Diritti umani e pena di morte

qweedy

Well-known member
Ieri in Texas - Pena di morte sospesa un'ora prima dell'esecuzione, commutata in ergastolo.
Accolta la battaglia del padre sopravvissuto alla strage che avrebbe perso l'unico famigliare rimastogli.

Huntsville - Il governatore del Texas Greg Abbott ha commutato in ergastolo la pena di un condannato a morte un'ora prima dell'esecuzione. Thomas "Bart" Whitaker aveva ucciso nel 2003 a Houston la madre e un fratello.

A portare avanti la battaglia per la sua salvezza, il padre scampato alla strage. In considerazione della sua preghiera di lasciare in vita l'unico familiare rimastogli, seppure responsabile delle uccisioni, Abbott ha accolto una rara raccomandazione in questo senso da parte dell'autorita' giudiziaria.

"Sono grato della decisione non per me ma per mio padre - ha detto Whitaker appreso che non sarebbe stato giustiziato - ogni punizione per me sarebbe stata giusta, ma mio padre non ha fatto niente di male. Il sistema oggi per lui ha funzionato. E io faro' del mio meglio per svolgervi il mio ruolo".

"Il padre di Whitaker - ha detto il governatore Abbott, repubblicano, che avrebbe potuto anche negare la sospensione - si e ' opposto con passione alla messa a morte di suo figlio, affermando che in caso contrario si sarebbe sentito vittima per la seconda volta, dopo essere scampato alla strage".

Dal 1982, quando il Texas ha reintrodotto la pena di morte, e' accaduto solo quattro volte che la commissione per la liberta' abbia raccomandato clemenza per dei condannati. Prima di questa l'ex governatore Rick Perry, anche lui repubblicano, ne aveva accolta solo una su tre.

http://dirittiumani1.blogspot.it/2018/02/usa-texas-pena-di-morte-sospesa-unora.html
 
Ultima modifica:

qweedy

Well-known member
Una breve riflessione, interessantissima, di Domenico Quirico sui migranti e sui diritti umani:


All’inizio chiarisce subito che il problema della migrazione non è un problema di compassione o di bontà, ma è un problema di diritti.

Sottolinea l’importanza di “restare umani”, ripercorrendo la storia dei diritti che in passato “abbiamo sempre applicato a un uomo astratto, in quanto uomo e basta, mentre ora il diritto in quanto uomo non vale più”.
“La prima domanda che viene posta al migrante quando arriva è ‘Tu da dove vieni?, la domanda più idiota”, spiega Quirico e continua facendo l’esempio su un migrante proveniente dall’Eritrea, a cui , secondo il giornalista, si direbbe: “No, mi spiace. Il concetto di diritto per te non vale. Tornatene da dove sei venuto”.


“Oggi facciamo il percorso inverso, non poniamo il concetto di diritto in senso astratto a ogni uomo, ma facciamo quello che è stato fatto prima, lo applichiamo a qualcuno: io sono europeo, ho un passaporto, sono occidentale, ho dei diritti, il migrante no”.
“Il diritto vale solo per noi, che siamo all’interno del paradiso. Per noi che viviamo nel super attico dell’occidente. E questa è la negazione di ciò che siamo. Nel momento in cui neghiamo tutto questo, ci disintegriamo. Non abbiamo più alcuna funzione nella storia del terzo millennio. Non siamo più niente.”

“A me il migrante utile, non interessa. Del migrante perché mi porta delle cose a me non importa niente. A me interessa il migrante inutile, quello che quando arriva a Lampedusa lo tocco con i guanti di gomma. Come non faccio nemmeno più con le bestie.
E gli metto la mascherina perché ho paura dei contagi. Quello è il mio migrante, quello che ho il dovere di accogliere, che non sa fare niente, non è niente, quello che una volta chiamavano il povero. Si mette sulla battigia, alza le braccia e dice io sono qua. Non l’altro che ce la può fare perché ha tre titoli di studio e magari posso integrare nella nostra attività economica”.


Il giornalista insiste sul concetto di “migrante inutile”, che è quello verso cui dovremmo essere più umani e il primo che dovremmo accogliere.
Spesso si parla di opportunità che il migrante può portare al nostro paese, al paese accogliente. Il migrante utile è quello che apporta un contributo: al PIL, all’economia in generale, quello che si mette a fare dei lavori che l’italiano non fa più.
Tutto questo per Quirico è sbagliato l’unica possibilità che il migrante ci offre dice è quella “di dimostrare di essere quello che devo essere”.

“È la più grande occasione storica, forse l’ultima che questa parte del mondo ha”
 
Ultima modifica:

Spilla

Active member
Grazie, Qweedy! :ad:
Sto leggendo proprio ora un libro di Quirico, intitolato "Esodo", in cui narra di avere attraversato anche lui il Mediterraneo su un barcone di migranti. Ha una scrittura potente ed un pensiero lucidissimo. Ma temo rimarrà una voce nel deserto, di questi tempi :(
 

SALLY

New member
Grazie, Qweedy! :ad:
Sto leggendo proprio ora un libro di Quirico, intitolato "Esodo", in cui narra di avere attraversato anche lui il Mediterraneo su un barcone di migranti. Ha una scrittura potente ed un pensiero lucidissimo. Ma temo rimarrà una voce nel deserto, di questi tempi :(

Mi permetto di dire un mio pensiero...cioè, non un pensiero, una constatazione di ogni giorno, fra i diritti umani ci dovrebbe essere anche un diritto alla libertà ...la libertà di poter portare la spazzatura senza guardarsi continuamente intorno, la libertà di potersi affacciare alla finestra senza vedere delle grate (cosa che purtroppo ho dovuto fare), la libertà di andare dalla pizzeria alla macchina da sola...
 

Spilla

Active member
Mi permetto di dire un mio pensiero...cioè, non un pensiero, una constatazione di ogni giorno, fra i diritti umani ci dovrebbe essere anche un diritto alla libertà ...la libertà di poter portare la spazzatura senza guardarsi continuamente intorno, la libertà di potersi affacciare alla finestra senza vedere delle grate (cosa che purtroppo ho dovuto fare), la libertà di andare dalla pizzeria alla macchina da sola...

Lo so. È vero. Ma leggo anche di come erano considerati i migranti italiani a New York all'inizio del '900... Eppure quanti dei loro discendenti oggi eccellono nelle piu varie professioni :boh:
Gli esseri umani non possono essere giudicati se non singolarmente. Se poi la povertà crea maggiori occasioni di devianza, diventa necessario riflettere sulle cause della povertà. Urla, muri e guerre contro i poveri non faranno che renderli più determinati a conquistarsi la loro fetta di oaradiso, e in definitiva a farci stare, tutti, molto peggio. Conosco un po' la Storia dell'umanità ed è sempre accaduto così. Non è quello che voglio per i nostri figli. Insomma, anche se non consideriamo tutto il gigantesco capitolo dei diritti umani, credo che solo una valutazione di opportunità ci farebbe vedere oltre le "ricette" che semplificano e ci farebbero lavorare a fondo sul problema.
 

qweedy

Well-known member
Sto leggendo proprio ora un libro di Quirico, intitolato "Esodo", in cui narra di avere attraversato anche lui il Mediterraneo su un barcone di migranti. Ha una scrittura potente ed un pensiero lucidissimo. Ma temo rimarrà una voce nel deserto, di questi tempi :(

Scopro ora che Quirico (che ricordavo per il rapimento in Siria) si è mischiato ai partenti, è salito su una carretta che si è arenata nei pressi di Lampedusa; è stato in Tunisia dove i primogeniti hanno l’onore di tentare la sorte; ha visitato il Mali con i suoi villaggi che sopravvivono sulle rimesse dei migranti; ha percorso la frontiera tra Marocco e Spagna: ovunque miseria, disperazione, violenza, mancanza di alternative. Nel girone delle vittime, la sorte più crudele è riservata alle donne: c’è chi viene stuprata ripetutamente prima di riuscire a partire, chi per restare in vita deve darsi alla prostituzione.

@ Spilla: ho pensato di leggere anch'io un libro di Domenico Quirico, ha una lucidità di visione fuori dal comune.

Spero riusciate a vedere il video di Domenico Quirico, è stupefacente la sua spiegazione lucida sul significato dei diritti umani. Mi ha sconvolto.


Mi permetto di dire un mio pensiero...cioè, non un pensiero, una constatazione di ogni giorno, fra i diritti umani ci dovrebbe essere anche un diritto alla libertà ...la libertà di poter portare la spazzatura senza guardarsi continuamente intorno, la libertà di potersi affacciare alla finestra senza vedere delle grate (cosa che purtroppo ho dovuto fare), la libertà di andare dalla pizzeria alla macchina da sola...

Giustissimo!
Per quanto riguarda le migrazioni, il discorso è molto complesso, ed è la scommessa del terzo millennio.
Trovo intelligente l'iniziativa di Comunità di Sant'Egidio e della Comunità Valdese, di far arrivare piccoli gruppi di famiglie in aereo, che vengono seguite fino al completo inserimento lavorativo. Famiglie con bambini che vengono prese in carico fino alla loro totale autonomia. E' un approccio molto diverso dall'avere uomini allo sbando in fuga nel nostro paese, che possono solo delinquere.

Come dice Milena Galbanelli in questo interessantissimo video, come possono integrarsi se non conoscono la nostra lingua?


 
Ultima modifica:

SALLY

New member
Lo so. È vero. Ma leggo anche di come erano considerati i migranti italiani a New York all'inizio del '900... Eppure quanti dei loro discendenti oggi eccellono nelle piu varie professioni :boh:
Gli esseri umani non possono essere giudicati se non singolarmente. Se poi la povertà crea maggiori occasioni di devianza, diventa necessario riflettere sulle cause della povertà. Urla, muri e guerre contro i poveri non faranno che renderli più determinati a conquistarsi la loro fetta di oaradiso, e in definitiva a farci stare, tutti, molto peggio. Conosco un po' la Storia dell'umanità ed è sempre accaduto così. Non è quello che voglio per i nostri figli. Insomma, anche se non consideriamo tutto il gigantesco capitolo dei diritti umani, credo che solo una valutazione di opportunità ci farebbe vedere oltre le "ricette" che semplificano e ci farebbero lavorare a fondo sul problema.

Io sono figlia di migranti del dopoguerra e i racconti che ho sentito sono molto lontani da questi baldi giovanotti che girano in gruppi di 6-7 con lo smartphone, come dice qweedy, un'altra cosa sarebbe far integrare famiglie...ma qui di famiglie se ne vedono ben poche, c'abbiamo i proprietari di case sfitte che ce ne mettono dentro... 13 solo in una casa, risultato tutti tabarrati in casa, vigilanza notturna a pagamento ....nostro, grate e quant'altro...dopo furti a raffica naturalmente, calcola che io fino a 2006 dormivo con la porta aperta per permettere al cane di uscire quando voleva di notte....adesso faccio io la guardia a loro, non vorrei me li facesssro arrosto che sono belli in carne :mrgreen: so che non si può più tornare indietro, e non è certo questo il mondo che voglio per mia nipote, forse io lo sento di più perchè avendo una certa età, mi ricordo come eravamo veramente liberi in casa nostra, ma dove sono i bambini siriani? dove sono le donne ? a parte qualche sparuto numero sono tutti trentenni in forma e nullafacenti, c'è qualcosa che non funziona in questa cosa...
 

qweedy

Well-known member
Ci sono tante buone ragioni per diventare amici di penna di un condannato a morte. Comunità di Sant'Egidio sta cercando persone disponibili a corrispondere con un condannato.

Ricevere una lettera è il segno che qualcuno ha a cuore la tua vita. E' un legame con il mondo esterno. E' la speranza che qualcuno si ricordi di te.
La lettera ha un valore enorme sempre, per chi sta in carcere ancora di più.

[video]https://www.santegidio.org/pageID/30212/langID/it/SCRIVI-A-UN-CONDANNATO-A-MORTE.html[/video]

Da circa 12 anni corrispondo con un condannato a morte in Texas.
In una situazione al limite della sopravvivenza, disumana, in isolamento totale in una cella di due metri per tre per 23 ore al giorno, senza contatti con gli altri detenuti, ricevere una lettera creando un legame significa sentirsi ancora umani.

Papa Francesco si è pronunciato più volte, con forza, contro la pena di morte: "Il comandamento ‘non uccidere’ ha valore assoluto e riguarda sia l’innocente che il colpevole. Anche il criminale mantiene l’inviolabile diritto alla vita."
“È necessario ribadire pertanto che, per quanto grave possa essere stato il reato commesso, la pena di morte è inammissibile perché attenta all’inviolabilità e dignità della persona”.
 

qweedy

Well-known member
Spagna, suore di clausura contro la sentenza sullo stupro di gruppo di Pamplona: "Difendiamo il diritto delle donne di essere libere"

Una sentenza per stupro di gruppo declassato ad "abuso" dai giudici sta facendo discutere tutta la Spagna.
E anche le carmelitane di Hondarriba, della diocesi di San Sebastian hanno espresso il loro punto di vista critico sul verdetto dei giudici con un post su Facebook:

"Noi viviamo in clausura, portiamo un abito quasi fino alle caviglie, non usciamo di notte (se non per le emergenze), non andiamo a feste, non assumiamo alcolici e abbiamo fatto voto di castità. Questa è una scelta che non ci rende migliori né peggiori di chiunque altro, anche se paradossalmente ci renderà più libere e felici di altri. E perché è una scelta libera, difenderemo con tutti i mezzi a nostra disposizione (questo è uno) il diritto di tutte le donne a fare liberamente il contrario senza che vengano giudicate, violentate, intimidite, uccise o umiliate per questo. Sorella, io ti credo".
 

qweedy

Well-known member
"Non siete clandestini. Siete solo poveri. Se foste nati ricchi, non sareste clandestini in nessun luogo del mondo..."

35546866_1182319238592545_3769066379014045696_n.jpg


Texas: 1.995 bambini sono stati separati dai loro genitori, migranti irregolari, nel periodo dal 19 aprile al 31 maggio scorso, lungo la frontiera con il Messico.
I genitori, entrati illegalmente negli Usa, invece di essere espulsi vengono perseguiti.

181534813-046eb524-f3e6-4919-8a4a-e9c95d6f46ba.jpg

«In alcune gabbie erano sistemati venti bambini, con bottigliette d'acqua sparse dappertutto e fogli di carta stagnola usati come coperte»,

Le norme consentono di perseguire gli immigrati illegali anche sul piano criminale, con pene in media fino a 15 mesi di reclusione. Ma nel 1997 il cosiddetto «Flores Settlement», un accordo stragiudiziale accolto dal governo federale, ha stabilito che i minorenni non possano essere puniti e incarcerati.
Fino a qualche mese fa, il problema non si era mai posto: i governi di George W.Bush e di Barack Obama avevano sì intensificato i controlli, ma i «clandestini» bloccati, cioè i migranti non richiedenti asilo politico, venivano semplicemente espulsi.
Con la "tolleranza zero" di Trump viene deciso di perseguire penalmente i migranti, ma non i minori che vengono separati dalle famiglie e condotti nei «centri di ricovero».

I vescovi cattolici americani, con Papa Francesco, chiedono all'amministrazione Trump di bloccare queste orribili procedure: "Dividere le famiglie è immorale."
 
Ultima modifica:

qweedy

Well-known member
Travolto da una pressione planetaria culminata con la condanna del Papa contro una politica «immorale», Donald Trump cede e fa retromarcia sulla separazione di oltre 2000 bambini dai genitori che varcano illegalmente la frontiera Usa-Messico.

Il presidente ha firmato il decreto esecutivo per tenere insieme le famiglie dei migranti clandestini. Evitando una separazione che sino a ieri riteneva obbligatoria per legge, dopo che il ministro della Giustizia Jeff Sessions già ventilava test del dna per verificare i rapporti di parentela tra minori e genitori.
 

qweedy

Well-known member
20160414210023886_grenada-underwater-sculpture-park.jpg

Grenada Underwater Sculpture Park by Jason deCaires Taylor

LA SOLIDARIETA' NON E' UN REATO

La "libertà di aiutare gli altri per spirito umanitario, regolare o irregolare che sia il loro soggiorno sul territorio nazionale" va protetta: così si è espresso pochi giorni fa il Consiglio costituzionale francese, correggendo la legge che puniva il cosiddetto delitto di solidarietà verso i migranti e richiamando il principio costituzionale della "Fraternità".
La Corte costituzionale francese ha stabilito che aiutare i migranti per ragioni umanitarie non può costituire un reato. La decisione emerge dalla sentenza sul caso di Cedric Herrou, un attivista francese che possiede un oliveto in Francia, poco lontano dal confine italiano. Lo scorso agosto Herrou era stato condannato a quattro mesi di carcere per aver accompagnato alcuni migranti dalla frontiera alla sua fattoria.
Nella sentenza, la Corte ha scritto: «Il concetto di fraternità conferisce la libertà di aiutare gli altri per scopi umanitari senza tenere conto della legalità o meno della loro permanenza sul territorio nazionale»

Negli stessi giorni, il Parlamento Europeo ha adottato una risoluzione non legislativa in cui si invitano gli Stati Membri a garantire che non siano perseguiti gli individui e le organizzazioni della società civile che assistono i migranti per motivi umanitari.


Iniziativa dei cittadini europei (ICE) #WelcomingEurope:
https://petizioni.actionaid.it/campa...tm_campaign=WE
In migliaia sono stati multati o arrestati solo per aver offerto assistenza umanitaria o, peggio, per aver adempiuto al dovere di soccorrere persone che fuggivano da guerre e persecuzioni. Aiutare il prossimo dovrebbe essere un diritto; soccorrere è un dovere.
 

qweedy

Well-known member
Papa Francesco cambia il Catechismo: «La pena di morte è inammissibile»

130958458-cc2d576f-c710-46a6-803b-1769c47884f6.jpg


"La Chiesa insegna, alla luce del Vangelo, che la pena di morte è inammissibile perché attenta all’inviolabilità e dignità della persona, e si impegna con determinazione per la sua abolizione in tutto il mondo". La precedente versione, risalente a Wojtyla, non escludeva invece il ricorso alla pena capitale in casi eccezionali (“l’insegnamento tradizionale della Chiesa non esclude, supposto il pieno accertamento dell’identità e della responsabilità del colpevole, il ricorso alla pena di morte, quando questa fosse l’unica via praticabile per difendere efficacemente dall’aggressore ingiusto la vita di esseri umani”).

“Per molto tempo il ricorso alla pena di morte da parte della legittima autorità, dopo un processo regolare, fu ritenuta una risposta adeguata alla gravità di alcuni delitti e un mezzo accettabile, anche se estremo, per la tutela del bene comune”, si legge. “Oggi è sempre più viva la consapevolezza che la dignità della persona non viene perduta neanche dopo aver commesso crimini gravissimi”.
 

Grantenca

Well-known member
Vado controcorrente. Sono convinto che per i più efferati criminali patologici che sono un costante pericolo per l'integrità di chiunque gli capiti a tiro la società ha il dovere di utilizzare ogni mezzo che la legge gli consente per salvaguardare i suoi cittadini. Non credo alla dignità di queste persone.
 

qweedy

Well-known member
Vado controcorrente. Sono convinto che per i più efferati criminali patologici che sono un costante pericolo per l'integrità di chiunque gli capiti a tiro la società ha il dovere di utilizzare ogni mezzo che la legge gli consente per salvaguardare i suoi cittadini. Non credo alla dignità di queste persone.

Non ho alcun dubbio che per i più efferati criminali patologici uno stato civile debba porre in essere sistemi di detenzione efficaci, che garantiscano la doverosa difesa dei cittadini, ma, allo stesso tempo, non tolgano al reo in modo definitivo la possibilità di redimersi.

Dissento invece quando dici che non credi alla dignità di queste persone. Sto con Papa Francesco che dice che la dignità della persona non viene perduta neanche dopo aver commesso crimini gravissimi e che ‘la pena di morte è inammissibile perché attenta all’inviolabilità e dignità della persona’. Papa Francesco è andato anche oltre, dicendo che l'ergastolo è una pena di morte nascosta, e abolendo quindi l'ergastolo nel Codice penale del Vaticano.

Papa Francesco ha proposto un cambio di paradigma mettendo al centro della questione penale la dignità umana. Che va riconosciuta anche al peggiore dei criminali. Lo aveva già ricordato in altre occasioni: la pena non deve scivolare verso la vendetta, il diritto penale serve a contenere la violenza e non a esaltarla, chi commette un reato non è un nemico da eliminare. La soppressione della vita di un criminale come punizione per un delitto è inammissibile perchè attenta alla dignità della persona, dignità che non viene perduta neanche dopo aver commesso crimini gravissimi.
Il rispetto della dignità umana dei detenuti è la misura della nostra civiltà.
Mai nessun Papa aveva così fortemente posto l'accento sulla dignità come diritto umano universale.

Personalmente trovo "pericoloso" che si possano giudicare alcune vite "indegne di essere vissute".
 
Ultima modifica:

SALLY

New member
Mi dispiace...a me questo Papa piace sempre meno, questi bagni nel miele mi provocano la nausea, certa gente la dignità non ce l'hanno proprio alla nascita, non che la perdono...il rispetto della dignità umana dei detenuti è il termometro della nostra civiltà, ok...qualcuno ha detto che la civiltà si vede anche da come un popolo tratta gli animali, per me non ci sono differenze tra chi maltratta un animale, un bambino, un anziano, un disabile...penso davvero che invece ci siano vite che sarebbe stato meglio avessero applicato la 194 i loro genitori, non degne di essere vissute , per il bene di chi gli capita vicino.....non ci sono pene certe, non ci sono pene serie e tutte queste spennellate di benevolenza, garantismo addosso a questi poveri criminali è deresponsabilizzante.
 

qweedy

Well-known member
Mi dispiace...a me questo Papa piace sempre meno, questi bagni nel miele mi provocano la nausea, certa gente la dignità non ce l'hanno proprio alla nascita, non che la perdono...il rispetto della dignità umana dei detenuti è il termometro della nostra civiltà, ok...qualcuno ha detto che la civiltà si vede anche da come un popolo tratta gli animali, per me non ci sono differenze tra chi maltratta un animale, un bambino, un anziano, un disabile...penso davvero che invece ci siano vite che sarebbe stato meglio avessero applicato la 194 i loro genitori, non degne di essere vissute , per il bene di chi gli capita vicino.....non ci sono pene certe, non ci sono pene serie e tutte queste spennellate di benevolenza, garantismo addosso a questi poveri criminali è deresponsabilizzante.

Mi rendo conto che questo è il pensiero della maggior parte delle persone.
Personalmente ritengo sia molto pericoloso non riconoscere dignità umana ad alcune categorie di persone, in questo caso i condannati a morte, ma probabilmente potremmo estendere il concetto a molte altre categorie. Restiamo umani, anche se il mondo in crisi di oggi ci spinge sempre più verso la disumanità.
 

SALLY

New member
Mi rendo conto che questo è il pensiero della maggior parte delle persone.
Personalmente ritengo sia molto pericoloso non riconoscere dignità umana ad alcune categorie di persone, in questo caso i condannati a morte, ma probabilmente potremmo estendere il concetto a molte altre categorie. Restiamo umani, anche se il mondo in crisi di oggi ci spinge sempre più verso la disumanità.

Capisco qweedy, il concetto del "restiamo umani", ma faccio veramente fatica...anche perchè sono sicura, anzi sicurissima che la percentuale di questa gente che capisce il male fatto, che capisce la gravità delle azioni compiute e se ne pente sia veramente bassissima, io sono convinta invece che mirano solo ad uscirne indenni e pensano : m'è andata bene, alla faccia delle persone civili, sono convinta che ogni volta che non pagano adeguatamente pensano: l'abbiamo fatti fessi anche stavolta.
Io avrei impiccato anche i 4 di Sangineto, dov'era l'umanità quando in 4, hanno torturato e ucciso un cane scodinzolante??? se la sono cavata con 6 mesi di volontariato in canile, e tu pensi abbiano capito la disumanità di cui si sono macchiati? io credo di no, e sono convinta che dentro di loro ridevano come matti...tutta Italia li ha messi alla gogna e loro hanno pagato con 6 mesi di servizio civile, una vergogna ...queste pene ridicole, queste galere che tanto non ci vanno....io tornerei agli scavi con le palle al piede, devono stare male, sudare, faticare, maledire di essere nati....quando escono di li, se escono, scommetti che ci pensano bene, per amore o per forza a come si muovono.
 

qweedy

Well-known member
Capisco qweedy, il concetto del "restiamo umani", ma faccio veramente fatica...anche perchè sono sicura, anzi sicurissima che la percentuale di questa gente che capisce il male fatto, che capisce la gravità delle azioni compiute e se ne pente sia veramente bassissima, io sono convinta invece che mirano solo ad uscirne indenni e pensano : m'è andata bene, alla faccia delle persone civili, sono convinta che ogni volta che non pagano adeguatamente pensano: l'abbiamo fatti fessi anche stavolta.
Io avrei impiccato anche i 4 di Sangineto, dov'era l'umanità quando in 4, hanno torturato e ucciso un cane scodinzolante??? se la sono cavata con 6 mesi di volontariato in canile, e tu pensi abbiano capito la disumanità di cui si sono macchiati? io credo di no, e sono convinta che dentro di loro ridevano come matti...tutta Italia li ha messi alla gogna e loro hanno pagato con 6 mesi di servizio civile, una vergogna ...queste pene ridicole, queste galere che tanto non ci vanno....io tornerei agli scavi con le palle al piede, devono stare male, sudare, faticare, maledire di essere nati....quando escono di li, se escono, scommetti che ci pensano bene, per amore o per forza a come si muovono.

Ho appena finito di leggere "Nato colpevole" di Carmelo Musumeci, che racconta la solitudine e la rabbia di un bambino non amato che cerca di diventare cattivo per sopravvivere e il percorso, direi quasi inevitabile, che lo porta a compiere dei crimini. Come ha detto Carmelo «sono sì nato colpevole, poi io ci ho messo del mio a diventarlo». Ma, anche, ci ha messo del suo a uscire, a far uscire la sua voce, a esistere.

Il carcere incattivisce anzichè redimere. Mi hanno colpito le sue parole, quando cita la sofferenza inutile, che non fa bene a nessuno, nè alla società, nè alle vittime.

"Scrivo anche per fare sapere alle persone di buona volontà, che vogliono capire che nella maggioranza dei casi il carcere, così com’è oggi in Italia, produce solo tanta recidiva e che una pena crudele e cattiva non fa riflettere sul male commesso. E che agli ergastolani non servirebbe poi molto per migliorarsi, se non un po’ di speranza e un fine pena. Credo che sarebbe utile far sapere alla società che una sofferenza inutile non fa bene a nessuno, neppure alle vittime dei nostri reati."

41v28Uc8RiL._SX322_BO1,204,203,200_.jpg
 

SALLY

New member
Ho appena finito di leggere "Nato colpevole" di Carmelo Musumeci, che racconta la solitudine e la rabbia di un bambino non amato che cerca di diventare cattivo per sopravvivere e il percorso, direi quasi inevitabile, che lo porta a compiere dei crimini. Come ha detto Carmelo «sono sì nato colpevole, poi io ci ho messo del mio a diventarlo». Ma, anche, ci ha messo del suo a uscire, a far uscire la sua voce, a esistere.

Il carcere incattivisce anzichè redimere. Mi hanno colpito le sue parole, quando cita la sofferenza inutile, che non fa bene a nessuno, nè alla società, nè alle vittime.

"Scrivo anche per fare sapere alle persone di buona volontà, che vogliono capire che nella maggioranza dei casi il carcere, così com’è oggi in Italia, produce solo tanta recidiva e che una pena crudele e cattiva non fa riflettere sul male commesso. E che agli ergastolani non servirebbe poi molto per migliorarsi, se non un po’ di speranza e un fine pena. Credo che sarebbe utile far sapere alla società che una sofferenza inutile non fa bene a nessuno, neppure alle vittime dei nostri reati."

41v28Uc8RiL._SX322_BO1,204,203,200_.jpg

Ho postato qualcosa in "Piccola biblioteca", non avevo visto questo commento...conosco Musumeci e la sua storia, imperava dove abito io, l'ho scritto anche di la...Musumeci era l'amico del cuore, da ragazzo, del mio ex marito...si può scegliere, il mi ex marito ha scelto una strada fatta di lavoro, si è reso conto a 20 anni dove lo portava tutto ciò...non credo che ci sia bisogno di passarci per capire che per quella via si fa una brutta fine, ha riflettuto sul male commesso perchè l'hanno preso, altrimenti sarebbe ancora in giro per la Versilia a sparare ...a me non fanno pena.
 
Alto