanks Thanks Received 
    1155
    Thanked in
    565 Posts

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da isola74 Vedi messaggio
    In entrambe le poesie c'è una sorta di giudizio morale "all'incontrario":
    la buona zia che accoglie in casa le povere orfanelle, in realtà non merita le lodi che le riservano:

    ho avvelenato le mie buone azioni
    rinfacciandogli sempre che m'erano di peso.

    l'ubriacone del paese, deriso e cacciato via anche dal prete (!!) dopo morto, ha avuto poi dalla vita la sua vendetta:

    Visto? anime prudenti e pie,
    come le avverse correnti della vita
    onorano i morti vissuti nell'onta?


    Quello che appare non corrisponde quasi mai a quello che è davvero
    Vero!

    Si legge una sorta di morale contro luce, quasi riflessa al contrario.


    In particolare, Costance Hateley si infastidisce dei complimenti che le venivano fatti in vita. Di certo lei, accudendo i nipotini, ha fatto un'azione esemplare.

    Ora il solito dilemma sta nel capire se quando facciamo una buona azione, la facciamo perchè vogliamo fare realmente del bene, o semplicemente perchè ci piace ricevere lodi. E' un meccanismo che può anche essere inconscio, non sempre superficiale.

    Il Cristianesimo ci insegna che la nostra mano destra non deve sapere ciò che ha fatto la sinistra. Altrimenti viene a cadere la bontà stessa dell'azione.

    Costance non vuole essere lodata, quasi rimprovera chi l'ha fatto e, forse per contro bilanciare questa sorta di buonismo sociale (moralismo) ci dice che lei aveva fatto pesare, in un modo o nell'altro, alle nipotine, il fatto di essere state adottate.

    Bisogna sempre andare a fondo alle cose, prima di esprimere giudizi, positivi o negativi che siano. Costance ha fatto del bene, ma era cattivella o viceversa?

    Nella semplicità dei suoi messaggi, l'Antologia è meravigliosamente originale!

  • Pagina 7 di 17 PrimoPrimo 1234567891011121314151617 UltimoUltimo

    Discussioni simili

    1. Masters, Edgar Lee - Antologia di Spoon River
      Da elisa nel forum Piccola biblioteca
      Risposte: 15
      Ultimo messaggio: 01-28-2012, 05:39 PM
    2. Edgar Lee Masters Alexander - Throckmorton
      Da FrauBlucher nel forum Poesia
      Risposte: 0
      Ultimo messaggio: 09-18-2009, 10:52 AM
    3. Addio Spoon River
      Da lettore marcovaldo nel forum Salotto letterario
      Risposte: 9
      Ultimo messaggio: 08-21-2009, 04:02 PM
    4. Masters, Edgar L. - La collina
      Da non_so_dove_volare nel forum Poesia
      Risposte: 0
      Ultimo messaggio: 05-09-2008, 10:18 PM
    5. Masters, Edgar Lee - Antologia di Spoon River
      Da darida nel forum Piccola biblioteca
      Risposte: 4
      Ultimo messaggio: 02-20-2008, 03:19 PM

    Regole di scrittura

    • Tu non puoi inviare nuove discussioni
    • Tu non puoi inviare risposte
    • Tu non puoi inviare allegati
    • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
    •